Amatori a 8, primo successo stagionale per Old Blacks nel 4° turno


Prima gioia per l’Old Blacks nel 4° turno del Girone B del Campionato Uisp Amatori a 8 giocatori.
I “vecchi neri” hanno conquistato il primo successo stagionale nel duello sul fondo con la Dinamo per 6-2, lasciando i rivali all’ultimo posto, con zero punti.
La “tennistica” affermazione, favorita anche da un autogol, è stata firmata da Sandro Avvenente (doppietta), Gianluca Sessarego, Davide Campanino ed Enrico Causa.
Gli arancioni hanno dovuto accontentarsi dei guizzi di Davide Brumana e Francesco Rossi. 

In vetta è proseguito il percorso netto del Figgeu ’98, che è rimasto a punteggio pieno, superando a fatica il temibile Genova Galaxy per 3-2.
I pegliesi hanno prevalso davvero per un soffio, capitalizzando le marcature di Davide Del Re, Gabriele Lai e Claude Chiappori; i “galattici” hanno risposto solo parzialmente con Alfredo Patrone e Francesco Pullara.

Alle spalle della capolista, con 7 punti, insegue l’Ambramar Tabaccheria De Bonis, che ha superato per 4-2 il Real Ponente al termine di un confronto tiratissimo.
Sono risultate decisive le magnifiche doppiette di Angelo Russo e del romeno Marian  Laurentiu Neata; i “realisti” hanno colpito in un paio di occasioni con Maurizio Boggetta e Paolo Speziari. 

Squillante affermazione del Rocca Automobili, che ha steso con un perentorio 5-1 la Gymnotecnica Asd (a segno soltanto con Simone Romeo).
Gli “automobilisti” hanno dilagato con Brian Marchi, Claudio Urru, Flavio Cuccaro e l’uno-due di Mattia Baretto.

Né vinti né vincitori (4-4) nell’accesa e divertente sfida tra Gs Gaiazza e Movimento Rangersport.
Cristian Restaino, Alessandro Tassistro, Daniele Ferraris e Fabian De Barbieri hanno timbrato per il club di Ceranesi, tornato in piena e rigogliosa attività dopo un periodo d’oblio; i rangers hanno trovato il varco giusto con Isacco De Benedictis (doppietta), Mauro Cioce e Gabriele Siri.

Nella graduatoria marcatori, comandano con 8 gol Angelo Russo (Ambramar Tabaccheria De Bonis) e Fabio Imperiale (Genova Galaxy).
A quota 7 insegue Brian Marchi, arciere infallibile del Rocca Automobili.

Girone A – Il Sushi-Si Genova sembra l’unica squadra in grado di reggere il passo travolgente dei super campioni del Genova Calcio Anni 50.
Entrambe hanno vinto le prime quattro patite e anche lo score è simile: 28 gol fatti e 7 subiti per gli Anni 50, 26-6 per i multedini.

Nel’ultima uscita è stato proprio il Sushi-Si Genova a fare più rumore, rifilando un fragoroso e rutilante 11-1 al CSR Filippo Merlino Punto Luce.
Nella scorpacciata di gol, quelli più ingordi sono stati, con un poker a testa, Ciprian Costantin Craciun e Gazmend Allaraj; Mauro Manca si è limitato (si fa per dire) ad un tris.
Ha salvato l’onore degli avversari un orgoglioso Paolo Strazzeri.

Il Genova Calcio Anni 50 è stato meno travolgente, anche se ugualmente autorevole, superando per 5-2 un Real Sestri tutt’altro che arrendevole.
I sestresi hanno colpito con Amine Mohamed Sabor e Simone D’Avino.
I biancoblù hanno imposto la loro perfetta organizzazione e la loro classe con una fantasmagorica quaterna del portentoso Simone Spinelli (più un’autorete). 

Il Circolo Uguaglianza, pur senza fare sfracelli, ha incamerato l’intera posta, sconfiggendo per 2-0 il Senzanome. La retroguardia dei corniglianesi ha chiuso ogni pertugio e così sono state sufficienti le conclusioni al fulmicotone di Adriatik Shtufi e Valerio Cariello.  

La Lokomotiv Zapata, brillante protagonista della manifestazione in un passato non troppo lontano, non riesce ad entrare in forma.
Contro un ottimo e cinico Radioactivity è arrivato un altro K.O. (2-4), firmato dalle splendide doppiette di Sanuossy Diakite e Mustapha Touhami.
Hanno alleviato l’amarezza degli “zapatisti” gli spunti di Alidoud Ganiou e Bourahima Coulibaly.

I Lucani hanno mandato al tappeto (4-1) l’Ottica Balducci, che ha timbrato con Enis Ceka.
Gli avversari hanno controllato quasi sempre la gara, concretizzando le loro offensive con Miguel Angel Fernandez Saltos, Michael Celano e Ivan Bagalà.

Nella classifica marcatori, Simone Spinelli, “gunner” del Genova Calcio Anni 50, è fuori portata, con i suoi 17 gol (una media di oltre 4 reti a partita).
Ciprian Costantin Craciun (Sushi-Si Genova) è secondo a quota 9.
Con 8 troviamo Sanoussy Diakite (Radioactivity) (Francesco Ferrando).