Lavoratore A2, il settimo turno delle venti protagoniste


Da venticinque anni (è stata fondata nel 1991) l’ARCI Isoverde, targata Gs Gaiazza, è un’apprezzata protagonista del calcio uispino.
Un esempio di lealtà, passione e correttezza: valori incarnati in un condottiero senza macchia e senza paura che risponde al nome di Marco Pericoli.
Nel 2015-2016, ha patito la retrocessione dalla A1, ma è subito ripartita di slancio, candidandosi al ruolo di favorita per un immediato ritorno nella categoria superiore.
Gli isoverdini stanno mantenendo fede alle promesse e dopo il 7° turno del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 - serie A2 mantengono saldamente la leadership nel Girone A
Nell’ultima uscita, hanno spazzato via (4-1) la Vecchia Rivarolese 2016, in netto calo dopo un avvio scoppiettante.
Le doppiette di Davide  Sorrenti e Federico Sciutto hanno certificato un’evidente superiorità tecnica e atletica.
Gli “avvoltoi” hanno dovuto accontentarsi delle briciole, limitando un po’ il passivo con Luca Passalacqua. 

Alle spalle del Gs Gaiazza ARCI Isoverde, continua a brillare il Wings Aerospace, secondo ad una sola lunghezza. Gli “astronauti” hanno rifilato un sonoro 4-1 al Genova Calcio Linea Messina, dimostrando di non essere una semplice meteora, ma una stella di prima grandezza.
L’ampia affermazione porta la firma di Andrea Pinciroli, Daniel Pantuso, Francesco Ciccotti e Daniele Dussoni. Conta soltanto per la statistica il guizzo del bravo Daniele Ieraci, sempre puntuale sotto porta.

In terza posizione, in piena zona play off, troviamo, a quota 7, Deportivo 2007 e Olimpic Pra’ Pegliese 1971.
Il “Depor” ha superato per 2-0, con forza e autorevolezza, il Due Settembre 1971, capitalizzando al meglio le stoccate di Stefano Morelli e Giorgio Franchini, tra i migliori in campo.
Per i “settembrini” un’altra battuta d’arresto, che li inchioda in terz’ultima posizione. 

I praesi hanno liquidato con un altro 2-0 il Gs Pallavicino, sempre “fanalino di coda” del torneo con appena un punto. I rossoverdi hanno risolto la pratica con gli spunti di David Illuminati e Germano Curabba.
Gli avversari hanno lottato con ardore, ma la differenza di valori è parsa chiara.

Infine, un ritrovato Phoenix 1995 ha piegato per 3-2 un combattivo Saint Trappa.
La squadra della fenice è stata trascinata da uno straordinario Fernando Byian Esmeralda Jinez, che ha realizzato una fantastica doppietta (del solito Alessandro Latino, bomber di stazza e di razza, l’altra marcatura).
I rivali hanno risposto solo in parte con Alessandro Orzo e Federico Gardella.

Nella classifica marcatori, Armando Iazzetta (Genova Calcio Linea Messina) e Stefano Morelli (Deportivo 2007) guidano con 7 gol.
Li tallonano, a quota 6, Daniel Pantuso (Wings Aerospace) e Davide Sorrenti (Gs Gaiazza ARCI Isoverde).

Girone B – Il discorso fatto in apertura sugli isoverdini vale anche per il Foce SAAR Depositi Portuali, che pare aver trovato il giusto assetto, inserendo pienamente i nuovi acquisti di grande qualità.
I focesi hanno superato di misura (2-1) il temibile CSKA Pizza, che non sta vivendo una bella stagione, ma resta una squadra ostica da affrontare per chiunque.  
I sospirati de punti sono arrivati solo all’ultimo minuto, quando Alessio Profumo ha buttato nel sacco un delizioso suggerimento di Storace.
Ma gli uomini di Riccardo Grossi hanno sempre controllato il gioco, pur sbattendo spesso contro l’ordinata difesa avversaria, sostenuta da un Ferretti mostruoso. 
Chiuso il primo tempo sul nulla di fatto, il Foce ha attaccato a fondo nella ripresa e, dopo aver centrato una traversa con Profumo, è passato meritatamente in vantaggio con l’eccellente Marco Nicoletta.
I “pizzaioli”, volitivi ma mai pericolosi, hanno trovato il pari a 10’ dal termine, sul primo tiro in porta, operato da Giovanni Rotella.
Poi, quando ormai il pari pareva scritto, con le squadre stanche e meno lucide, ecco il lampo di Profumo, che consente ai biancocelesti di mantenere il primato a fianco dell’Ospedale San Martino.

Gli ospedalieri hanno faticato decisamente di meno per battere (4-1) lo Zener.
Il team di Sergio Barocci, che veniva da un paio di settimane negative, ha rispolverato un travolgente gioco offensivo, lucidando le sue micidiali bocche da fuoco.
La prova superlativa del collettivo è stata così esaltata dalle splendide doppiette di Simone Grimaldi e Danilo Ieraci (sempre più bomber del girone).
Gli “ingegneri” hanno siglato il classico gol della bandiera con Rosario Germino.

E’ stata anche la giornata dell’atteso derby di Quarto tra le esordienti Atletico e Amatori.
L’ha spuntata l’Atletico per 4-2, al termine di una gara esaltante e giocata su buoni ritmi da entrambe le formazioni. Insomma, un vero e degno derby.
I gialloblù sono stati però più precisi, centrando il bersaglio con Matteo Fraschini, Luigi Simeone, Raffaele Bevere e Filippo Abbate.
Sono servite a poco le bordate sul fronte opposto di Timothy Nuvoli e Fabricio Ronald Lopez Leon. 

Un’Ottica Gualducci sempre più positiva e determinata ha liquidato con un perentorio 3-0 l’AF Alcor Asd, che “rema” in ultima posizione con un solo punticino.
Gli ottici hanno concretizzato le loro spumeggianti manovre con Shpetim Hyka, Antonio Greco e Domenico Bevacqua. 

Pari e patta (2-2) nell’equilibrata ed incerta sfida tra AB Ventieventi e Marsiglia.
E’ stata una continua corsa ad inseguimento tra due compagini in buone condizioni di forma.
Gli “atletici” (AB sta per Athletic Blu) hanno colpito con Emanuele Vassallo e Obina Eze, mentre i multedini hanno sfruttato le bordate di Alexander Sicari (una sentenza in area) e Ivan Romy Lucagrossi. 

Nella graduatoria riservata alle punte, il migliore è sempre Danilo Ieraci, dell’Ospedale San Martino, con 9 reti.
Lo seguono, a quota 7, Rosario Germino (Zener) e Marco Nicoletta (Foce SAAR Depositi Portuali) (Francesco Ferrando).