Lavoratore A2, gli "agganci in vetta" della nona giornata


Operazione aggancio nel Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2, che è giunto già al “giro di boa” della stagione regolare.
Dopo il 9° turno (e l’atteso recupero Zener Asd-CSKA Pizza) il Wings Aerospace ha raggiunto in vetta al Girone A l’Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe e lo stesso hanno fatto nel Girone B il Foce SAAR Depositi Portuali e lo Zener Asd, appaiando l’Ospedale San Martino.
Le cinque capolista sembrano avere già un piede e mezzo nei play off per quanto di bello e di buono hanno fatto vedere sin’ora.

Girone A – Il Wings Aerospace, fondato nel 2012, sta vivendo un’annata davvero magica.
Dopo aver raggiunto a sorpresa i play off nel 2015-2016, ora vuole di più e si candida addirittura ad una promozione in A1.  
Nell’ultima uscita, ha regolato per 2-0 il Pallavicino, “fanalino di coda” della manifestazione e ancora a secco di vittorie (1 pareggio e ben 8 sconfitte il suo magro bilancio).
Gli “astronauti” hanno controllato abbastanza agevolmente il match, concretizzando le loro manovre con Alvaro De Jesus Pena e Davide Pelacani.

Con questa affermazione hanno affiancato, a quota 15, l’Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe, fermato sul pari (1-1) dal temibile Olimpic Pra’ Prgliese 1971, un avversario da prendere sempre con le molle.
I praesi, che hanno mantenuto un rendimento altalenante in questa prima parte di stagione, hanno sfoderato una prestazione di alto livello, andando a segno con Germano Curabba.
Gli isoverdini hanno colpito a loro volta con Federico Sciutto.

I rossoverdi hanno mantenuto così la quinta piazza, in coabitazione con la Vecchia Rivarolese 2016, che ha diviso la posta (2-2) con un Due Settembre 1971 più in palla del solito.
Agli “avvoltoi”, in calo dopo una partenza sprint, non sono bastati i guizzi di Gabriele Cordone e Salvatore Marsala per aggiudicarsi l’aspra contesa, visto che la compagine di Mauro Torre ha giocato con ardore e convinzione, trovando il varco giusto con Mohamed Hilouane e il solito, puntuale Andrea Cremonesi. 

Il Deportivo 2007 ha confermato di poter puntare in alto (è saldamente terzo con 13 punti), piegando per 2-1 il Phoenix 1995.
Non è stata una passeggiata per i gialloblù di Bavari, che hanno però sfruttato le capacità realizzative di Stefano Morelli, autore di una splendida doppietta.
La squadra della fenice ha lottato sino all’ultimo, ma lo spunto di Fernando Bryan Esmeralda Jinez, il suo “puntero” più efficace, non ha portato punti.

Il Saint Trappa ha mantenuto accese le speranze di entrare nella zona calda (ora è sesto a quota 8), superando nel match più intenso e spettacolare di giornata il Genova Calcio Linea Messina (4-3).
Claudio D’Agostino, in forma eccezionale, ha trascinato i suoi con una meravigliosa tripletta, a cui si è aggiunta una bordata di Alessandro Mongini.
I sestresi hanno dovuto chinare il capo, pur riuscendo a bucare per tre volte la retroguardia avversaria con Michele Fragomeno, Andrea Barbati e Adriano Squillace.

Nella classifica marcatori, Stefano Morelli (Deportivo 2007), grazie al suo squillante uno-due, ha allungato e comanda con 10 reti.
Armando Iazzetta (Genova Calcio Linea Messina) è il suo inseguitore più vicino con 7 gol.
A quota 6, troviamo una sfilza di ben sei giocatori: Federico Sciutto e Davide Sorrenti (Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe), Daniele Dussoni e Daniel Pantuso (Wings Aerospace), Salvatore Marsala (Vecchia Rivarolese), Claudio D’Agostino (Saint Trappa).

Girone B – “Come diavolo fa il CSKA Pizza ad essere in quella scomoda posizione di classifica?”.
E’ questa la domanda che si è fatta Sergio Barocci, storico “factotum” dell’Ospedale San Martino, al termine della sfida con i “pizzaioli”, terminata con un salomonico pareggio per 0-0.
Non ci sono stare reti, ma la gara è stata ugualmente bellissima: tesa, incerta, palpitante dal 1’ al 70’ minuto.
Il CSKA Pizza ha dimostrato di valere tecnicamente molto più di quanto esprimano i numeri delle prime nove giornate.
Gli ospedalieri, dal canto loro, hanno ribadito di essere una “macchina da guerra”, anche se, nella circostanza, non sono stati precisi in fase conclusiva. Merito, soprattutto, della fiera opposizione della compagine guidata dal presidente Alessio Battini.

Il mezzo passo falso di Danilo Ieraci e compagni ha favorito il Foce SAAR Depositi Portuali, che è salito in vetta a fianco dell’Ospedale San Martino, in virtù dell’affermazione per 4-2 sul campo dell’Amatori Quarto.
I padroni di casa hanno giocato una partita “garibaldina”, con un avvio vivacissimo, che li ha portati a passare in vantaggio all’8’ con Umberto Conti e a sfiorare il raddoppio con Vladyslav Dziunko dopo un quarto d’ora (il suo tiro ha lambito il palo). 
Ma, come ha dichiarato Riccardo Grossi, il “conducator” dei focesi, “è scattata subito la legge del gol sbagliato gol subito” e la sfida ha preso un’altra piega; anche perché è salito in cattedra un Marco Nicoletta versione Superman.
L’attaccante biancoceleste ha calato un irresistibile poker di reti, prima effettuando il sorpasso al 15’ e al 39’; poi (dopo il momentaneo 2-2 di Davide Fiori al 50’ su rigore) ha piazzato l’allungo decisivo con un altro micidiale uno-due al 59’ e al 70’. 

L’AB Ventieventi ha superato per 1-0 l’Ottica Gualducci e ora tallona la coppia di testa ad una sola lunghezza.
E’ stata una faticaccia per gli “atletici”, che hanno però dimostrato di saper vincere anche quando non sono al massimo.
Gli ottici, migliorati enormemente con il passare delle partite, hanno opposto resistenza, ma sono stati affossati da una sfortunatissima autorete.

Lo Zener Asd, in un duello da quartieri alti, ha avuto la meglio per 3-2 su un buon Marsiglia.
I multedini, attualmente in quinta posizione (l’ultima che garantisce i play off), hanno offerto una prestazione vibrante, piazzando un paio di affondi con Simone Galluzzo e Christian Steiner.
Ma gli “ingegneri” hanno saputo fare di meglio, incamerando l’intera posta grazie agli acuti di Giovanni Fassio, Giulio Corsi e Rosario Germino (non per nulla vantano il secondo miglior attacco del gruppo dietro al Foce SAAR Depositi Portuali, che ha siglato ben 37 gol). 

Lo Zener Asd ha bissato il successo nel recupero piegando per 3-2 il CSKA Pizza nella gara disputata martedì sera a Pontedecimo.
I rossoblù, che avevano imbavagliato l’attacco dell’Ospedale San Martino appena tre giorni prima, non sono stati altrettanto impermeabili e la loro difesa è stata bucata da Giovanni Fassio, Giulio Corsi e Paolo Coppini.
L’auspicata svolta, insomma, non c’è stata, malgrado un’altra prestazione volitiva, evidenziata dalle segnature di Alessio Battini e Marcello Falanga.
Gli “ingegneri” hanno invece dimostrato, in un campionato equilibratissimo, di poter competere sino alla fine per la promozione. 

Gara ricca di marcature ed estremamente palpitante quella tra AF Alcor e Atletico Quarto, terminata con un pirotecnico pareggio per 3-3.
I gialloblù hanno timbrato con Giorgio Lenzi e Fabio Cenciarini (più un’autorete).
I rivali hanno risposto adeguatamente con una magnifica doppietta dello scatenato Luca Romano e uno spunto di Federico Adaglio. 

Nella graduatoria riservata ai bomber, Marco Nicoletta (Foce SAAR Depositi Portuali), con il suo exploit, è balzato davanti a tutti con 11 reti.
Lo tallonano, a quota 10, Danilo Ieraci (Ospedale San Martino) e Rosario Germino (Zener Asd).
A 7 troviamo Giulio Corsi (Zener Asd) e Alessio Profumo (Foce SAAR Depositi Portuali). 

Il campionato riposerà in occasione del ponte dell’Immacolata e riprenderà con la 10a giornata il 16 e 17 dicembre (Francesco Ferrando).