Amatori a 8, le "goleade" del sesto turno stagionale


Il 6° turno del girone B del Campionato Uisp Amatori a 8 giocatori è stato caratterizzato da un paio di goleade “epocali”.
Il Figgeu ’98, unica formazione a punteggio pieno del gruppo, ha tramortito con un eloquente 13-5 la Dinamo, “fanalino di coda”, che, all’opposto dei pegliesi, ha sempre perso in questo avvio di stagione.
Stefano Marinelli ha fatto la parte del leone, calando una fantastica cinquina; Gabriele Lai si è limitato (si fa per dire) ad una tripletta, Alberto Mostes ad una doppietta, mentre Federico Lai, Giuseppe Bosco e Matteo Mazzoni hanno completato l’opera di demolizione.
Sul fronte opposto, il tris dell’irriducibile Alessio Idili e l’uno-due di Maurizio Rossi hanno limitato un po’ il pesante passivo.

Il Real Ponente ha riservato un trattamento simile (12-3) all’Asd Gymnotecnica (a segno con Luca Coluccino, Alessio Peirani e Andrea Marra).
I “realisti”, assoluti dominatori della gara, hanno dilagato con un’irresistibile quaterna di Denny Costanzo, il tris di Nicola Speziari e gli acuti singoli di Salvatore Adamo, Alessandro Aresca, Alessio Greco, Maurizio Buggetta e Giuseppe Di Sciro.
La festa per la vittoria è stata però rovinata dal brutto infortunio occorso al presidente Maurizio Baggetta, a cui i suoi ragazzi augurano una pronta guarigione e lo aspettano il prima possibile al suo posto in campo.

L’Ambramar Tabaccheria De Bonis si è mantenuta in scia della capolista (a meno uno), superando con un secco 4-0 l’Old Blacks.
L’eccellente difesa dei “tabaccai” ha reso inoffensivi i “vecchi neri”, che sono caduti sotto i colpi dell’implacabile Alexandru Florin Nicu (doppietta da sballo), Luca Valenti e Angelo Russo.

Una combattiva Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe, penultima con un solo punticino, ha dovuto alla fine arrendersi di fronte alla qualità del Rocca Automobili, che ha colpito con Brian Marchi, Emanuele Noto ed Emanuele Scapin; gli isoverdini, che presentavano il loro nuovo sponsor, hanno risposto solo in parte con Raffaele Nuovo e Mauro Ghio.  

Il Genova Galaxy ha piegato con identico punteggio un arcigno Movimento Rangersport, scavalcandolo anche in classifica.
I “galattici” di capitan Alfredo Patrone hanno prevalso d’un soffio, al termine di un confronto tiratissimo, grazie alle marcature di Fabio Cesare Imperiale (il loro bomber principe), Fabrizio De Angelis e Carlo Vandresi. Le stoccate di Isacco De Benedictis e Gabriele Siri non hanno evitato il K.O. ai rangers. 

Nei due recuperi, il Real Ponente (2 Alessio Greco, 1 Adamo Salvatore e Denny Costanzo, più un autogol) ha avuto la meglio per 5-4 sull’Arci Isoverde Uniservice Unisafe (2 Mauro Chino, 1 Michele Rebora e Gentjam Ilani), rafforzando la propria quarta posizione (8 punti).
Il Rocca Automobili (2 Bruno Marchi e Marco Parodi, 1 Claudio Urru) ha liquidato per 5-2 il Genova Galaxy (1 Francesco Pullara e Fabio Cesare Imperiale) ed è saldamente terzo a quota 10.

Nella graduatoria riservata agli attaccanti, guida la coppia formata da Marian Laurentiu Neata (Ambramar Tabaccheria De Bonis) e Denny Costanzo (Real Ponente) con 11 reti.
Con 10 inseguono Angelo Russo (compagno di club di Neata), Brian Marchi (Rocca Automobili) e Fabio Cesare Imperiale (Genova Galaxy).

Girone A – Ci sono diversi modi per vincere.
Con una prima linea da combattimento o con una difesa impermeabile.
Lo dimostrano Genova Calcio Anni 50 e Sushi-Si, prime e a punteggio pieno.

I campioni in carica hanno mostrato tutte le loro immense qualità offensive travolgendo per 9-1 l’Ottica Gualducci, andato a segno con il gol della bandiera di Alberto Savino.
Simone Spinelli ha calato un settebello da record; Roberto Balboni e Stefano Zelatore hanno messo i sigilli.

I ragazzi del Sushi-Si hanno “calato la saracinesca” contro il Radioactivity, consentendo al loro portiere di chiudere con un “clean sheet” (ovvero senza incassare reti, secondo la definizione inglese): sono appena 6 i gol subiti dai giallo-azzurri (uno a partita).
In avanti, c’hanno pensato poi un eccellente Mauro Manca (doppietta) e un preciso Gazmend Allaraj a chiudere i conti, fissando il punteggio sul definitivo 3-0. 

Il Circolo Uguaglianza ha ottenuto un successo importante in chiave play off, sconfiggendo per 2-0 i temibili e mai domi Lucani.
I corniglianesi hanno risolto a loro favore la difficile contesa con un micidiale uno-due del bravissimo Nicholas Patrone Genovesi, “man of the match”. I bianchi, sono comunque usciti dal campo senza aver nulla da rimproverarsi.

Il Senzanome ha spento le velleità di riscossa della Lokomotiv Zapata No Borders, imponendosi per 5-2. Michele De Siena ha trascinato i suoi con una poderosa tripletta, a cui si sono aggiunti gli spunti di Ivan Sorbera e Luca Bianchi. Gli “zapatisti” si sono addolciti parzialmente la bocca con Ameth Ndiaye e Bourahima Coulibaly.

Sesta amarezza consecutiva, invece, per il CSR Filippo Merlino Punto Luce, che ha ceduto (2-5) al Real Sestri.
I “realisti” si sono aggiudicati il derby sestrese, concretizzando la loro superiorità tecnica con Andrea Napoli, Sadok Akkari, Marco Rolando (doppietta DOC) e Josè Andres Amaj Viejo.
La squadra del circolo Arci Uisp di via Galliano ha lottato con impegno e determinazione, ma un autogol e il guizzo di Paolo Strazzeri sono serviti a poco.   

Nella classifica marcatori, Simone Spinelli (Genova Calcio Anni 50) viaggia a quote siderali, con 27 reti (alla media di 4,5 segnature a partita).
Ciprian Costantin Craciun e Gazmend Allaraj (efficacissima coppia del Sushi-Si Multedo) sono distanti, a quota 9 (Francesco Ferrando).