Amatori a 6, il timbro del Nanetta 11 nell'ultimo turno


Nanetta 11 non è una società di calcio.
E’ un atto d’amore e di speranza, nato dal dolore.
Il club è stato fondato nel 2012 da Fabio Melis, in memoria di sua figlia Elena, scomparsa a soli nove anni per una grave malattia.
La squadra è stata battezzata proprio col soprannome di quel piccolo angelo: “nanetta”.  
L’attività sportiva è un traino per tante iniziative benefiche a favore dell’ospedale “Gaslini” e dei bambini ricoverati.
Il Nanetta 11nella scorsa estate è entrato a far parte della famiglia UISP, iscrivendosi al Campionato Uisp Amatori a 6 giocatori, dove sta ottenendo risultati di tutto rispetto.

Attualmente è quarto in classifica, a meno cinque dalla vetta, ma con una gara in meno.
Nell’11° turno, gli uomini del presidente Fabio Melis e del tecnico Luigi Cervetto hanno piegato per 3-1 lo Studio Fossati Srl, al termine di un confronto avvincente, incerto e con poche segnature.
La bilancia ha finito col pendere dalla parte dei blu, grazie alle conclusioni di Fabrizio Tassara, Emanuele Pero (bomber della squadra con 12 reti a testa) e Andrea Giuliani.
Sul fronte opposto, ha colpito Davide Rivolta.

Intanto, il Gsc Sant’Olcese KF Service ha confermato la sua leadership (21 punti), superando per 8-4 il Mambo FC.
Simone Ientile (fantastica quaterna) e Davide Cipollaro (tripletta d’autore) hanno trascinato la capolista (lo score è stato completato da Giuseppe Pala).
Gli avversari, che non hanno certo demeritato, sono andati a segno con un meraviglioso tris di Alessandro Pische e un autogol. 

Il Real Pluto, secondo a quota 19, ha faticato parecchio per venire a capo di un’indomita Banda Bassotti, che nella circostanza ha dimostrato di valere più della terzultima piazza (sin’ora ha raccolto appena 2 punti, come Teplice e Bambocci Team).
I “banditi” hanno centrato il bersaglio contro la seconda miglior difesa del campionato con gli spunti di Christian Frau (doppietta), Fabrizio Zanda (tripletta) e Giacomo Pecorella.
I neroverdi hanno prevalso davvero d’un soffio, sfruttando gli scatenati Francesco Garbarini e Maurizio Renna, che hanno calato rispettivamente un poker e un tris davvero irresistibili.

Il Real Ponente, terzo con 18 punti, ha retto il passo delle rivali, travolgendo con un significativo 10-2 il Teplice. Salvatore Adamo (tre reti) e Daniele Campoliti (due) hanno fatto la voce grossa; l’uno-due di Emiliano Mazzaferro e gli acuti di Alessio Greco e Salvatore Di Pasqua hanno chiuso il discorso.
Dall’altra parte, il bis di Luca Parodi ha mitigato un po’ l’amarezza per KO.

I campioni in carica dell’Ediltecno Design AB Edilizia, costretti ad inseguire, hanno affiancato il Nanetta 11, sconfiggendo per 9-6 un battagliero Resto Del Mondo (a bersaglio con le doppiette di Francesco D’Amico e Bruno Piccardo e le stoccate di Massimo Molinari e Marco Vassallo).
Gli edili hanno avuto il solito apporto dai “gunners” Alessandro Grimaldi e Andrea Damonte (una “terna” ciascuno); i restanti timbri portano la firma di Andres Xavier Garcia Castillo.

Goleada di un incontenibile Cibona CB, che ha rifilato uno squillante 11-1 all’All Scars S.C.
Hanno recitato un ruolo da protagonisti, con una tripletta a testa, Andrea Parodi, Nicolò Bozzolo e Lorenzo Bianchi; Federico Ferrando e Achille Da Pelo hanno inflitto un altro paio di colpi.
L’All Scars S.C. ha siglato il gol della bandiera con Massimiliano Ciotola. 

Anche un brillante Olimpic Pra’ Pegliese 1971 ha vinto con un punteggio altisonante (15-7), superando il Bambocci Team.
Andrea Atzeni, implacabile sotto porta, ha esibito una cinquina da favola, a cui si sono aggiunte le terzine di Alessio Sercia, Massimo Cambi e Rosario Maganuco e un’invenzione di Matteo Tedone.
I rosanero hanno messo in mostra un commovente Mirko Martino, che ha tenuto per un po’ a galla i suoi con una splendida cinquina; il tabellino è stato fissato da Gregory Taddeo e Marco Tassano.

Nella graduatoria riservata alle punte, Emanuele Cipollaro, del Gsc Sant’Olcese KF Service, ha raggiunto una stratosferica quota 40, viaggiando alla media di 3,63 gol a partita.
Maurizio Renna (Real Pluto) lo segue a quota 22 (due centri in ogni incontro).
A 20, troviamo poi la coppia formata dall’esperto Alessandro Grimaldi (Ediltecno Design AB Edilizia) e dalla rivelazione Mirko Martino (Bambocci Team) (Francesco Ferrando).