Lavoratore A2, le sorprese della dodicesima giornata


La rincorsa si presenta quasi proibitiva.
Ma il CSKA Pizza, dopo un girone d’andata complicato, sta cercando una “rimonta” molto difficile, ma mai impossibile.
L’obiettivo è quello di raggiungere i play off.
Intanto, nel 12° turno del girone B del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2, i “pizzaioli” hanno ottenuto un successo fondamentale per continuare a sperare, piegando al  termine della gara più spettacolare della giornata l’AB Ventieventi (5-4).  
E’ stata una partita entusiasmante, ricca di continui capovolgimenti e vietata ai cardiopatici.
Alla fine, la compagine del presidente Alessio Battini l’ha spuntata per un soffio, capitalizzando le magnifiche doppiette di Marcello Falanga e Tiziano Cargnel, più uno spunto di Matteo Nosenghi.
Sul fronte opposto, ha brillato Stefano Castronovo, con una bella doppietta, a cui si sono aggiunte le conclusioni di Walter Genna e Michael Marra. 

In un'altra gara chiave, il Foce SAAR Depositi Portuali ha superato per 5-1 lo Zener, restando da solo al secondo posto, ad una sola lunghezza dall’Ospedale San Martino.
E dire che l’incontro, condizionato dal vento che spirava sul “Cige”, era iniziato bene per gli “ingegneri”, che erano passati in vantaggio dopo pochi minuti con Giulio Corsi.
Ma i focesi hanno ribaltato la situazione già nel primo tempo con Andrea Falasca e Andrea Limoncelli, colpendo pure un palo con Alessio Profumo su punizione.
Nella ripresa, col vento alle spalle, i bianco-gialloneri hanno cercato la rimonta, centrando a loro volta un legno con Castillo Garcia.
Ma la compagine di Riccardo Grossi, più determinata e precisa, ha impresa la svolta decisiva con Stefano Ciani (che ha beffato il portiere con un tiro “ballerino”) e poi ha dilagato nel finale, trionfando con un punteggio troppo punitivo per Strizoli e compagni.
E’ stato Giacomo Starace, con una splendida doppietta, a fissare il punteggio conclusivo. 

L’Ospedale San Martino ha sfruttato il calendario favorevole, regolando per 3-1 l’AF Alcor Asd, ultimo in graduatoria.
Il team del professo Sergio Barocci ha fatto valer la sua miglior tecnica con le marcature di Agostino Lanza, Marco Rovere e Danilo Ieraci (sempre puntuale sotto porta).
I rivali hanno comunque lottato con impegno e sono usciti dal campo a testa alta, “timbrando” con Matto Picco.

L’Atletico Quarto Liggia Pub si è mantenuto in zona play off, piegando per 3-2 un’ostica Ottica Gualducci.
I gialloblù hanno sofferto, ma l’hanno spuntata con le stoccate di Massimo Montaldo, Filippo Abbate e Luca Tassara.
Gli ottici hanno risposto solo parzialmente con Shpetim Hyka e Ignazio Giampechini e sono rimasti bloccati a quota 10, a meno tre dalla quinta piazza.

A questa posizione cruciale, l’ultima che qualifica per la fase decisiva, si è invece avvicinato (ora è solo a meno uno) il Marsiglia, che ha battuto con un secco 4-1 l’Amatori Quarto (a segno soltanto con Domenico Napoli).
I multedini, apparsi più freschi e vogliosi, hanno affondato gli avversari con Andrea Coluccia, Luca Vannucci (doppietta d’autore) e Alexander Sicari.

Nella classifica dedicata ai bomber, Danilo Ieraci, “fromboliere” storico dell’Ospedale San Martino, guida con 14 gol.
Lo segue, a quota 11, Marco Nicoletta (Foce SAAR Depositi Portuali).
A 10 troviamo Rosario Germino, dello Zener

Girone A – Il Saint Trappa ha conquistato un punto d’oro, fermando sul pari (1-1) la capolista Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe e rimanendo da solo al quinto posto con 12 punti (uno in più di Olimpic Pra’ Pegliese 1971 e Phoenix 1995).
I “santi” hanno imbrigliato le manovre della capolista, confermando la loro costante crescita.
Rispetto alle prime partite, sono più convinti e meglio organizzati e la squadra di Marco Pericoli (a bersaglio con Francesco Pittaluga) ha dovuto alla fine accontentarsi della divisione della posta. Il gol dei gialloneri porta la firma dell’ottimo Simone Rotella.

Il Deportivo 2007, sempre più lanciato, ha approfittato del mezzo passo falso degli isoverdini per avvicinarsi ad una sola lunghezza, in virtù della spettacolare vittoria per 5-3 contro il temibile Olimpic Pra’ Pegliese 1971.
Ai praesi, un po’ troppo discontinui in questa stagione, non è bastata la magnifica doppietta di Claudio Pira e una bordata di Alessandro Pische, perché dall’altra parte la prima linea del “Depor” è stata devastante con l’uno-due di Mattia Salvi e le conclusioni letali di Manuel Tola, Stefano Morelli e Daniele Rapallino.

Anche il Wings Aeropsace, adesso a quota 18, ha fatto un passo in avanti, rafforzando ulteriormente la terza piazza.
Gli “astronauti” hanno piegato la resistenza di un buon Due Settembre 1971, imponendosi col minimo scarto (1-0). E’ risultata decisiva un’invenzione del solito Daniele Dussoni, che sotto porta è spesso immarcabile.  

Il Phoenix 1995 ha invece rallentato il passo, impattando per 2-2 con un orgoglioso ed efficace Genova Calcio Linea Messina. L
a squadra della fenice ha colpito con Alessandro Latino (un nome famoso nel Lavoratore A2) e Miuler Smith Calderon Bravo. I sestresi non sono stati a guardare e hanno portato un paio di affondi micidiali con Luca Bertoli e Giorgio Mortello. 

La Vecchia Rivarolese 2016 ha sudato più del previsto per incamerare l’intera posta contro il Pallavicino, “fanalino di coda” del torneo.
Gli “avvoltoi” sono riusciti a prevalere per 1-0 con una botta di Antonio Pecoraro, raggiungendo così a quota 12 il Saint Trappa. Per i giallorossoneri, alla loro prima esperienza nell’UISP, il sogno play off continua. 

Nella classifica marcatori, Stefano Morelli, uno dei segreti della splendida stagione del Deportivo 2007, è al comando con 14 reti.
Seguono, più staccati, Daniele Dussoni (Wings Aerospace) e Claudio D’Agostino (Saint Trappa), entrambi a quota 8 (Francesco Ferrando).