Lavoratore A2, la giornata numero 14


A quattro giornate dalla fine della stagione regolare, nel Girone B del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2 i primi due posti sono in pratica assegnati: Foce SAAR Depositi Portuali e Ospedale San Martino si contenderanno il primato, che regala 3 preziosi punti di bonus per i play off.
La lotta per i restanti tre “biglietti” è invece ancora apertissima e coinvolge sei squadre, comprese tra quota 16 e quota 12.

Ottica Gualducci
(13 punti) e CSKA Pizza (12) sono rimaste aggrappate alla speranza, conquistando nel 14° turno due successi indispensabili. 

Gli ottici, al loro esordio nel campionato, hanno battuto per 3-1 l’Amatori Quarto, con una condotta di gara autorevole, che si è concretizzata negli spunti di Oualid Yaccoubi, Alberto Savino e Shpetim Hyka.
Il team di mister Calogero Balbi, che era parso timorosa nelle prime uscite, ha confermato di essere in costante ascesa.
Dall’altra parte, la volonterosa compagine di Buonaventura Torrente, che ha riscosso nel corso del torneo la simpatia di tutti per la sua correttezza e lo spirito sportivo, ha risposto solo in parte con Adrian Julio Segura Guagua.

Il CSKA Pizza ha proseguito il suo tentativo di rimonta, iniziato dalla penultima posizione, piegando per 2-1 il temibile e temuto Zener, al termine di un confronto emozionante ed incerto, che ha punito troppo severamente gli “ingegneri”.
La formazione di Maurizio Occhi è stata più cinica e, per una volta (dopo tante “sfighe”), anche più fortunata, capitalizzando gli spunti di Max Maccario e Roberto Annaloro.
I bianco-gialloneri, a cui non è bastato l’affondo di Giovanni Fassio, hanno finito per non raccogliere nulla, pagando ben oltre i loro demeriti.

Sul terzo gradino della classifica, si trovano ora tre squadre: lo Zener, l’Atletico Quarto Liggia Pub e il Marsiglia, l’unico di questo terzetto ad aver vinto.

I “marsigliesi” non hanno però avuto vita facile contro il “fanalino di coda” AF Alcor; alla fine sono riusciti ad avere la meglio per 3-2, grazie alle marcature di Fabio Ricci, Alexander Sicari e Christian Steiner.
Gli avversari, che continuano ad onorare la manifestazione pur senza ottenere buoni risultati (3 soli punti) hanno colpito con Giorgio Lenzi e Marco Battista.

L’Atletico Quarto Liggia Pub ha dovuto alzare bandiera bianca (1-2) contro la capolista Foce SAAR Depositi Portuali.
La squadra di Quarto Alta, reduce da quattro affermazioni consecutive, ha reso la vita difficile ai focesi, com’era prevedibile.
I ragazzi di Riccardo Grossi avevano però iniziato a spron battuto e, dopo aver colto due pali con Ciani e Colombo, erano passati meritatamente in vantaggio con Vincenzo Nicosia.   
Ma i levantini, alla prima conclusione in porta, hanno pareggiato al 29’ con Luca Tassara (palla sulla traversa e poi di poco oltre la linnea bianca).
Nella ripresa, sono stati poi proprio i ragazzi in maglia gialla a prendere in mano le redini del gioco, obbligando la difesa del Foce ad uno strenuo lavoro.
Quando la sfida pareva ormai destinata al pari, in pieno recupero, i padroni di casa hanno trovato il gol decisivo con Alessio Profumo su rigore, concesso per un ingenuo fallo di Dosi sullo stesso attaccante. 

L’Ospedale San Martino è sempre secondo ad un punto dalla vetta, dopo aver piegato per 1-0 l’ostico AB Ventieventi.
L’incontro, caratterizzato da estrema correttezza, ha offerto anche alcune manovre interessanti. L’equilibrio è stato rotto da un’invenzione del bravo Yuri Dellacasa, che ha fatto pendere la bilancia dalla parte degli ospedalieri.

Nella classifica riservata alle punte, il bomber storico dell’Ospedale San Martino, Danilo Ieraci, comanda con 23 reti.
Più staccato, a quota 13, viaggia Marco Nicoletta, del Foce SAAR Depositi Portuali.
A quota 19 troviamo poi Walter Genna (AB Ventieventi), Rosario Germino (Zener) e Alexander Sicari (Marsiglia).

Girone A – L’Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe ha ipotecato la prima piazza (ora ha tre punti sulla più immediata inseguitrice), sconfiggendo per 3-0 nello scontro al vertice Il Deportivo 2007, che si era presentato baldanzoso a Pontedecimo: sembrava infatti la compagine più in palla del campionato.
Ma ha dovuto fare i conti con la forza d’urto e la determinazione degli isoverdini, che hanno voluto dimostrare a tutti perché sono i favoriti per la promozione.
Gli uomini di Marco Pericoli hanno insomma imposto la legge del più forte. 

Il Depor, che può consolarsi con una qualificazione certa ai play off, è stato scavalcato in seconda posizione dal Wings Aerospace (22 punti contro 21), che ha superato, non senza qualche affanno, un combattivo Phoenix 1995 (2-1). 
Gli “astronauti” ormai sono più una certezza che una rivelazione: anche in un duello complicato e pericoloso, hanno trovato il modo di spuntarla, tesaurizzando al meglio le stoccate di Daniele Dussoni e Daniel Pantuso, sempre puntuali sotto porta.
I bianconeri non hanno molto da rimproverarsi: si sono battuti con valore e pazienza se la bordata di Carlos Eduardo Saverio Trivino si è rivelata inutile.

Pari e patta (1-1) nel delicatissimo incontro tra Olimpic Pra’ Pegliese 1971 e Vecchia Rivarolese 2016, a caccia di un pass  per i play off (sono, al momento, al quinto posto, con 14 punti).
I praesi hanno trovato il varco giusto col solito, micidiale Claudio Pira, mentre il gol degli “avvoltoi” porta la firma di Valerio Ghironi.
La divisone della posta lascia tutto invariato e obbligherà entrambe le squadre a non commettere passi falsi. 

Il Saint Tappa ne ha approfittato per irrobustire la terza piazza, salendo a quota 16, in virtù dell’affermazione, tutt’altro che facile e scontata contro il Due Settembre 1971.
I “santi” hanno fatto bottino pieno per 2-1, con le conclusioni precise e letali di Claudio D’Agostino e Edoardo Bastile.
I “settembrini”, che sono tagliati fuori dalla qualificazione ai play off, hanno comunque lascito il segno con l’indomabile Andrea Cremonesi (al settimo centro). 

Infine, il Genova Calcio Linea Messina ha “passeggiato” (6-1) contro il Pallavicino, che ha timbrato soltanto con Alessandro Caputo.
I sestresi hanno finito col dilagare, grazie alle splendide doppiette di Mario Franzone e Giorgio Mortello e alle fiondate di Michele Fragomeno e Nicolò Biggi .

Nella classifica marcatori, Stefano Morelli, del Deportivo 2007, è ancora primo con 12 reti.
Lo segue da vicino, a quota 10, l’appena citato Giorgio Mortello, “arciere” del Genova Calcio Linea Messina.
Con 9 gol troviamo poi il trio composto da Daniele Dussoni (Wings Aerospace), Edoardo Bastile e Claudio D’Agostino (entrambi del Saint Trappa) (Francesco Ferrando).