Amatori a 8, il 13° turno in chiave "play-off"


Nel Girone A del Campionato Uisp Amatori a 8 giocatori, con i primi quattro posti ormai praticamente assegnati, si combatte per il quinto, l’ultimo che regala l’accesso ai play off. 

Nel 13° turno, il Radioactivity ha conservato questa preziosa posizione, superando per 2-0 la Lokomotiv Zapata No Borders, ora distanziata di quattro lunghezze.
L’importanza della posta in palio si è fatta sentire e la gara è stata molto tattica, con le squadre attente a non scoprirsi troppo.
I “radioattivi” sono stati però più lucidi e pratici, risolvendo la contesa con El Fadil El Kadiri e Mustapha Touhami. 

I Lucani, sesti ad un punto dal Radioactivity, hanno risposto con un’agevole affermazione per 5-1 ai danni dell’Ottica Gualducci, ultima in graduatoria.
La doppietta del bravo Marco Canu ha marcato la differenza tra le due compagini; le altre marcature portano la firma di Ivan Bagalà, Fatos Hasa ed Emanuele Spagnolo.
I rivali si sono consolati con uno spunto di Shpetim Hyka.

Uno scatenato Circolo Uguaglianza, saldamente terzo, ha affossato per 5-1 il Senzanome lasciandolo a quota 10 (in settima posizione).
Il team di Cornigliano ha dominato con l’uno-due di Michele Longo e le stoccate di Adriatik Shtufi, Franco Casula e Valerio Cariello. Ha limitato il passivo per gli avversari Michele De Siena.

Intanto, il Genova Calcio Anni 50 ha infilato la tredicesima perla della sua collana di successi, superando per 6-3 un gagliardo Real Sestri.
I sestresi, quarti, hanno cercato in ogni modo di contrastare la capolista, riuscendo anche a bucare la difesa con Sadok Akkari, Radouan Idrissi El Asfar e Davide Alfano.
Ma la classe dei campioni in carica e del sommo Simone Spinelli, che ha siglato una fantasmagorica cinquina, hanno inevitabilmente preso il soppravvento; oltre al super bomber Spinelli, ha centrato il bersaglio Dritan Ajdini.

Il Sushi-Si Genova, secondo a meno due, ha “passeggiato” (7-1) contro il CRS Filippo Merlino Punto Luce.
Qui ha fatto la parte del leone, con un poker da favola, Gerald Buci; hanno completato l’opera l’uno-due di Ciprian Costantin Craciun e un’invenzione di Gazmend Allaraj.
I ragazzi del circolo sestrese hanno potuto gioire soltanto per una bordata di Paolo Strazzeri.

L’inarrivabile Simone Spinelli (Genova Calcio Anni 50) ha imposto un’autentica dittatura nella classifica marcatori: sono ben 41 le sue segnature.
Ciprian Costantin Craciun (Sushi-Si Genova) è attestato a quota 23, seguito, a 21, dal compagno di club Gazmend Allaraj.

La situazione nel Girone B è simile a quella dell’altro gruppo, come una sorta di “copia e incolla”: due formazioni che si battono per il Primato (Figgeu’98 e Ambramar Tabaccheria De Bonis), due che sono vicine alla qualificazioni ai play off (Real Ponente e Rocca Automobili) e un paio che si contendono la quinta piazza.

In quest’ottica, balzo in avanti del Movimento Rangersport 3N Strade Prima, che, sfruttando il calendario favorevole, ha raggiunto a quota 14 il Genova Galaxy Betty & Lu Parrucchieri.
I “rangers” hanno “livellato” (8-0) l’Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe, senza ammettere repliche.
Il risultato parla da sé, non richiede commenti.
Basta l’elenco dei marcatori: Jacopo Pigliapochi (2), Mauro Cioce (3), Isacco De Benedictis (3).

I “galattici” sono finiti al tappeto (1-3) contro il Figgeu ’98, al termine di una splendida partita, ricca di apprezzabili giocate e di grandi emozioni.
I pegliesi hanno prevalso con una maggiore propensione offensiva, concretizzata al meglio da Matteo Manzoni, Fabrizio Roversi e Alberto Mostes (al quattordicesimo centro).
Gli avversari hanno offerto una buona prova, ma l’affondo di Fabio Imperiale non è stato sufficiente.

Il Figgeu’98 ha conquistato così la vetta solitaria, approfittando della caduta dell’Ambramar Tabaccheria De Bonis contro un meraviglioso Real Ponente (1-2).
I “realisti”, concreti e determinati come non mai, hanno messo la museruola alle punte, che hanno imbucato in una sola circostanza con Michele Scarponi; sono poi sempre ripartiti con azioni veloci e ficcanti, rifinite al meglio da Salvatore Adamo e Denny Costanzo. 

Il Rocca Automobili, appaiato ai “tabaccai” in terza posizione con 17 punti, ha superato con qualche affanno una combattiva Asd Gymnotecnica per 4-2, grazie alle stoccate di Emanuele Scapin, Flavio Cuccaro, Emanuele Noto e Brian Marchi.
I “ginnici” non stono stati a guardare e hanno obbligato i verdi a tener le antenne dritte sino all’ultimo con le fiondate di Riccardo Majorana e Leonardo Manu.

Dopo tante delusioni e tante sconfitte (dieci su undici gare), è arrivata finalmente la prima soddisfazione per la Dinamo, che ha battuto a sorpresa l’Old Blacks con uno striminzito, ma non per questo meno gradito, 1-0. L’incontro, poco spettacolare ma incerto e perciò interessante, è stato deciso da una trovata di Francesco Rossi.
I “vecchi neri”, che forse non si aspettavano un match così difficile, hanno dovuto alzare bandiera bianca.

Nella graduatoria dedicata alle punte, Denny Costanzo, trascinatore del Real Ponente, guida con 24 reti, davanti a Brian Marchi (Rocca Automobili), che si trova a quota 19.
Con 18 c’è Laurentiu Marian Neata, dell’Ambramar Tabaccheria De Bonis (Francesco Ferrando).