Amatori a 6, la prima giornata del girone di ritorno


Pluto, nota creazione di Walt Disney, non è all’origine del nome del Real Pluto, la squadra composta da lavoratori portuali, all’esordio nei campionati UISP.
Ma è diventato il simbolo del club, con cui condivide alcune caratteristiche: divertente, giocherellone, scanzonato e… guastafeste (per ogni avversario). 
La compagine del presidente Camillo Cella non è ormai più una semplice rivelazione.
E’ una concreta, solida e ambiziosa realtà del Campionato Uisp Amatori a 6 giocatori.
Lo ha confermato in pieno nel 14° turno, primo del girone di ritorno, in cui ha sconfitto per 7-5 l’Ediltecno Design AB Edilizia, che era finita al tappeto anche nell’andata (3-4).
Ma se allora il successo fu una sorpresa, stavolta è stato solo una conferma. I neroverdi, sempre più consci della loro forza, hanno avuto la meglio con una prova attenta e determinata, trascinati dalla stupenda tripletta di Maurizio Renna, a cui si sono aggiunte la doppietta di Francesco Garbarini e le stoccate di Francesco Buiese e Giuseppe Misurale. I campioni in carica hanno replicato in parte con l’uno-due del solito Alessandro Grimaldi e gli acuti di Attilio Biribò e Andres Xavier Garcia Castillo.

I “plutoniani”
sono secondi da soli, a tre lunghezze dal lanciatissimo Gsc Sant’Olcese KF Service, ancora imbattuto: 13 vittorie e 1 pari, (proprio contro il Real Pluto).
I santolcesini non hanno avuto problemi (8-3) contro il Teplice, con una fantastica quaterna di Simone Ientile, il bis di Emanuele Cipollaro e gli spunti di Mirko Enrico Capece e Giuseppe Pala.
Gli avversari hanno limitato un po’ il passivo con Gabriele Vallone, Luca Parodi e Christian Fisco. 

Il Real Ponente, quarto, ha mancato l’aggancio all’Ediltecno Design AB Edilizia, impattando per 2-2 contro un eccellente Resto Del Mondo, al termine di una gara vibrante, in cui si è segnato col contagocce (almeno per gli standard del calcio a sei).
Il punteggio basso è stato il frutto dell’estremo equilibrio tra le due contendenti.
I ponentini hanno colpito con Nicola Speziari e Salvatore Di Pasqua, mentre sull’altro fronte ha siglato una doppietta da favola lo scatenato Filippo Russo. 

Federico Ferrando, con una’implacabile cinquina, è stato il protagonista assoluto del match vinto (10-6), contro l’Olimpic Pra’ Pegliese 1971, dal Cibona C.B., che ha confermato di vivere una stagione di gran livello.
I biancoblù hanno timbrato anche con Lorenzo Bianchi, Andrea Parodi, Umberto Galliano, Simone Pasqualetto e Achille Da Pelo.
I praesi hanno trovato lo spiraglio giusto con Andrea Atzeni, Matteo Azzarelli (una (doppietta ciascuno), Alessio Sercia e Jonathan Parodi. 

La Banda Bassotti FC, ultima insieme al Bambocci Team, ha reso la vita difficile allo Studio Fossati SRL, cedendo d’un soffio per 6-8.
Hanno deciso l’appassionante sfida i “terni secchi” di Alessio Bertin e Davide Rivolta; ha completato lo score un micidiale uno-due di Lorenzo Massoletti.
I rivali hanno centrato il bersaglio con una tripletta di Fabrizio Zanda, la doppietta di Michelangelo Conte e uno sprazzo di Andrea Lai.

Il Nanetta 11, altra formazione che ha stupito tutti per la qualità del gioco e l’organizzazione tattica, ha disposto a suo piacimento del pur volonteroso Bambocci Team, come testimonia il 7-2 conclusivo.
I blu hanno concretizzato la loro superiorità con un tris di Alessandro Cervetto, l’uno-due di  Enrico Miroglio e le bordate di Andrea Giuliani e Fabrizio Tassara.
I portuali hanno mitigato l’amarezza dell’ennesimo K.O. con il bis di Mirko Martino.

Tutto facile pure per il Mambo FC, che ha battuto per 10-4 l’All Scars S.C., modello di sportività e “calamita” della simpatia generale, ma poco competitivo in questo campionato.
Alessandro Pische, rimpianto ex dell’Olimpic Pra’ Pegliese 1971, ha fatto la parte del leone con un poker da fantascienza; hanno arricchito il suo exploit le doppietta di Andrea Di Bella e Simone Mina, più le fiondate di Alessandro Sannino e Gianluca Pisano.
Gli “scars” hanno potuto gioire soltanto per le conclusioni precise di Mario Villaricca, Simone Villaricca (che ha portato il suo bottino personale a quota 15) e Giorgio Fonzi (che ha concesso il bis). 

Emanuele Cipollaro (Gsc Sant’Olcese KF Service), che nell’ultima uscita si è limitato (si fa per dire) ad una doppietta, svetta sempre nella classifica marcatori, dall’alto dei suoi 46 gol (in media uno ogni 15 minuti e 21 secondi).
Maurizio Renna, “arciere” del Real Pluto, è secondo con 30 segnature.
A 28 troviamo Andrea Atzeni, “bucaniere” dell’Olimpic Pra’ Pegliese 1971 (Francesco Ferrando).