Lavoratore A2, meno 140 minuti al termine della regular-season


A 140’ dal termine della stagione regolare del Campionato Uisp a 11 giocatori del Lavoratore – serie A2, alcuni verdetti sono già sicuri, incontrovertibili: hanno staccato anticipatamente il biglietto per la fase decisiva ARCI Isoverde 1991 Uniservice Unisafe, Deportivo 2007, Wings Aerospace, Foce SAAR Depositi Portuali e Ospedale San Martino.
Devono quindi essere assegnati ancora cinque posti, anche se tre di questi sembrano a portata di mano per Atletico Quarto Liggia Pub, Marsiglia e Saint Trappa.

Nel 16° turno del Girone B, il Foce SAAR Depositi Portuali ha rafforzato la sua leadership, guadagnando un punto sull’Ospedale San Martino (il primato verrà probabilmente deciso nello scontro diretto dell’ultima giornata).
I focesi hanno infatti steso per 3-0 il CSKA Pizza. Ma non è stata una passeggiata.
La compagine di Maurizio Occhi ha imbrigliato per tutto il primo tempo gli avversari, concedendo poco o nulla. Il match, sonnolento per 35’, si è risvegliato di colpo in avvio di ripresa, quando Juliano Oliveira Santos ha sbloccato il risultato.
Gli ospiti, a questo punto, sono franati. Non hanno reagito e al 51’ sono stati nuovamente trafitti da una magistrale punizione di Andrea Falasca e hanno incassato un’altra rete dieci minuti dopo: ancora lo scatenato Santos è scattato sul filo del fuorigioco, ha dribblato il portiere e insaccato a porta vuota.

L’Ospedale San Martino ha pareggiato per 4-4 un match rocambolesco e molto divertente con lo Zener.
La partita ha cambiato più volte padrone, in un’altalena continua di emozioni (anche se le difese hanno lasciato un po’ a desiderare).
Gli “ingegneri” hanno trovato il chiavistello giusto con un incontenibile Giulio Corsi, che ha “timbrato” una sontuosa tripletta, e col puntuale Rosario Germino.
Gli ospedalieri, un po’ in calo nelle ultime uscite, si sono avvalsi del magnifico uno-due del sempre letale Danilo Ieraci e dei guizzi di Tommaso Favati e Marco Rovere.

Nell’atteso derby tra Amatori Quarto e Atletico Quarto Liggia Pub ha prevalso, come da pronostico, la squadra più fresca e giovane  (0-2).
I gialloblù hanno fatto valere la miglior condizione fisica, concretizzando le loro veloci manovre con Massimo Montaldo e Matteo Inturri.
Gli “amatori” non hanno però sfigurato, opponendo una dignitosa resistenza.

Il Marsiglia ha confermato di essere la squadra più in forma del torneo. Il suo attacco, che aveva “mitragliato” la settimana precedente la capolista (5-0), ha determinato anche il sofferto successo per 3-2 sull’AB Ventieventi, in quello che era un incontro chiave nella corsa ai play off.
I multedini hanno “imbucato” con Andrea Rullo, Marco Zamborlin e Massimo Maggiolo.
Gli “atletici” hanno lottato sino alla fine con determinazione, ma le bordate di Walter Genna (spesso micidiale sotto porta) e Stefano Castronovo non sono bastate. 

L’Ottica Gualducci ha mantenuto accese le speranze di strappare il quinto posto, schiantando per 5-1 il “fanalino di coda” AF Alcor.
Gli ottici, superiori in tutto, hanno dilagato con l’uno-due di Soulemaine Wattra e gli acuti di Stefano Zaami, Oualid Yaccoubi e Shpetim Hyka. I rivali hanno salvato l’onore con Alberto Savino.

Nella classifica dedicata agli attaccanti, scatto in avanti di Danilo Ieraci (Ospedale San Martino), che ha siglato 17 gol.
Lo seguono, a quota 13, Giulio Corsi (“triplettista” di giornata per lo Zener) e Marco Nicoletta (Foce SAAR Depositi Portuali).

Girone A -  L’ARCI Isoverde Uniservice Unisafe, incontrastato dominatore del gruppo, si è divertito (e ha divertito) nella pazza vittoria per 7-4 contro la Vecchia Rivarolese 2016, che con questo K.O. vede complicarsi le sue ambizioni play off.
Il team di Marco Pericoli ha trovato in Federico Sciutto (pirotecnico tris) e Musa Likafi (uno-due da urlo) dei finalizzatori assolutamente incontrollabili; hanno completato lo score (in quella che è stata sin’ora la gara con più segnature di tutto il Lavoratore A2 2016-2017) Paolo Parodi e Alessio Mastrangelo.
Gli “avvoltoi” hanno evidenziato una prima linea prolifica (a bersaglio con la doppietta di Giampietro Cevasco e gli spunti di Valerio Ghironi e Salvatore Marsala); ma la retroguardia ha “ballato” davvero troppo. 

Così i rivarolesi sono stati affiancati in quinta posizione (con 16 punti) dall’Olimpic Pra’ Pegliese 1971, che ha sfruttato il calendario favorevole, imponendosi per 4-2 sul volonteroso ma debole Pallavicino.
I nerazzurri hanno giocato con orgoglio e senza regalare nulla, andando a segno con Nickolas Bonaiuti e Manuel Bernasconi, ma sono stati affondati inesorabilmente dagli eccellenti Alessandro Pische e Andrea Atzeni, che hanno realizzato una doppietta ciascuno. 

Il Wings Aerospace ha liquidato per 4-1 il Genova Calcio Linea Messina, in formazione rimaneggiata.
I sestresi hanno dato per lungo tempo del filo da torcere agli astronauti, bucando anche il portiere con Adriano Squillace.
Ma, inevitabilmente, si sono spenti alla distanza e la compagine di Vlady Lovadina ha finito col dilagare, tesaurizzando i tiri precisi di Daniel Pantuso, Daniel Dussoni e Giorgio Pinciroli (che ha fatto il bis).

Il Deportivo 2007, che condivide la seconda piazza con il Wings Aerospace, ha battuto per 3-1 il Due Settembre 1971, ormai  rassegnato ai play out dopo un campionato con più bassi che alti.
I “settembrini” hanno gioito solo una volta con Gabriel Dellepiane, che non manca quasi mai al suo dovere di bomber.
Il “Depor”, più deciso e convinto, ha avuto la meglio, in virtù del sontuoso uno-due di Stefano Morelli e di un tocco di Milo Chiari.

Il Saint Trappa, attualmente quarto, ha mancato una buona opportunità di mettersi al sicuro, sebbene resti in posizione privilegiata, impattando per 1-1 con un combattivo Phoenix 1995.
Alessandro Orzo (per i “santi”) e Carlos Saverio Trivino (per i “fenici”) hanno firmato un pari che ha fotografato con sufficiente esattezza il complessivo equilibrio della gara.
Il punto serve a poco al Phoenix, perchè con 12 punti risulta tagliato fuori dai play off.
I gialloneri, sebbene puntassero al bottino pieno, mantengono comunque due lunghezze di vantaggio su Olimpic Pra’ Pegliese 1971 e Vecchia Rivarolese 2016

La sfida di venerdì sera (Quarto Alta, ore 21,30) tra Saint Trappa e “avvoltoi” risulterà fondamentale.
Ma i praesi avranno a loro volta un impegno da far tremare i polsi contro il Wings Aerospace (venerdì sera, Multedo, ore 21,30). Insomma, tutto è ancora in gioco.

Stefano Morelli, alfiere del Deportivo 2007, comanda con 14 centri, tallonato, a quota 12, da Federico Sciutto, stoccatore implacabile dell’ARCI Isoverde 1991 Uniservice Unisafe.
A 11 troviamo Giorgio Mortello (Genova Calcio Linea Messina) (Francesco Ferrando).