Lavoratore A1, il 15° turno nel segno della Cattolica Bogliasco


Mai dire mai. Alla pausa natalizia il Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A1 pareva già finito, con il Genova Calcio Anni 50 avviato serenamente e prepotentemente verso il terzo titolo consecutivo.
MAI nessuno avrebbe potuto impensierirlo. Appunto… 
A fine febbraio, tutto è cambiato e il discorso si è improvvisamente riaperto, nel giro di due settimane.
Merito principale della Cattolica Bogliasco, che, dopo uno stentato avvio di stagione, ha preso a filare come un treno (cinque vittorie consecutive, a parte l’inopinato K.O. nel recupero con la Longobarda 2.0). 
Ma era difficile pronosticare un successo dei bogliaschini contro i campioni in carica nel 15° turno.
Non solo hanno battuto il Genova Calcio Anni 50, ma la loro affermazione è stata chiara, convincente, inequivocabile.
Si sono imposti per 3-1, con una gara autorevole, attenta, praticamente senza sbavature, esaltata dalle conclusioni di Marco Gusso, Fabrizio Crovetto e Simone Starnini.
Gli avversari hanno dovuto così incassare la prima sconfitta stagionale, visto che il guizzo di Giorgio Santeusanio è servito a poco.
La capolista resta solitaria in vetta con 21 punti, ma d’ora in avanti non potrà permettersi ulteriori distrazioni e altri pericolosi passi falsi. I “bonus” sono esauriti.

Il Sori si è infatti avvicinato a due sole lunghezze, grazie al 3-1 rifilato al Mignanego Bunker, squadra in piena lotta per non retrocedere.
I ragazzi di Mister Enrico Boscaglia hanno mantenuto la giusta concentrazione, facendo valere la propria superiorità tecnica e tattica col bomber Luca Laudisi, Simone Serra e Fabio Descalzo.
I polceveraschi, che non si sono comunque arresi facilmente, hanno opposto una stoccata del bravo Stefano Ferrante. 

Anche l’ASLA Genova ha accorciato le distanze dal primo posto (ora è a meno tre), piegando con qualche affanno (2-1) una combattiva Longobarda 2.0.
Il team di Alessandro Scarcella ha sfruttato al meglio le invenzioni di Marco Bracco e Luciano Ranno.
I longobardi, più che mai intenzionati a non mollare, malgrado occupino l’ultimo posto, hanno reso la vita più dura del previsto ai più quotati rivali, centrando il bersaglio con Davide Parodi.

L’Ansaldo Energia, invece, non è riuscita a compiere un balzo in avanti, costretta alla divisione della posta (1-1) dal Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna.
Saverio Zetera e compagni, reduci da un lungo periodo negativo, hanno tirato fuori tutto l’orgoglio e il coraggio possibili, strappando un punticino che gli consente di affiancare in penultima posizione il Mignanego Bunker; preziosissima, dunque, la fiondata di Rolando Di Francesco. I rosso-azzurri hanno trovato il varco giusto con Valerio Vigo.

La Fia Italbrokers, che la settimana precedente aveva pareggiato per 2-2 il “classico” con il Genova Calcio Anni 50, ha confermato di essere in ripresa, dopo un fine 2016 difficile.
Ha conquistato una vittoria sofferta (3-2) contro un’orgogliosa AF Calcio.
Gli uomini di Mario Torti hanno conservato la capacità di saper soffrire e di piazzare poi l’affondo letale.
Anche la fortuna li ha aiutati (sotto forma di un autogol); le restanti marcature portano la firma di Matteo Giribaldi e Andrea Nardini.
Il team di Simone Foglino e Davide Mele, che ha ribadito la sua crescita complessiva, ha risposto solo in parte con Fabio Cimmino e Simone Notarnicola. 

Il Quinto FC, che è una squadra molto competitiva quando può schierare i suoi uomini migliori e vale più della classifica attuale, ha espugnato il difficile terreno del Campomorone Sant’Olcese per 2-0.
L’incontro è stato intenso e dagli elevati contenuti agonistici.
La formazione di mister Franco Bertolla ha rotto l’equilibrio al quarto d’ora della ripresa con una bella incursione di Mahmadou Bodiang e ha poi raddoppiato nel finale con un fantastico sinistro all’incrocio dei pali di Antonio Saggiomo (al terzo centro stagionale).

Ha riposato la Nuova Pedemontana.

Nella graduatoria riservata alle punte, allungo dello scatenato Luca Laudisi (Sori), che è salito a 15 reti. Giacinto Zito, della Fia Italbrokers, è sempre bloccato a 13.
Sul terzo gradino, troviamo Valerio Vigo (Ansaldo Energia), che è a quota 7.

Nella prossima giornata, in calendario nel fine settimana, occhi puntati, in particolare, su Genova Calcio Anni 50-Campomorone Sant’Olcese (sabato, Cornigliano, ore 11,30) e Quinto FC-ASLA Genova (sabato, San Desiderio, ore 11).
Con il Sori che riposa, la capolista cercherà un pronto riscatto e un nuovo allungo, mentre la sfida tra i quintini e l’ASLA dovrebbe essere una goduria per i buongustai del calcio, viste le doti tecniche delle due contendenti.
La Nuova Pedemontana se la vedrà, in un’altra gara interessante, con la Fia Italbrokers (sabato, Serra Riccò, ore 13,15), mentre l’Ansaldo Energia affronterà il Mignanego Bunker (sabato, Via Maritano “A”, ore 13).
Scontro da brividi, nella zona a rischio del campionato, quello tra Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna e Longobarda 2.0 (sabato, Sant’Eusebio, ore 11,30).
La lanciatissima Cattolica Bogliasco “incrocerà i bulloni” con l’AF Calcio (venerdì sera, Baiardo G. Strinati, ore 21,30) (Francesco Ferrando).