Femminile, il 13° turno di serie A1 e serie A2


L’alto livello tecnico, agonistico ed “emozionale” raggiunto dal calcio femminile uispino è stata esemplificato dalla sfida nei “quartieri alti” del 13° turno del Campionato Uisp a 7 giocatrici - serie A1 tra Moto GP e C.O.F.La.M., due formazioni tra le più competitive del campionato.

Da una parte c’era la tradizione del Moto GP, protagonista da sempre del “movimento rosa”, con quattro titoli in bacheca, conquistati consecutivamente dal 2007 al 2011.
Dall’altra, una realtà emergente come la C.O.F.La.M., che è in costante crescita dal momento della sua fondazione.
Ne è scaturito un match di rara intensità, ricco di giocate interessanti e in costante equilibrio; alla fine l’appassionante contesa si è risolta con uno spettacolare pareggio per 3-3.
Le “motocicliste hanno colpito con Francesca Canale, Valentina Villivà (che raramente sbaglia sotto porta) e Amalia Buonomo. Le avversarie hanno risposto a tono con Monica Fasce (leader della squadra), Francesca Boggero e Sara Carino.

Con il Bar Roma Arenzano che riposava, il Real Ovomaltina si è avvicinato alla capolista (ora è a meno uno, sia pure con una gara in più), grazie all’ampio successo (6-2) a spese del Mignanego Impero, che lotta per non retrocedere.
Le “realiste” hanno imposto la loro maggior classe, centrando ripetutamente il bersaglio con una superlativa cinquina di Serena Coppolino e un acuto singolo di Valentina Rullo.
Le polceverasche hanno dovuto accontentarsi della bella doppietta di Elena Scuzzarello.

Il Boglia United ha piegato a fatica il Campomorone Sant’Olcese per 3-2, raggiungendo al terzo posto (con 17 punti) il Moto GP.
Ma le santolcesine hanno reso la vita dura alle avversarie, trovando lo spiraglio giusto con Denise Civitella e Micol Profumo.
Le biancorosse hanno però prevalso con una superiore lucidità nei momenti topici, esaltata dall’uno due di Alessia Calcagno e dalla stoccata di Marta Basso. 

Importante affermazione, in chiave salvezza, del Rayo Vallecano, che ha superato di misura, in un incontro “adrenalinico”, l’Atletico Levante per 3-2.
Il team di Maria Rocco ha dato prova del suo eccellente spirito collettivo, sfondando con Teresa Rocco, Martina Godani ed Erica Lombardo.
Le levantine hanno dovuto arrendersi, nonostante la determinazione con cui hanno affrontato l’impegno e le precise conclusioni della bravissima Elena Gasperini (che ha concesso il bis).  

Il Vado FC, sempre ultimo con appena 2 punti, ha ceduto d’un soffio (3-4) di fronte al Seven Fighter KF Service, in un altro duello “spasmodico”.  
Le vadesi sono andate a segno con la splendida doppietta di Stefania Parodi e un’invenzione di Valentina Danese. Le “combattenti” (di nome e di fatto) hanno tesaurizzato al meglio una sfortunata autorete e le bordate di Sonia Carmarino, Alessandra Santanna e Paola Poletti. 

Nella classifica marcatori, la scatenata Serena Coppolino, trascinatrice del Real Ovomaltina, ha raggiunto al comando, a quota 23, Alessia Calcagno, “gunner” del Boglia United.
Valentina Villivà (Moto GP) è sul terzo gradino del podio con 17 gol.

Serie A2 - Il Valgraveglia Gruppo Alloro è rimasto aggrappato con le unghie e con i denti al primo posto della A2 Femminile, in coabitazione con il CFFSD Cogoleto.
Ma ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per abbattere l’accanita ed intelligente resistenza del Genova Calcio, squadra in crescita rispetto all’avvio di stagione. 
Ci sono voluti due guizzi irresistibili di Marzia Barbieri e uno della solita Alessia Giuffra, un bomber implacabile, per avere ragione di un avversario indomito e determinato, che ha bucato la difesa con la brava Alice Tortello. 

Le cogoletesi hanno faticato meno per aggiudicarsi (4-1) il derby con l’Arenzano.
Le arenzanesi, infilzate da Martina Drago (gran conclusione all’incrocio dei pali) e Rossana Damonte, hanno sperato di rientrare in corsa con uno spunto di Ilaria Rapallo; ma Giulia Robello e ancora Rossana Damonte hanno chiuso definitivamente i conti, legittimando la superiorità delle ragazze di mister Andrea Ramaglia. Alessia Puppo, miglior realizzatrice della squadra, si è travestita (del resto è Carnevale) da “assist woman”, fornendo due preziosi palloni alle compagne. 

Il Bavari Hill 16133, terzo a meno due, ha retto il passo delle capolista, infliggendo un sonoro 5-0 all’AE Team, “fanalino di coda” del campionato.
Le bavaresi, vogliose di vendicare il K.O. con il CFFSD Cogoleto, sono andate ripetutamente a segno con un’incontenibile Oriana Barbieri (fantastica tripletta) e con l’uno-due dell’altrettanto letale Francesca Massa.

Il successo più ampio e fragoroso l’ha ottenuto l’US Valponte 1986, che ha demolito per 10-3 il pur volonteroso AF Alcor Arcadia.
La compagine nata a Pontedecimo ha dominato in lungo e in largo.
Hanno brillato, soprattutto e sopra a tutte, Mara Manzolillo (che ha calato una fantasmagorica cinquina) e Roberta Maranini (che si è “limitata”) ad un poker; ha completato lo score Martina Pozzolo.
Le rivali hanno limitato un po’ il passivo con l’uno-due di un’orgogliosa Olga Boero e una bordata di Silvia Moscehn. 

Equilibrio e lotta accesa hanno caratterizzato il duello tra Deportivo Nervi e ABM Real Levante.
In un match molto tattico e con reparti difensivi quasi impenetrabili, l’hanno spuntano di strettissima misura (1-0) le levantine, a cui è stato sufficiente una fiondata di Debora Dapelo per incamerare la, preziosa, intera posta. Ma onore alle nerviesi, che hanno offerto una prova convincente. 
Il Panta ZD X-Med ha dovuto alzare bandiera bianca (3-5) di fronte alla Polisportiva CAP&S, in un incontro emozionante.
La compagine portuale ha sfruttato al meglio l’uno-due della scatenata Ilaria Castagnino e i tiri di Barbara Baldocchi, Martina Guerra e Laura Micali.
Le amaranto hanno replicato in parte con una bella doppietta di Francesca Casanova e uno spunto di Veronica Cappai.

Nella graduatoria riservata alle punte, Alessia Giuffra, del Valgraveglia Gruppo Alloro, detta legge con i suoi 25 gol, inseguita, a quota 23, da Roberta Maranini (US Valponte 1986).
Camilla Porrata (Arenzano) e Alessia Puppo (CFFSD Cogoleto) si dividono la terza piazza con 13 reti (Francesco Ferrando).