Lavoratore A1, gli 'incroci dei quartieri alti' del 18° turno


“Incroci pericolosi” nei quartieri alti del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A1.
Nel 18° turno,  erano infatti in programma due sfide da brividi: ASLA Genova-Genova Calcio Anni 50 e Fia Italbrokes-Sori.
Gli esiti di questi due scontri hanno impresso probabilmente la svolta decisiva al campionato. E ancora una volta, ad uscirne meglio, è stato il Genova Calcio Anni 50, con la più immediata inseguitrice staccata di cinque lunghezze. 

Francesco Molinari e soci hanno infatti piegato per 2-1 la compagine di Alessandro Scarcella, al termine di un confronto al cardiopalmo, ricco di giocate sopraffine e di emozioni.
I campioni in carica l’hanno decisa a loro favore sfruttando al meglio due spunti di Alessandro Dal Monte e Davide Conte Procolo. La rete di Marco Bracco non ha evitato il K.O. agli ambiziosi rivali. 

Contemporaneamente il Sori è infatti caduto (0-1) contro gli “assicuratori”, tornati a marciare a ritmi alti dopo un periodo di black out.
La Fia ha fatto valere tutta la propria esperienza e classe.
I rivieraschi di mister Enrico Boscaglia sono stati pure sfortunati, visto che sono stati condannati da un autogol. 
La Fia Italbrokers non potrà forse colmare il gap che la separa dalla capolista, ma il secondo posto, che sino ad un mesetto fa sembrava un obiettivo quasi irraggiungibile, sarebbe comunque un risultato prestigioso.
Il Sori sarà una delle avversarie nella rincorsa alla piazza d’onore, malgrado sia reduce da due amare débacles consecutive. 

La compagine più in palla continua ad essere la lanciatissima Cattolica Bogliasco, che ha proseguito la sua cavalcata trionfale superando con un eloquente 5-1 la Nuova Pedemontana.
I bogliaschini sono inarrestabili in questo 2017.
Nessuno li può contrastare. I pedemontani (a segno con Luigi Galluzzo) hanno subito la potenza della Cattolica, che li ha bersagliati ripetutamente con un superlativo Luigi Cherubini (“hat trick” da favola), Fabrizio Crovetto e Ayoub Mohamadi. 

In coda, spareggio salvezza tra Mignanego Bunker e Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna.
Lo 0-0 conclusivo è stato figlio della paura di perdere, che ha determinato un incontro bloccato, con rare occasioni e tanto agonismo.
Il punticino fa più comodo ai polceveraschi, che restano sopra la “zona calda” con 14 punti, mentre la compagine di Massimo La Rosa è terz’ultima, a quota 11, e attualmente dovrebbe disputare uno spareggio con la quarta classificata della A2.

I rosanero hanno comunque guadagnato terreno su una’altra diretta concorrente nella battaglia per non retrocedere, l’A.F. Calcio, che è finito al tappeto (1-2) di fronte al Campomorone Sant’Olcese.
I santolcesini hanno giocato con maggiore calma e serenità (visto che sono in una posizione tranquilla), prevalendo d’un soffio grazie agli acuti di uno straordinario Alessandro Mongeri, che ha concesso il bis.
La formazione del “clan Catalano” (Federico, vide-presidente, Domenico, tecnico-segretario, e Stefano, consigliere) ha replicato solo in una circostanza col bravo Sainey Trawally.

Infine, un Quinto FC sempre più convincente ha steso per 3-1 la Longobarda 2.0, “fanalino di coda” del torneo. Ma è stata tutt’altro che facile.
Sono stati gli orgogliosi longobardi, che hanno lottato con ardore e senza alcun timore reverenziale, a passare in vantaggio a metà del primo tempo con un bel tiro dal limite di Marco Pirinu.
C’ha pensato poi Ismael Dosso a rimetter le cose a posto per i quintini prima dello scadere del 35’: il suo sinistro, forte e tagliato, è stato intercettato ma non trattenuto dal portiere Mobilia. 
Nella ripresa, gli uomini di mister Franco Bertolla hanno preso definitivamente in mano le redini del match, spronati da loro “guru” in panchina, cogliendo il successo pieno con un paio di micidiali stoccate di Matteo Panzone e Lorenzo Cadeddu.
Ora sono sesti e nel finale di campionato sperano di salire ulteriormente. 

Ha riposato l’Ansaldo Energia.

Nella classifica cannonieri non è cambiato nulla.
Luca Laudisi (Sori) guida ancora con 16 gol, seguito, a quota 13, da Giacinto Zito (Fia Italbrokers).
A 8, troviamo poi Dario Camere, bomber storico della Nuova Pedemontana e a 7 il trio composto da Alessandro Mongeri (Quinto FC), Stefano Pigliacelli (Fia Italbrokers) e Valerio Vigo (Ansaldo Energia).

Nella prossima giornata, il Genova Calcio avrà un impegno agevole, almeno sulla carta, con la Longobarda 2.0 (venerdì sera, Cornigliano , ore 21,30).
Stesso discorso per la Fia Italbrokers impegnata contro il Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna (sabato, Bogliasco 3Campanili, ore 13). 
Rischia senz’altro di più il Sori nella trasferta sul terreno del temibile Campomorone Sant’Olcese (sabato, Via Maritano A, ore 13).
L’ASLA Genova affronterà la Nuova Pedemontana in un incontro che si preannuncia interessante (venerdì sera, Borzoli, ore 21,30).
Stuzzica la fantasia degli appassionai anche Cattolica Bogliasco-Ansaldo Energia (venerdì sera, Bogliasco 3Campanili, ore 21,30): riusciranno gli imprevedibili ansaldini a frenare lo schiacciasassi gialloblù?
Il Quinto FC riceverà la visita di un’altra “pericolante”, l’A.F. Calcio (sabato, San Desiderio, ore 11).
Riposerà il Mignanego Bunker (Francesco Ferrando).