Femminile, il 16° turno tra sfide "salvezza" e sfide "promozione"


Il Campomorone Sant’Olcese è nato nel 2012 dalla fusione tra l’Audace Campomorone e il Sant’Olcese, rappresentate nel simbolo della nuova società la torre e il leone, emblemi dei due centri della Valpolcevera.
L’unione delle forze ha allargato e potenziato l’attività calcistica: oltre alla prima squadra (che milita attualmente in Promozione) e ad un fiorente settore giovanile, sono in lizza anche le formazioni amatoriali, iscritte all’UISP.
E poi c’è la squadra femminile, che è un po’ la “mascotte” del club, coccolata e vezzeggiata da tutti.
In questa stagione, lotta strenuamente per salvarsi, senza perdere però il solito spirito di genuino divertimento e simpatica goliardia.

Nel 16° turno della serie A1 le valpolceverasche hanno strappato un punto prezioso e “miracoloso”, bloccando sul 2-2 il ben più esperto e quotato Moto GP (che insegue il titolo) e ora, pur restando penultima, vede crescere l’ottimismo.  
Le biancoblù di mister “Trippu” hanno cavato fuori dal cilindro una prestazione superlativa, cogliendo di sorpresa le rivali, che hanno incassato un paio di colpi piazzati con precisione da Marcella Pandolfi e Valentina Ballestrasse.
Si sono salvate con gli spunti di Elena Guainazzo e Francesca Canale, ma il pari ha frenato (e non poco) le loro ambizioni di primato.

Anche perché davanti continuano a correre veloci.
La capolista Bar Roma Arenzano non ha avuto problemi contro il Mignanego Bunker, diretta rivale del Campomorone Sant’Olcese (è terz’ultimo, con un solo punto in più). Il punteggio di 11-3 testimonia l’enorme divario tra le due compagini.
Le arenzanesi hanno dilagato con una meravigliosa quaterna di Elisabetta Parodi, le triplette di Silvia Malavasi e Daniela Zucconelli e un guizzo di Silvia Cagnoni. Le valpolceverasche hanno contenuto (per quanto possibile) il passivo con Carola Picasso (doppietta da ricordare ) e Francesca Pappalardo.  

Il Real Ovomaltina, secondo ad un lunghezza (ma con una gara in più), ha risposto con un sonoro 5-1 al Vado FC, altra squadra che combatte per non retrocedere.
Le “realiste” hanno imposto il diritto del più forte, concretizzando le loro ficcanti manovre con un tris della scatenata Katia Germani e gli acuti di Laura Monti e Arianna Raglione.
Gol della consolazione per le vadesi della brava Stefania Parodi.  

Il Rayo Vallecano ha confermato il suo buon momento di forma, mandando al tappeto con un secco 4-0 il Seven Fighters KF Service.
Le “spagnole” hanno capitalizzato al meglio le irresistibili stoccate di Federica Cardini (che ha concesso il bis), Erica Lombardi e Camilla Grillone.
Una retroguardia solidissima ha fatto il resto, impedendo alle avversarie di sfondare.  

Uno spietato Boglia United ha superato con un “tennistico” 6-1 il malcapitato Atletico Levante.
A segno Chiara Pettinati, Alessia Calcagno (doppietta), Francesca Favilli, Alessia Romeo e Marta Basso. Le levantine hanno evitato il capotto con un’invenzione di Alice Nappi.

Ha riposato la C.O.F.La.M

Nella classifica cannonieri, troviamo in testa, appaiate a quota 28, Serena Coppolino (Real Ovomaltina) e Alessia Calcagno (Boglia United): sarà un duello serratissimo sino alla fine tra queste due atlete con l’istinto innato del gol.
Sul terzo gradino del podio, troviamo Valentina Villivà, bomber del Moto GP.
Con 17 reti viaggiano poi Monica Fasce (C.O.F.La.M.) e Silvia Cagnoni (Bar Roma Arenzano).  

Serie A2 -  Nel 16° turno importante e prezioso successo del CFFSD Cogoleto, che ha espugnato l’ostico terreno dell’US Valponte 1986 per 2-0, mantenendo il primato e avvicinandosi alla promozione (salgono in A1 le prime due classificate).
Quella del “Negrotto” è stata una partita tirata, incerta ed emozionante, come nelle previsioni della vigilia.
E’ stata decisa da due prodezze di Francesca Melle e Giulia Robello (davvero micidiale il suo colpo di testa). 
Le valpontine, pur dovendo cedere le armi, hanno confermato di costituire una formazione agguerrita e ben organizzata, capace di mettere in difficoltà chiunque.
Non per nulla, la settimana precedente, avevano sconfitto il Valgraveglia Gruppo Alloro, a lungo leader del torneo. 

La squadra di Cogorno si è prontamente riscattata dall’inatteso scivolone, superando in scioltezza (4-1) il Deportivo Nervi.
La solita, immarcabile Alessia Giuffra, che vanta esperienza nella serie B federale, ha calato un fantasmagorico tris, ribadendo di esser un bomber senza eguali in A2; Alice Giuliana ha completato il poker.
Le nerviesi si sono accontentate di un guizzo di Roberta Ostigoni.

Il Bavari Hills 16133, secondo, a meno due dalla vetta, ha fatto il bello e il cattivo tempo contro l’AF Alcor, come testimonia il punteggio finale di 7-0.
Le bavaresi hanno imperversato, andando a segno ripetutamente con Marzia Giordano (splendida tripletta), Oriana Barbieri, Rossella Villa e l’uno-due di Valentina De Caroppo.
Ora avranno lo scontro campale con il Valgraveglia Gruppo Alloro, che fornirà indicazioni precise nella lotta per il titolo. IL CFFSD Cogoleto sarà spettatore interessato. 

Spettacolo e valanga di segnature nella vittoria per 8-3 dell’ABM Real Levante ai danni del Panta ZD-X Med, troppo fragile quando deve contenere gli attacchi avversari (la sua difesa è la peggiore del campionato, con 62 gol al passivo).
Debora Dapelo si è divertita (e ha divertito) con una cinquina “da sballo”, a cui si sono aggiunti i guizzi di Sabina Beretta, Beatrice Verdina e Sharon Picone.
Sul fronte opposto, hanno “limato” il passivo Camilla Lupattelli e Alessia Moraglia (che ha concesso il bis).   

Colpaccio in trasferta per un roccioso Arenzano, che ha piegato per 1-0 il Genova Calcio.
La quinta, faticosa ma meritata vittoria stagionale porta la firma di Camilla Porrata, che raramente sbaglia quando le capita l’occasione buona. 

Infine, divertente e combattuto pareggio per 2-2 tra AE Team e Polisportiva CAP&S.
Il “fanalino di coda” del campionato ha strappato un punto che fa morale, sfruttando i guizzi di Liliana Barone e Valeria Di Scala. Il club portuale ha ribattuto con Martina Guerra e Alexandra Dulas. 

Nella classifica cannonieri, Alessia Giuffra (Valgraveglia Gruppo Alloro) guida con 28 centri, appena uno in più di Roberta Maranini, trascinatrice dell’US Valponte 1986
Camilla Porrata (Arenzano) è terza a quota 19, seguita, a 15, da una scatenata Debora Dapelo (ABM Real Levante) (Francesco Ferrando).