#HazeCup, le prime sfide della quarta edizione


E’ cominciata la quarta avventura dell’Haze Cup, il campionato studentesco creato e voluto da Lorenzo Prini e Carlo Barile, che coinvolge dodici istituti superiori genovesi.
Sarà, ancora una volta, una festa colorata, chiassosa ed emozionante. 

L’evento inaugurale dell’attesa manifestazione è stata la sfida del “Carlini” tra Nautico ed Emiliani, terminata con un combattuto 2-2.
Ai collegiali nerviesi non è bastata la magnifica doppietta di un incontenibile William Agosta per fare bottino pieno, visto che i nautici hanno sfondato a loro volta con Christian Ciccarelli e Mattia Giacopetti.
Sugli spalti, clima caldo da stadio, con cori, bandiere e striscioni. Tipica atmosfera… Haze.

Il Leonardo Da Vinci ha conquistato il primo successo, superando con un classico 2-0 il Pertini.
Hanno deciso la contesa le marcature (la seconda su rigore) di Alessio De Rosa e Flavio Manca.
Punizione troppo severa per i liceali di via Cesare Battisti e Corso Magenta, che hanno premuto per un tempo intero, meritando  forse addirittura il pareggio. 
Sempre nel Girone A, il Cassini ha piegato per 2-1 un valido Majorana- Giorgi, capitalizzando la stupenda doppietta dell’incontenibile Edoardo Orellana.
La squadra della Valbisagno, che schiera gli studenti di due istituti tecnici riunitisi nel 2008, ha trovato lo spiraglio giusto in una sola circostanza con il bravo Luigi Arena.

Girone B – Il Colombo è partito col piede giusto, imponendosi per 2-1 sul Klee (tutte le gare, come si vede, sono state molto equilibrate ed incerte).
La parte del leone l’ha fatta, con un micidiale uno-due, Alessandro Novaresi.
Gli “artisti” di Quarto hanno dovuto arrendersi, malgrado il guizzo di Andrea Rondoni.  

Nel secondo incontro, affermazione del Marco Polo ai danni del King con un altro 2-1.
Gli “albergatori” si sono portati in vantaggio con Guido Guggioloni, ma sono stati raggiunti da una bella conclusione di Tommaso Muzzonigro.
Fondamentale l’ingresso in campo di Alex Achim, che ha siglato il gol definitivo.
I liceali del Classico e dello Scientifico hanno però sprecato la più ghiotta occasione per cogliere almeno un punto, fallendo un calcio di rigore con Pastorino.

Anche i loro “colleghi” del D’Oria hanno perso per 1-2, di fronte ad un determinatissimo Montale.
A far pendere la bilancia dalla parte dei “tecnici” è stata un’altra doppietta, spettacolare ed efficace, realizzata da Lorenzo Camera. Sul fronte opposto, ha replicato solo parzialmente un orgoglioso Kristjan Reci (Francesco Ferrando).