Femminile, verso un finale di campionato 'da brividi'


Il Moto GP ha perso l’ultima, fragile chance di rientrare ancora in corsa per il titolo, cedendo per 2-4 nello scontro diretto con il Real Ovomaltina.
E’ stata una partita bellissima, che ha confermato la crescita dell’intero “movimento rosa” dell’UISP. 

Nel Campionato Femminile Uisp a 7 giocatrici – serie A1, le ragazze “energetiche” hanno imposto alla fine il loro ritmo e la loro qualità, trovando lo spiraglio giusto con l’uno-due della sontuosa Valentina Rullo e le stoccate di Katia Germani e Serena Coppolino.
Le avversarie, che si sono battute al meglio, hanno replicato in parte con Valentina Villivà e Francesca Canale.

Intanto, la capolista Bar Roma Arenzano, che pare avviata al trionfo, ha proseguito la sua marcia da “schiacciasassi”, passando per 5-1 sul terreno del Campomorone Sant’Olcese.
Davvero forti le arenzanesi, che hanno colpito con un’irresistibile Silvia Malavasi (ha calato un poker) e una trovata di Silvia Cagnoni. Le santolcesine hanno limitato un po’ i danni con Denise Civitella.

In coda, importate successo del Mignanego Bunker, che ha battuto con un tennistico 6-2 l’Atletico Levante, scavalcando così il Campomorone Sant’Olcese, ora penultimo.
Le focose polceverasche hanno chiuso il set con il tris di Francesca Pappalardo, la doppietta di Elena Scuzzarello, più un acuto di Jessica Salvo. Le levantine hanno dovuto accontentarsi delle fiondate di Elisa Dalfiume e Chiara Peri.

Il Vado FC ha chinato la tesa contro un eccellente Rayo Vallecano (1-4).
Le “spagnole sono state trascinate da una meravigliosa Federica Cardini, che ha timbrato tre volte; di Laura Pensi l’altra marcatura. Le vedesi hanno gioito soltanto per uno spunto della brava Elisabeth Casalinuovo.

La C.O.F.La.M. ha prevalso per 5-3 sul Boglia United in un incontro spettacolare e ben giocato da entrambe le contendenti.
A fare la lieve differenza sono state la doppietta della sgusciante Giovanna Rita Zoppi e i bolidi di Monica Fasce, Sara Carino e Francesca Boggero. Le bogliaschine sono uscite a testa alta dal duello, facendo breccia con Marta Basso, Alessia Calcagno e Alessia Romeo.

Ha riposato il Seven Fighters KF Service

Nella graduatoria riservata alle punte, Serena Coppolino (Real Ovomaltina) guida con 30 gol, appena uno in più di Alessia Calcagno, del Boglia United.
A quota 25, troviamo Valentina Villivà (Moto GP), seguita a 20 da Silvia Malavasi (Campomorone Sant’Olcese).

Serie A2 -  Si prospetta un finale thrilling.
Dopo la sconfitta del CFFSD Cogoleto, il Bavari Hills 16133 ha agganciato in vetta le cogoletesi a quota 30 e le due squadre sono pari anche negli scontri diretti.
Il Valgraveglia Gruppo Alloro è staccato di quattro lunghezze, ma ha una gara in meno e potrebbe rifarsi sotto.

Il rimescolamento è stato determinato dal successo per 4-3 dell’ABM Real Levante contro la compagine di Andrea Ramaglia, che ha pagato qualche assenza, la brillantezza delle rivali e un inizio difficile, quando si è ritrovata sotto 0-4 per la doppietta di Beatrice Verdina e i lampi di Debora Dapelo e Sharon Picone.
Poi è cominciata un’altra partita, con le ospiti che hanno sfiorato una clamorosa rimonta grazie alle marcature di Francesca Melle, Rossana Damonte e Martina Drago. Ma l’ultimo gol è arrivato a pochi minuti dalla fine e non c’è stato più tempo.

Le bavaresi hanno approfittato prontamente di questo K.O., non del tutto inatteso, espugnando per 2-0 il terreno del Deportivo Nervi.
E’ stata una missione da “pilota automatico”, con il Bavari Hills 16133 che ha imposto la sua maggior caratura tecnica senza forzare troppo; sono state sufficienti e decisivi i guizzi di Chiara Tallone e Oriana Barbieri. 

Il Valgraveglia Gruppo Alloro ha avuto vita facile contro l’Arenzano, come testimonia il punteggio di 4-0.
La compagine di Cogorno ha risolto la questione dando gas al momento opportuno e passando con l’uno-due della scatenata Marzia Barbieri e le stoccate di Alessia Giuffra e Gloria Chiappe.   

Il Genova Calcio è stato piegato da un ottima Polisportiva CAP&S (1-2).
Le portuali hanno capitalizzato nel modo migliore le conclusioni al fulmicotone di Silvia Castagnino e Laura Micoli. Sul fronte opposto, c’è stata soltanto un’invenzione, peraltro pregevole, di Alessandra Pippa.

L’AF Alcor ha steso con un secco 4-1 il Panta Z X-Med, che si è consolato con un tocco preciso di Eugenia Repetto.
La compagine che porta il nome di una stella (si trova nella costellazione dell’Orsa Maggiore e significa “debole”) si è accesa con il bis di un’imprendibile Silvia Moschen e i traccianti di Micol D’Alessandro e Olga Boero. 

L’US Valponte 1986 ha avuto la meglio per 3-0 sul “fanalino di coda” AE Team.
Regina assoluta del confronto, Roberta Maranini, che si è guadagnata la ribalta con un meraviglioso tris, senza ammettere repliche da parte delle avversarie. 

Il suo exploit le ha consentito di allungare in testa alla classifica cannonieri con 32 reti, tre in più di Alessia Giuffra (Valgraveglia Gruppo Alloro).
Segue, a quota 21, Camilla Porrata, bomber dell’Arenzano (Francesco Ferrando).