Lavoratore A1, i "brividi" delle sfide salvezza


Le motivazioni fanno la differenza. Nel calcio come nella vita.
Quando qualcuno vuole fortemente qualcosa o ha un obiettivo impellente da raggiungere, riesce spesso a compiere imprese che sembravano impossibili. A rovesciare i pronostici. 

E’ quello che ha fatto il Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna, che nel 24° turno del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A1 ha battuto per 1-0 il Quinto FC, colmando il gap tecnico con grinta, concentrazione e attenzione superiori.
Una vittoria all’ultimo respiro, di vitale importanza nella corsa salvezza, ottenuta con una pennellata su punizione di Alessio Giacinto Giarratana al 4’ di recupero del secondo tempo, quando ormai il pareggio sembrava scolpito nella pietra.  
Una deja vu per gli uomini di Franco Bertolla, che avevano perso la partita precedente con il Mignanego Bunker (1-2) allo stesso modo, sempre per una punizione ad una manciata di secondi dalla fine. 

L’A.F. Calcio, che lotta anch’essa disperatamente per non retrocedere, ha invece solo sfiorato il colpaccio, cedendo di misura (1-2) al quotato Sori, terzo in graduatoria e tra le squadre che hanno esibito in questa stagione il gioco più spettacolare (anche se non sempre produttivo).
Il team di Mister Boscaglia ha sfruttato al meglio un paio di affondi dello scatenato Emanuele Pagano, una spina nel fianco della retroguardia avversaria. Alla compagine del presidente Maurizio Bacigalupo non è bastata una prestazione orgogliosa e una stoccata di Alberto Giroldi. 

La Nuova Pedemontana ha interrotto un lungo periodo di batoste e delusioni (era reduce da otto sconfitte consecutive e non vinceva dal 12 novembre 2106), superando per 3-1 la Longobarda 2.0, malinconico “fanalino di coda” del torneo. I pedemontani di Omar Lafi hanno concretizzato la loro furia agonistica con Davide La Rocca, Alessandro Boldrini e Pier Luca Noli. I longobardi hanno dovuto accontentarsi di un guizzo di Alessandro Iannino. 

Ora A.F. Calcio, Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna e Nuova Pedemontana occupano insieme la penultima posizione con 17 punti e sono alle viste due scontri diretti per “uomini ad alta tensione”, con i quezzini che affronteranno prima i pedemontani e poi l’A.F. Calcio. Saranno brividi garantiti.

Chi non perde mai le motivazioni è il Genova Calcio Anni 50, che, nonostante abbia già conquistato il terzo titolo consecutivo, mantiene intatta la sua fame di successi.
Ne ha fatto le spese pure l’Ansaldo Energia, che è finita al tappeto per 1-3. I campioni di tutto e di sempre hanno graffiato con il magnifico uno-due di Francesco Di Franco e un tocco dell’intramontabile Umberto Aloi.
Unica soddisfazione per gli ansaldini un’invenzione di Marco Cevasco. 

La Cattolica Bogliasco, intanto, si è ulteriormente avvicinata a quel secondo posto che rappresenterebbe il miglior piazzamento della sua lunga storia uispina: a 140’ dal termine, vanta tre lunghezze di vantaggio sul Sori e vede ormai il traguardo ad un passo.
I bogliaschini hanno travolto per 5-1 una Fia Italbrokers stanca e arrendevole, che è stata infilzata da Andrea Cherubini (doppietta da incorniciare), Marco Gusso, Ayoub Mohamadi e Simone Starnini. Mauro Narizzano ha evitato il “cappotto” alla formazione di Mario Torti.

Prestazione opaca anche per l’ASLA Genova, scivolata al sesto posto dopo una serie di partite meno convinte e convincenti.
Stavolta è caduta (0-1) di fronte al Mignanego Bunker, che viceversa sta vivendo un eccellente finale di stagione. Ha deciso l’equilibrata contesa una conclusione di Diego Bigotta, abile a colpire al momento giusto.

Ha riposato il Campomorone Sant’Olcese
.

Invariato il vertice della classifica cannonieri, con Luca Laudisi avviato ad impadronirsi dello scettro dei bomber: la punta di diamante del Sori ha 20 reti, ben sette in più di Giacinto Zito (Fia Italbrokers).
A quota 11, troviamo sempre Alessandro Mongeri (Campomorone Sant’Olcese) e a 10 Simone Notarnicola (A.F. Calcio). 

Nella prossima giornata, in programma nel fine settimana, spicca, come già annunciato, la sfida al cardiopalmo tra Real Quezzi Eam Edilizia Artigiana Moderna e Nuova Pedemontana (sabato, Sant’Eusebio, ore 11,30). L’A.F. Calcio, spettatrice interessato di questo match, incontrerà in trasferta il Mignanego Bunker (venerdì sera, Serra Riccò, ore 21,30). 
Nelle restanti gara, stuzzicante confronto tra Fia Italbrokers e Quinto FC (sabato, Bogliasco 3Campanili, ore 13,30).
Il Sori se la vedrà con l’Ansaldo Energia (sabato, Via Maritano “A”, ore 13) e la Cattolica Bogliasco cercherà di chiudere i conti per la piazza d’onore contro l’ASLA Genova (venerdì sera, Bogliasco 3Campanili, ore 21,30). Infine, la Longobarda 2.0 ospiterà il Campomorone Sant’Olcese (venerdì sera, Cornigliano, ore 21,30). 
Riposerà il Genova Calcio Anni 50 (Francesco Ferrando).