Amatori a 7, questa sera la finalissima play-out


Si dice che i PLAY-OFF siano un altro campionato.
Non sempre è così, ma certo capita speso che seguano regole diverse  e dinamiche particolari, regalando emozioni inaspettate, capaci di contraddire clamorosamente i verdetti della stagione regolare.  
Si spiega così come siano due outsider a contendersi il Titolo del Campionato Uisp Amatori a 7 giocatori nell’atto decisivo: Francesco Marmi e Gs Gaiazza, che nella semifinale secca ad eliminazione diretta hanno avuto la meglio rispettivamente su Polisportiva Sant’Eusebio (6-2) e Gelateria Cavassa (6-4). 

Decisamente curioso il caso dei  “marmisti”, appena settimi nel Girone A della regular season e ripescati solo grazie all’esclusione per motivi disciplinari degli Amici S.A.P.A.
Insomma, avrebbero dovuto giocare i play out e adesso, pochi mesi dopo, eccoli ad inseguire quel sogno che nella passata stagione videro svanire solo ai rigori contro l’Ediltecno Design AB Edilizia.

I loro avversari della Polisportiva Sant’Eusebio erano arrivati col vento in poppa, dominando il gruppo, senza mai perdere (8 vittorie e 3 sconfitte).
Ma nel momento topico hanno cominciato a balbettare (3 K.O. su dieci incontri), strappando il pass in extremis in virtù del successo per 3-1 sul Quinto FC.

Nella sfida con il Francesco Marmi, i “santi” hanno mostrato la corda, forse usurati da una stagione lunga e stressante, cedendo nettamente per 2-6.
La compagine di via Piacenza ha imposto i suoi ritmi, concretizzando la supremazia espressa nella circostanza con una superlativa tripletta del solito, incontenibile Fabrizio Casazza e gli acuti di Mattia Tonetti, Gabriele Ulivi e Alessio Bianchi.
I rivali, vogliosi ma poco lucidi, hanno limitato il passivo con il pregevole uno-due del sempre attento Giacomo Cardinale.

Il Gs Gaiazza si era piazzato quinto nel Girone B, tra alti e bassi, dimostrando soprattutto grande solidità (appena una sconfitta, a fronte di 5 vittorie e 5 pareggi).
Ma non si era mai espresso su livelli spettacolari e non pareva in grado di coltivare grosse ambizioni.
Invece, nei play off, qualcosa è scattato e la compagine di Ceranesi ha cominciato a volare, tanto da aggiudicarsi il Girone 2 con autorevolezza.
In semifinale, poi, ha piegato per 6-4 un’insidiosa Gelateria Cavassa, altro club in netta crescita.

Il confronto è stato palpitante, incerto,  “gustoso”,  degno di figurare sul menu di un “gourmet del calcio”.
Hanno “apparecchiato la tavola” per il trionfo (6-4) dei neroverdi Alessio Mastrangelo e Davide Sorrenti, che hanno “cucinato” tre fantastiche porzioni a testa.
Il loro exploit ha consentito solo una replica parziale ai pur validi avversari, abili nel presentare le ricette gol del bravo Stefano Brunelli (che ha concesso il bis) e Luca Laudisi (“Masterchef” anche nella cucina del Sori nel Lavoratore A1). 

La  finalissima che assegnerà lo “scudetto” a sette si disputa, in gara unica, questa sera, 23 maggio, nell’impianto di Rio San Michele, alle ore 22.
Giunti sino in fondo, Francesco Marmi e Gs Gaiazza vantano identiche possibilità. Impossibile esprimere un pronostico attendibile.  

Subito prima (ore 21), nella stessa sede, Gelateria Cavassa e Polisportiva Sant’Eusebio.

Luigi Saccone, implacabile arciere del Gsc Sant’Olcese KF Service, ha trionfato nella classifica cannonieri generale, con 38 reti, due in più di Fabrizio Casazza (Francesco Marmi).
Terzi, a quota 33, Fabrizio Traverso (R.D. Auto Baldini Motoricambi) e Alessio Mastrangelo (Gs Gaiazza).
N.d.r. Ricordiamo che non si è tenuto conto delle reti realizzate nelle semifinali.

La Coppa Disciplina è stata appannaggio dell’All Scars S.C., che ha subito 0 punti di penalità.
Subito dietro, con appena 1 punto, il San Ciro Eremita (Francesco Ferrando).