Femminile, secondo turno di campionato per le calciatrici Uisp


Uno spot per il calcio femminile.
La sfida tra Moto G.P. e Boglia United, valida per il 2° turno del Campionato Femminile Uisp – serie A1, ha offerto uno spettacolo eccezionale: tecnica individuale, organizzazione collettiva, emozioni, incertezza, pathos. Non è davvero mancato nulla ed il pari finale (1-1) ha fotografato con esattezza il grande equilibrio che si è visto in campo.
Primo tempo tutto di marca Boglia United, che è passato in vantaggio con Maria Luisa Beltrandi, che ha concluso  nel migliore dei modi una magnifica azione corale.
Più due clamorosi pali di Chiara Pettinati e un paio di interventi prodigiosi del portiere Giorgia Stranieri. La gara sembrava chiaramente indirizzata.
Ma nella ripresa il match cambiava completamente volto, con il Moto G.P. che prendeva in mano la situazione e coglieva il meritato pareggio con un’imprendibile bordata di Elisa Guainazzo, non nuova a simili prodezze. Le “motocicliste” sfioravano addirittura il ribaltamento del punteggio, ma l’1-1 restava inchiodato sino al termine. Giusto così.
Un tempo per uno e applausi per tutte le splendide protagoniste. 

Anche Rayo Vallecano e il neopromosso CFFSD Cogoleto si sono divisi equamente la posta, in un incontro dai mille volti e dalle tante marcature: 6-6 lo score definitivo.
Valentina Pedemonte per le cogoletesi e Federica Cardini per le “spagnole”  hanno dato vita ad una sfida nella sfida, realizzando una tripletta ciascuno e guadagnandosi “ex aequo il titolo di woman of the match”.
Un gradino sotto, ma davvero solo un piccolo gradino Erica Lombardo e Laura Cerruti, che si sono limitate (si fa per dire) ad una doppietta  a testa.
Hanno completato il tabellino i guizzi singoli di Martina Godani (Rayo Vallecano) e Martina Drago (punti di forza della formazione di mister Andrea Ramaglia). 

Goleada dello scatenato Campomorone Sant’Olcese, che ha travolto per 10-2 il malcapitato Vado FC.
Le vadesi hanno contenuto un po’ il passivo con Nadia Galliano e Cinzia Campione, ma sono state infilzate ripetutamente dai fantastici tris di Micol Profumo, Denise Civitella e Sonia Carmarino; di Elisabetta Olmetti l’altra marcatura. 

Al Meci Srl è invece bastato un guizzo della brava Sara Carino per imporsi di misura (1-0) su un combattivo ma poco incisivo Impero, che resta così in fondo alla graduatoria a quota zero con il Vado FC. 

Nell’incontro più atteso il Bar Roma Arenzano campione in carica ha superato (4-2) il Real Ovomaltina, sua grande rivale nella corsa al titolo “rosa” dell’UISP genovese. 

Ha riposato l’altra neopromossa, il Bavari Hills 16133.

Nella classifica cannonieri, comanda con 4 centri Micol Profumo del Campomorone Sant’ Olcese.
Seguono poi ben sette giocatrici con 3 segnature.

Serie A2 – Tre compagini sono rimaste a punteggio pieno: ABM Real Levante, Genova Calcio e US Valponte 1986, tutte candidate a lottare per i due posti promozione.   

Le “realiste” hanno superato per 8-5 al termine di un duello palpitante l’Atletico Levante, in un derby interessante e “caliente”.
Un’incontenibile Beatrice Verdina ha trascinato le compagne al successo con una scintillante tripletta, a cui si sono aggiunte le stoccate di Sharon Picone, Debora Dapelo (che ha concesso il bis), Arianna Nervo e Sabina Beretta.
Sul fronte opposto, hanno replicato in parte Carolina Pomo, Alice Nappi (micidiale uno-due a testa) e Chiara Peri.

Il Genova Calcio ha sconfitto a fatica (1-0) un eccellente Deportivo Nervi, che ha messo la museruola alle avversarie, facendosi sorprendere in una sola ma fatale circostanza dall’”opportunista” Jennifer Fredini, spesso puntuale sotto porta. 

Le valpontine hanno invece superato agevolmente l’Arenzano.
Il 10-1 parla da sé. Si sono divertite un po’ tutte le ragazze gialloblù, con note particolare di merito per Martina Cacciabue e Marcella Pandolfi (tre reti ciascuna), Mara Manzolillo e Roberta Maranini (due).
Per le arenzanesi solo uno spunto di Lucia Guastavino. 

Il Valgraveglia Gruppo Alloro, dopo il pari dell’esordio, ha vinto per 2-0 la prima gara casalinga a Cogorno, mandando così al tappeto l’AE Team Pontedecimo.
Hanno deciso la partita, intensa e vibrante, Camila Andrea Gonzalez Bianchetti e Stefania Radici.

Infine, lo Zena si è arreso per 0-4 ad una volitiva e produttiva Polisportiva CAP&S.
Le” portuali” hanno concretizzata la loro superiorità con una doppietta di Silvia Castagnino e le fucilate di Alexandra Dulas e Stephanie Riondino.  

Ha riposato il Panta ZD.

I due tornei femminili si fermeranno per una settimana in occasione della festività di Ognissanti. 

Nella graduatoria riservata alle attaccanti comanda al momento con 5 gol Martina Cicciabue, dell’US Valponte 1986.
Con 4 centri troviamo poi quattro calciatrici: Debora Dapelo (ABM Real Levante), le valpontine Roberta Maranini e Marcella Pandolfi, più Jennifer Fredini (Genova Calcio) (Francesco Ferrando).