Lavoratore A2, conferme e sorprese nel terzo turno


Atletico Quarto e Polisportiva Sant’Eusebio senza freni nel 3° turno del Girone A del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2.
Entrambe hanno infatti stravinto con punteggi che non ammettono repliche: 6-0 (quasi si trattasse di due set tennistici). 

La compagine di Raffaele Bevere, che non nasconde le sue ambizioni dopo il proficuo esordio nella scorsa stagione, quando raggiunse i play off, ha travolto l’Edilizia VM, ancora ferma al palo, grazie ad un tris da favola di Luca Tassara e le invenzioni di Pathe Sech, Luigi Figari e Gaetano Romano.

Il team di Bavari ha riservato identico, spietato trattamento all’altro fanalino di coda, l’AF Alcor.
Qui ha recitato il ruolo di protagonista un incontenibile Giorgio Cardinale, che ha concesso il bis.
Hanno completato l’ampio score Gabriele Wiann, Alexis Ramos Destre, Marco Orlando e Daniele Verderame.

Ha invece rallentato un po’ il passo il CSKA Pizza, dopo il pareggio per 1-1 sull’ostico campo dell’Olimpic Pra’ Pegliese 1971.
I praesi hanno centrato il bersaglio in un match intenso ed equilibrato con Gjergj Kasa; i “pizzaioli” hanno sfondato con un eccellente Marcello Falanga.
Le due compagini sono seconde ad una sola lunghezza dall’Atletico Quarto, insieme a La Resistente.  

I ragazzi di Alessandro Fossati hanno impattato per 2-2 contro un combattivo Nazario Et Celso, andando a segno con Luca Crovetto e Ousmane Diakité.
La compagine che porta il nome di una nota parrocchia di Arenzano ha saputo infilzare la retroguardia avversaria con Marco Nebiacolombo e Federico Tovaglieri. 

Brutto capitombolo del Genova Calcio Linea Messina, che nel 2016-2017 trionfò nel play out con nove successi di fila.
I sestresi sono caduti (1-2) di fronte ad un ottimo Ca’ de Rissi San Gottardo, cha ha capitalizzato al meglio gli spunti di Daniele Casula e Giorgio Mortello. Ai sestresi non è bastato un guizzo di Nickolas Bonaiuti per evitare un doloroso K.O. 

Il Due Settembre 1971 ha liquidato per 3-1 un Pallavacino coraggioso ma poco attento nei momenti topici della gara. I “settembrini” hanno perforato la difesa con Aldo Fischietti, Gabriele Dellepiane (sempre puntuale sotto porta) e Francesco Patti.
E’ servito a poco, dall’altra parte, il preciso tocco di Manuel Bernasconi (i nerazzurri restano così a zero punti come Edilizia VM e AF Alcor).

Nella graduatoria riservata alle punte, sono in testa Pathe Seck (Atletico Quarto) e Luca Crovetto (La Resistente) con 4 reti.

Girone BLa Gente della Notte è bella anche di… giorno. Il team di Luis Rocca ha steso con un sonoro 5-0 il Wings Aerospace, balzando da solo in vetta a punteggio pieno.
La “manita” porta la firma di Edwin Gullermo Betancourt, che ha siglato una meravigliosa tripletta, e Gil Keber Oliveira Santos (più un’autorete).
Per gli “astronauti” una scoppola inaspettata, soprattutto nelle proporzioni.

L’Arci Isoverde 1991, favorito numero uno del gruppo, è stato costretto alla divisione della posta (1-1) dall’Olimpic Zena Tecnocasa.
Gli “isoverdini” hanno gioito per una prodezza di Davide Sorrenti; gli “olimpici” hanno a loro volta esultato per una botta di Joseph Specchio, tra i migliori in campo, genoano e grande appassionato di calcio internazionale, stando alla sua pagina Facebook.  

Il Deportivo 2007, altra squadra tra le più accreditate, ha piegato per 1-0 l’Amatori Genova: ha deciso l’intenso duello una bordata di Manuel Tola.
Per i neoverdi è il primo successo stagionale, dopo una partenza rallentata; seconda sconfitta, invece, per l’Amatori Genova, penultimo con 2 punti in compagnia del Phoenix.

La formazione della Fenice è stata annichilita (1-6) da uno straordinario New Old Boys, che si richiama ad un famoso club argentino (il Newell’s Old Boy di Rosario, dove è cresciuto un certo Lionel Messi).
Michele Longo ha fatto il diavolo a… quattro, siglando infatti un poker da “supereroe”; di Daniele Dussoni e di Javier Oswaldo Lopez le restanti marcature. Gol della bandiera di Luca Roba. 

Anche un’altra società storica del calcio uispino genovese, lo Zener, sta attraversando un momento difficile. Gli “ingegneri” hanno dovuto alzare bandiera bianca (0-1) di fronte all’AB Ventieventi, restando così ancorati all’ultimo posto.
Gli “atletici” hanno sfruttato con cinismo e grande organizzazione tattica uno sunto di Obina Eze. 

La Vecchia Rivarolese 2016 ha espugnato il terreno dell’Ottica Gualducci (2-1). Salvatore Marsala ha ribadito la sua capacità di buttarla dentro in ogni occasione e gli ”avvoltoi” hanno dato un’altra “beccata” con Muhamadou Tunkara. Gli “ottici” non sono stati salvati da una precisa conclusione di Abdoulie Badjie. 

Nella classifica cannonieri, Michele Longo (New Old Boys), in virtù del suo exploit è scattato in testa con 5 centri. Lo inseguono, con 3 gol, Guillermo Erwin Betancourt (Gente della Notte), Davide Sorrenti (Arci Isoverde 1991) e Salvatore Marsala (Vecchia Rivarolese 2016) (Francesco Ferrando).