Lavoratore A2, la quinta giornata di campionato


Primo intoppo per l’Atletico Quarto, che nel 5° turno del Girone A del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2, dopo quattro successi consecutivi, è stato bloccato sull’1-1 dall’Olimpic Pra’ Pegliese 1971, sempre temibile quando gioca in casa. 
La società quartese, nata il 21 settembre 2011, è un modello d’organizzazione per l’attività sportiva e ricreativa, che continua a svilupparsi nel tempo (in questa stagione si è dotata di una nuova sede, con palestra multifunzione, fitness, spogliatoi e segreteria). Da un paio d’anni si cimenta anche nei campionato UISP.
Nel 2016-2017 ha raggiunto play off e quest’anno mira ancora più in alto. 
Contro i praesi ha confermato di essere una formazione solida (non per nulla guida la classifica con 9 punti), capace di superare i momenti difficili di una partita.
E contro i rosoverdi ce ne sono stati tanti. Ma, alla fine, la capolista, a segno con Luca Tassara, ha portato a casa un risultato prezioso.
Sul fronte opposto, note di merito per tutti, con un plauso particolare per il bomber di giornata, Andrea Lorusso. 

L’Olimpic Pra’ Pegliese 1971è sempre secondo, a due lunghezze dalla vetta, ma è stato raggiunto da CSKA Pizza e Due Settembre 1971, che hanno iniziato bene il torneo.

La compagine di Alessio Batini ha piegato per 2-1 un ostico Nazario Et Celso.
I ragazzi arenzanesi hanno dato del filo da torcere ai più quotati avversari, sfondando le linee difensive con Federico Tovaglieri.
Gli ambiziosi rossoblù sono riusciti a prevalere grazie alle stoccate di Matteo Cevasco e Matteo Nosenghi. 

I “settembrini”, vogliosi di riscatto dopo una stagione deludente, hanno sconfitto per 2-0 La Resistente, confermando di aver trovato la giusta quadratura per arrivare quanto meno ai play off. Hanno risolto la pratica gli affondi perentori di Francesco Patti ed Andrea Massera. 

In una manifestazione incerta e combattuta, fa ancora fatica l’Edilizia VM.
Contro una scatenata Polisportiva Sant’Eusebio è arrivato il quinto K.O. di fila: 10-0 per i bavarini.
Metà bottino l’ha realizzato, con una cinquina da favola, Giorgio Cardinale; hanno completato l’opera Matteo Bertarelli, Andrea Dilemma, Giovanni Cossio e Gabriele Wiann (doppietta). 

Il Pallavicino ha ceduto di misura (1-2) di fronte al Genova Calcio Linea Messina.
I sestresi, più ficcanti in avanti, hanno capitalizzato le bordate di Armando Iazzetta e Luca Bartoli. Il team di Amedeo Toccalino ha trovato lo spiraglio giusto in una sola circostanza con Marco Gullaci. 

Ancor più incerto ed avvincente l’incontro che ha decretato la sofferta vittoria del Ca’ De Rissi San Gottardo contro un pugnace AF Alcor (3-2).
La compagine di Molassana ha bucato la difesa con Luca Frisone, Danilo Tornatore e Giuseppe Esposito. I validissimi rivali hanno risposto parzialmente con Federico Fileni e Cristian Lami. 

Nella classifica cannonieri, Giacomo Cardinale (Polisportiva Sant’Eusebio) è balzato al comando, arrivando a 10 reti.
Lo segue, a quota 4, Pathe Seck, “arciere” del Ca’ de Rossi San Gottardo.

Girone B – La Gente Della Notte non si ferma più e prosegue la sua marcia imperiosa a punteggio pieno. L’ultima vittima degli incontenibili uomini di Luis Ricca è stato l’Amatori Genova, travolto con un significativo 5-2. Mattatore del match è stato Alessio Talia, che ha calato un meraviglioso tris; di Alessio Profumo e Edwin Guillermo Betancourt le restanti marcature.
I granata, ultimi con 2 punti insieme al Phoenix 1995, hanno limitato il passivo con i guizzi di Stefano Castronovo, che ha “timbrato” una bella doppietta.

Alle spalle della capolista, staccata di un paio di punti, c’è l’Arci Isoverde 1991, principale favorita per la promozione, che ha steso con un secco 3-0 il Deportivo.
La squadra di Marco Pericoli, una delle società storiche dell’UISP genovese, ha piazzato un letale uno-due con l’eccellente Michele Rebora e ha colpito anche con il solito Davide Sorrenti. 

L’AB Ventieventi ha consolidato la terza piazza, dando la paga (4-2) al New Old Boys.
I “vecchi ragazzi” hanno fatto il possibile per arginare la furia offensiva degli “atletici”, andando a segno con Fabio Polotti e Simone Rossi.
Ma sono stati infilzati da una doppietta dell’imprendibile Walter Genna e da una botta di Roberto Viani. Poi si sono “auto puniti” con un’autorete. 

Il Phoenix 1995 ha ribadito di attraversare un momento critico, perdendo per 0-2 con l’Olimpic Tecnocasa (quarta sconfitta in cinque gare).
Gli “olimpici” hanno sfruttato le debolezze attuali della compagine di Carlo Melani (un esempio di dedizione alla causa), centrando il bersaglio grosso con Daniele Firpo e Thomas Meloni.

Infine, un ritrovato Zener ha battuto per 3-1 l’Ottica Gualducci, che ha dovuto accontentarsi di un’invenzione di Alessandro Petracca.
Gli “ingegneri”, con una prova collettiva superba, hanno indirizzato decisamente la sfida dalla loro parte con le segnature di Alessio Cerbello, Ernesto Dragone e Simone Gallone. 

Nella graduatoria riservata agli attaccanti, brillano con 7 gol Alessio Talia (Gente Della Notte) e Davide Sorrenti (Arci Isoverde 1991).
Alle loro spalle, un’altra coppia, a quota 5: Edwin Guillermo Betancourt (Gente Della Notte) e Michele Longo (New Old Boys) (Francesco Ferrando).