Femminile, l'analisi di Francesco Ferrando della quarta giornata


Nel 4° turno del Campionato Femminile Uisp a 7 giocatrici – serie A1 si è spenta improvvisamente la luce per il Boglia United, sconfitto a sorpresa per 1-2 sul campo della Corderia di Sestri Ponente dal Meci srl.
La metafora luminosa non l’abbiamo scelta a caso, visto che la compagine sestrese porta il nome di un’azienda specializzata in impianti elettrici e d’illuminazione, fondata nel 1979. 
E’ stata una fantastica Francesca Boggero a trascinare le sue compagne alla prestigiosa vittoria, firmando una fantastica doppietta. Alle bogliaschine che hanno comune confermato di aver un organico di prim’ordine, non è bastato un guizzo della brava Alessia Calcagno.

In vetta è intanto proseguita la marcia sicura del Bar Roma Arenzano, che ha infilato la quarta affermazione consecutiva a spese del Rayo Vallecano, formazione che lotterà per salvarsi.
Netta la differenza tecnica tra le due squadre, con le arenzanesi che hanno dilagato per 9-3, con la solita Silvia Malavasi che ha realizzato una tripletta; hanno completato l’opera Ilenia Gasperini, Alessandra Ferrini (da anni gemella del gol della Malavasi) e  Roberta Venturi (una doppietta a testa).
Le “spagnole” hanno fatto il possibile, togliendosi la piccola soddisfazione di andare a segno con Erica Lombardo, Federica Cardini e Francesca Manfrè.  

In coda, primo successo per l’Impero che nello scontro diretto con il Vado FC si è imposto di misura per 3-2. L’incontro, combattuto e a tratti avvincente, è stato risolto a favore delle “imperiali” dagli affondi di Marta Minato, Francesca Pappalardo ed Elena Scuzzarello.
Per le orgogliose vadesi, splendido ma vano uno-due di Nadia Galliano, l’ultima ad arrendersi.

Il noepromosso CFFSD Cogoleto ha alzato bandiera bianca (2-5) di fronte ad un determinato e spietato Campomorone Sant’Olcese, che ha capitalizzato le sua ficcanti manovre offensive Micol Profumo, Denise Civitella, la solita Sonia Carmarino (che ha concesso il bis) ed Elisabetta Olmetti.
Le ragazze di Andrea Ramaglia hanno replicato in parte con Rodica Mirela Chelu e Laura Trichilo.

Infine, l’ambizioso Moto GP, secondo, ad una lunghezza dalla capolista, ha liquidato con un perentorio 4-1 l’altra compagine salita dalla A2, Il Bavari Hills 16133.
Le “motocicliste”, che nelle prime edizioni del torneo in rosa uispino non avevano rivali e che ora vogliono tornare in alto, hanno sempre controllato con autorevolezza la partita, colpendo con Elisa Guainazzo, Sonia Sulfaro (doppietta d’autore) e l’immancabile Valentina Villivà, quasi sempre presente nel tabellino marcatori.
Le bavarine hanno trovato il varco giusto soltanto con Valentina De Caroppo.

Ha riposato il Real Ovomaltina

Nella classifica cannonieri, duello spalla a spalla tra Silvia Malavasi (Bar Roma Arenzano) e Micol Profumo (Campomorone Sant’Olcese), che si trovano a quota 7.
Le tallona da vicino, con 6 centri, Sonia Carmarino, del Meci srl.

Serie A2 – Il Genova Calcio ha allungato la serie di successi, restando solitario in testa dopo aver annichilito con uno squillante 6-0 il Valgraveglia Gruppo Alloro.
Le biancorosse hanno impressionato per forza fisica e abilità tattica, infilzando le rivali con Agata Cenname (tris da urlo), Alice Tortello (bella la sua doppietta) e Giulia Musante.

L’ABM Real Levante, tra le candidate alla promozione, è stato bloccato sul pari (2-2) da un eccellente e motivato Deportivo Nervi, capace di sorprendere la difesa delle levantine col sontuoso uno-due di Chiara Giordano, reginetta della festa.
Dalla parte opposta, hanno fatto valere il loro fiuto del gol Debora Dapelo e Beatrice Verdina. 

L’US Valponte 1986 ha ceduto d’un soffio (2-3) di fronte all’Atletico Levante, che ha capitalizzato al meglio le conclusioni al fulmicotone di Alice Nappi (che ha “sparato” due volte) e Arianna Romagnoli.
Le valpontine, battagliere ma poco fortunate, hanno gonfiato la rete con Mara Manzolillo e Letizia Minetto.

Lo Zena FC ha piegato per 4-3 il Panta ZD dopo un incontro al cardiopalmo.
Le “zeneisi” hanno trovato in Valentina Venturini una finalizzatrice coi fiocchi, aiutata da Sonia Manfucci e Silvia Moschen.
Le avversarie sono state solo un pochino meno lucide nei momenti topici della gara e hanno dovuto accettare il verdetto negativo, malgrado la doppia stoccata di Francesca Casanova e quella singola di Veronica Cappai.

Secondo trionfo consecutio per l’Arenzano, che ha prevalso per 4-3 sulla Polisportiva CAP&S.
Le “portuali” hanno esultato per le stilettate di Laura Micali (che ha piazzato un formidabile uno-due) e Silvia Castagnino, ma sono state le arenzanesi ad avere l’ultima parola con le saette di Lucia Guastavino (doppietta), Sara Valle e Silvia Damonte.   

Ha riposato l’AE Team Pontedecimo

Nella graduatoria riservata alle punte, la migliore, al momento, è Debora Dapelo, dell’ABM Real Levante (9 marcature).
A 6 troviamo Martina Cacciabue (US Valponte 1986) e a 5 Silvia Castagnino (Polisportiva CAP&S) (Francesco Ferrando).