Over 40, nessun risultato scontato tra i "Veterani Uisp"


Un guizzo. Un lampo.
Federico Fognani ha risolto a favore del KF Service srl una gara complicatissima (e tiratissima) con l’Agua Etilic Korps Cabrones, terminata col risicato punteggio di 1-0.
Fognani (classe 1982, compirà 35 anni il prossimo 6 dicembre) è un habituè del calcio amatoriale genovese. 
Nel 2015-2016 ha giocato con Dinamo Boys e Genova Red Devils e si è diviso tra queste due squadre anche nella stagione successiva (con i boys 16 presenze e 15 gol, con i diavoli rossi 21 gare e 5 reti). 

Nel 2016-2017 ha trovato posto anche nel KF Service srl, contribuendo al trionfo nell’Amatori a 6 giocatori. Davvero un uomo per tutte le stagioni.
Ora disputa con i santolcesini il Campionato Uisp Over 40 a sette giocatori e la sua marcatura contro gli “etilici” è valsa il primato provvisorio dei rossi, in un torneo ancora in divenire, dove la corsa ai primi otto posti (che qualificano ai play off) è più che mai aperta.

L’unica formazione ancora a punteggio pieno dopo il 4° turno è l’Olimpic Sava Idraulica, che ha già riposato.
Il sonoro 10-4 con cui ha steso il Levante C la segnala come la compagine più in forma del momento, con un attacco atomico (20 centri in tre incontri, all’impressionante media di 6,66 gol a partita).
Il mattatore è stato Giuseppe Alongi, che contro i levantini è andato a segno addirittura otto volte. Le altre marcature portano la firma di Francesco Centomani, che ha “timbrato” una bella doppietta.
Sul fronte opposto, magnifico tris, per quanto inutile ai fini del risultato, di Mario Bordo, a cui si è aggiunto un affondo di Danilo Donato.

A quota 6, insieme agli “idraulici”, troviamo anche Vecchia Rivarolese 2016 e Bar Europeo.

Gli “avvoltoi” hanno inflitto un tennistico 6-0 al Gs Amici Struppa, concretizzando la loro netta superiorità con sei goleador diversi (segno di un collettivo che funziona): Marco Rossi, Massimiliano Gullone, Lorenzo Bettino, Angelo Profumo, Davide Ghironi e Mauro Chino. 

I “baristi” del quartiere San Martino non hanno avuto problemi (8-0) contro il Rovers FC, investito da tutte le parti dagli scatenati avversari, che hanno colpito a ripetizione con un tris dell’incontenibile Roberto Mungari Schipani, l’uno-due di Luca Giavarra e gli acuti singoli di Paolo Di Maggio, Miguel Eduardo Cabrera Cruz e Miguel Angel Ramirez Vargas. 

Grande equilibrio ed estrema incertezza, invece, nel successo di misura (1-0) del San Martino contro un indomito Zener.
Ha deciso l’appassionante contesa un’invenzione di Massimo Menegatti, abile a cogliere l’attimo giusto nel momento giusto. 

Il Levante C Amici di Tury non ha lasciato scampo alla Longobarda, come testimonia l’8-1 finale.
I campioni in carica hanno dominato la scena, dilagando con i micidiali uno-due di Stefano Pasquino, Franco Bellisario e Fabrizio Bertucci; hanno completato l’opera Massimiliano Oliviero e Giuseppe Vannicola.
Per i longobardi, gol della bandiera di Stefano Puppo.

Un’orgogliosa e combattiva Dinamo (a segno con una doppietta di Reno Cataldo e uno spunto di Paolo Vitale), ha ceduto d’un soffio (3-4) al Pedemover, che ha sfruttato al meglio una straordinaria tripletta di Gianluca Ruffino e una stoccata di Andrea Biggi.

Ha riposato l’Ansaldo Energia.

Nella classifica cannonieri, l’“ottovolante” contro il Levante C ha portato in alto Giuseppe Alongi (Olimpic Sava Idraulica), che ora comanda con ben 12 reti.
Lo inseguono, con 9 “timbri”, due giocatori della Dinamo, Paolo Vitale e Reno Cataldi.
Alessio Musante, dell’Ansaldo Energia, è rimasto a 7 (Francesco Ferrando).