Lavoratore A2, Atletico Quarto e Gente della Notte in testa


I bomber all’Olimpic Pra’ Pegliese 1971 fanno la differenza.
Con un poker di reti da leccarsi i baffi, l’attaccante Gjergji Kusha ha infatti trascinato i rossoverdi alla squillante vittoria per 6-2 contro la Polisportiva Sant’Eusebio, mantenendo i praesi in seconda posizione nel Girone A del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2.
Il suo apporto in zona gol dà più “sapore” alla manovra offensiva e la stagione sembra poter regalare parecchie soddisfazioni al team di Massimiliano Cambi. 
Certo, non c’è solo Kusha: tutta la squadra si sta esprimendo su alti livelli, come testimoniano le marcature di Alessio Sercia e Davide Favale, che hanno “chiuso il set” contro i bavarini.
La Polisportiva Sant’Eusebio ha dovuto prendere atto della superiorità degli avversari, accontentandosi di limitare il passivo con Andrea Dilemma e Daniele Verderame. 

In testa al gruppo viaggia sempre spedito (13 punti) l’Atletico Quarto, che nel 7° turno ha battuto a Cogoleto il Nazario Et Celso per 3-1, dimostrando di poter ambire alla promozione e magari pure al titolo di A2.
Anche la compagine di Raffaele Bevere può contare su un bomber di razza come Pathe Seck, che ha “timbrato” l’ottavo centro stagionale, a cui si sono aggiunti i guizzi di Luca Tassara e Fabio Cenciarini. Gli arenzanesi hanno imbucato solo una volta con Marco Ferrari. 

Il Genova Calcio Linea Messina, terzo a meno tre dalla vetta, ha piegato per 2-1 l’ambizioso Due Settembre 1971, capitalizzando al meglio gli spunti irresistibili di Andrea Barbati e Giorgio Mortello.
I “settembrini”, pur battendosi con orgoglio e qualche buona trama, hanno chinato il capo, nonostante la marcatura di Francesco Patti.

Secondo successo in campionato per il Pallavicino, che non è più, come nel recente passato, la “cenerentola” del torneo. I nerazzurri si sono imposti di misura (3-2) sull’AF Alcor, al termine di un incontro a tratti appassionante, risolto da una magnifica doppietta dello scatenato Marco Gullaci e da una bordata di Andrea Massone.
I rivali si sono fermati alle stoccate di Davide Migliani e Alfredo Pugliares.

Il Ca’ de Rissi San Gottardo ha mostrato la “manita” (5-0) all’Edilizia VM, sempre inchiodata all’ultimo posto a zero punti.
La compagine di Molassana ha dilagato con Nickolas Bonaiuti, Nicolò Gattorna, Giuseppe Esposito e Daniele Casula (che ha concesso il bis). 

CSKA Pizza e La Resistente si sono divise la posta (2-2), confermando di essere abbonate ai pareggi (già tre in sette partite).
L’équipe di Alessio Batini ha sfondato con Matteo Cevasco e Antonio Sofia, mentre i rossoneri hanno trovato lo spiraglio giusto con Wilson Oboh e Ousmane Diakite.
Il confronto è stato intenso ed incerto ed ha offerto più di una giocata interessante.

Nella classifica cannonieri, il citato Gjiergji Kusha domina dall’alto delle sue 12 segnature (alla media di 1,71 gol a partita). Pathe Seck è salito a quota 8, raggiungendo Giacomo Cardinale, finalizzatore principe della Polisportiva Sant’Eusebio

Girone B – La Gente della Notte Tissercar ha eseguito la “settima sinfonia”, continuando la sua marcia impressionante (e dominante).
E’ ancora a punteggio pieno, dopo aver mandato al tappeto (3-1) anche il temibile Deportivo 2007, grazie ad un gioco “melodico” e alla vena realizzativa di Christian Ratti, Alessio Talia e Mattia Nicotera.
I ragazzi di Massimiliano Patti hanno gioito soltanto per una trovata di Jacopo Botticella. 

L’Arci Isoverde Uniservice Unisafe, seconda a tre lunghezze dalla vetta, ha annichilito con un eloquente 6-1 il Phoenix 1995, facendo valere tutta la propria forza d’urto, concretizzata da Musa Likafi, Davide Sorrenti, Michele Rebora, Mattia Moi, Matteo Parodi e Mauro Chino.
La squadra della fenice ha siglato il classico gol della bandiera con Simone Pareschi. 

Anche il New Old Boys ha ottenuto un’affermazione convincente, battendo per 4-1 l’Ottica Gualducci, un’altra compagine decisamente in difficoltà.
Michele Longo ha recitato il ruolo di assoluto protagonista, calando un tris favoloso (ha chiuso quindi i conti Dennis Simondo).
Gli “ottici” non hanno potuto salvarsi dalla furia dei “vecchi ragazzi”, riuscendo comunque ad evitare il “cappotto” con una stilettata di Parfait Lacina Prince Fofana. 

Si è risollevato lo Zener, che si è portato in zona play off, aggiudicandosi di misura l’importante sfida con il Wings Aerospace Pianeta Pizza (1-0).
L’aspro confronto, equilibrato e combattuto, è stato deciso da una precisa conclusione di Simone Gallone, abile a cogliere l’attimo fuggente. 

AB Ventieventi e Vecchia Rivarolese 2016 si sono piazzati in terza posizione con 10 punti.

Gli “atletici” hanno avuto la meglio per 3-2 sull’Olimpic Zena Tecnocasa, capitalizzando al meglio il micidiale uno-due del solito Walter Genna (sempre puntuale sotto porta) e un affondo di Claudio Orlando.
I praesi hanno replicato in parte con Enrico Tamburelli e Alessandro Gucciardi. 

Gli “avvoltoi” hanno faticato molto meno per superare l’Amatori Genova.
Il 5-1 finale esemplifica l’andamento dell’incontro, dominato dai giallorossoneri, che hanno colpito a ripetizione con Marco Rossi, Gianluigi Basso, Davide Brunelli, Vincenzo Nicosia e Massimo Zavaglia.
Vale solo per le statistiche il tocco di Stefano Castronovo, che non ha addolcito più di tanto l’amara pillola ingoiata dagli uomini di Luca D’Arrigo.  

Davide Sorrenti (Arci Isoverde Uniservice Unisafe) guida la graduatoria riservata alle punte con 9 segnature, tallonato da presso (8 centri) da Alessio Talia (Deportivo 2007) e Michele Longo (New Old Boys). Stefano Castronovo (Amatori Genova) è salito a 6 (Francesco Ferrando).