'Coppa Lavoratore Uisp', i risultati del primo turno di andata


E’ cominciata all’insegna dell’equilibrio la seconda edizione della Coppa Lavoratore UISP, che ha disputato l’andata del primo turno.

Solo AF Calcio e Campomorone Sant’Olcese hanno già ipotecato la qualificazione con due nette affermazioni all’andata, mentre le altre sfide rimangono apertissime.

L'AF Calcio ha superato con un perentorio 5-2 il Real Quezzi EAM Edilizia Artigiana Moderna, “fanalino di coda” della A1 e in difficoltà in questa stagione.
La supremazia dei bianco-gialloneri è stata certificata dalle conclusioni micidiali di Haitem Bouhaled, Guido Mucaria, Matteo Origo, Claudio Trapani e Nicolò Picasso.
I quezzini hanno solo potuto contenere i danni, andando a segno con autogol e un guizzo di Roberto Nasso. 

I santolcesini hanno steso con un letale 3-0 l’Atletico Quarto, leader del girone A della serie A2.
Il team di mister Bricola ha fatto valere la differenza di categoria, concretizzando le sue ariose manovre con i puntuali Alessio Lungheu, Matteo Mezzapesa e Ossai Victor Olodu.
Gli avversari hanno cercato di circoscrivere gli incessanti attacchi dei padroni di casa, ma il loro piano non ha funzionato. 

Ben due sfide sono terminate 0-0.

Il Mignanego Bunker non ha sfondato contro la Gente Della Notte, che ha confermato di dominare il proprio girone di A2 non certo per caso.
Ottima l’organizzazione esibita dal team di Luis Rocca, che sogna di fare strada anche in questa competizione ad eliminazione diretta.

Reti inviolate anche nell’unico incontro che opponeva due formazioni di A2, Ca’ de Rissi San Gottardo e Zener. Le difese hanno avuto la meglio sugli attacchi, concedendo poche occasioni su entrambi i fronti. Tutto rimandato quindi al ritorno, con l’eventuale perdente che potrà comunque sperare di essere ripescata (lo stesso, naturalmente vale per Mignanego Bunker e Gente Della Notte).  

La Cattolica Bogliasco ha superato di misura (2-1) un Saint Trappa tutt’altro che arrendevole.
Gli uomini di Pietro Consigliere hanno capitalizzato con freddezza e abilità le stoccate di Andrea Cherubini e Lorenzo Ghirarducci.
Per i “trappisti” ha colpito il solito Claudio “Sterza” D’Agostino, il loro attaccante più temibile. 

Spettacolo puro e tante marcature nel 4-3 con cui l’ASLA Genova, favorita della vigilia insieme alla Cattolica Bogliasco, si è imposta su un’Ansaldo Energia mai doma.
I ragazzi di Alessandro Scarcella hanno trovato lo spiraglio giusto con il magnifico uno-due di Samuel Muyiwa Erebowale e un tocco di Paolo Commissione, usufruendo anche di un’autorete risultata alla fine decisiva.
Gli ansaldini, che potranno tentare l’impresa nel ritorno, hanno a loro volta bucato la retroguardia dei “blues” con Mattia Bruschi (che ha concesso il bis) e Francesco Sacchi (Francesco Ferrando)