Amatori a 7, il 13° turno nel segno dell'equilibrio


Il 13° turno del Girone A del Campionato Uisp Amatori a 7 giocatori è risultato fatale a FC Quinto, che ha incassato la prima sconfitta stagionale ad opera di un audace e sfrontato Percivale’s Team (4-5).
I quintini hanno sì colpito in attacco con una meravigliosa tripletta di Vladyslav Dzyunko e un guizzo di Antonio Pandiscia, ma sono stati un po’ sbadati in difesa; così sono stati infilzati dai micidiali uno-due di Luigi Maiorino e Massimiliano Paparella, da un tocco di Fabio Chirigò e da un autogol rivelatosi alla fine decisivo. 

Il Serramenti Struppa ha però rosicchiato solo un punticino alla capolista, pareggiando per 2-2 con l’Ediltecno Design AB Edilizia.
Gli “edili”, che per lungo tempo hanno dominato nel calcio a sette genovese uispino, sono stati meno brillanti nell’attuale campionato, ma costituiscono sempre un gruppo temibile, con tanti interpreti di qualità, che nella circostanza hanno fatto valere (e vedere) le loro qualità e il loro orgoglio, centrando il bersaglio con Andrea De Luca e Attilio Biribò.
I rivali hanno dovuto impegnarsi a fondo per sostenere l’urto, aggrappandosi alle prodezze sotto porta di Simone Porcella e Fabrizio Casazza.

Anche il Roccacannuccia, specializzato in pareggi (cinque su dodici gare), è stato costretto alla divisione della posta da un combattivo Capichera Calcio (3-3), che ha sfondato con Christian Scaramuzzino, Piero Sessarego e Luigi Cuneo.
Ben due autoreti hanno aiutato gli avversari a mantenersi in linea di galleggiamento, aggiungendosi ad una stilettata di Andrea De Vita.

In una giornata all’insegna dell’equilibrio, ha fatto eccezione la Polisportiva Sant’Eusebio, che ha annichilito per 10-3 l’All Scars SC sempre fermo a zero punti.
La compagine di Bavari ha messo in mostra un incontenibile Giacomo Cardinale, che ha firmato una sestina da favola; hanno completato lo score una doppietta di Fabio Vignola e gli acuti di Stefano Longo e Diego Manuguerra.
Sul fronte opposto, il migliore è stato Federico Bellu, che ha calato un eccellente, per quanto inutile, tris. 

Ha riposato il San Ciro Eremita. 

Nella classifica cannonieri, Andrea De Luca (Ediltecno Design AB Edilizia) comanda con 23 segnature, tre in più di Fabrizio Casazza, bomber d’eccezione del Serramenti Struppa.
Giacomo Cardinale (Polisportiva Sant’ Eusebio), con il suo straordinario exploit, è balzato a quota 19 e precede il compagno di squadra Matia Tonetti e Vladyslav Dzyunko, attestati a 17. 

Girone B – La Pro Sesto Genova, rimasta l’unica formazione imbattuta della competizione, ha ribadito la sua schiacciante supremazia, superando anche la Pedemontana Cantera Carrozzeria Mannino per 5-2.
I “sestesi” hanno capitalizzato i letali uno-due di Claudio Cerasuolo e Niko De Angelis e uno spunto di Daniele Alfano. A poco è servita la bella doppietta di Gioele Rosa per i “canterani”. 

Una scatenata US Valponte 1986 non ha concesso scampo al Gsc Sant’Olcese KF Service, imponendosi con un secco 4-0, che le consente di agganciare al secondo posto, sia pure con una gara in più, la Nuova Pedemontana (che ha riposato).
I valpontini hanno imperversato dall’inizio alla fine, concretizzando le loro ariose manovre con Davide Ferrando, Stefano Ferrante, Andrea Alvigini e Michele Porcile.

Pari e patta (3-3) tra Gs Gaiazza e P&P Carburanti, al termine di un duello palpitante.
La formazione di Ceranesi ha trovato il varco giusto col solito Alessio Mastrangelo e Matteo Traverso (che ha concesso il bis).
I rossoblù hanno replicato a tono con Manuel Monterotondo, Marco Pesciallo e Roberto Pesciallo. 

La Resistente ha battuto per 5-2 gli Artisti Vari, che hanno limitato il passivo con Simone Calamari e Giovanni Ecora, ma nulla hanno potuto sulle conclusioni precise di Luigi Piazze, Famoussa Bagayoko, Cristiano Sirtori e Alessandro Fossati. 

Luigi Saccone (Gsc Sant’Olcese KF Service) guida la graduatoria dedicata agli attaccanti con 27 reti.
Lo segue, a quota 24, Alessio Mastrangelo (Gs Gaiazza).
Sul terzo gradino del podio, con 15 centri, ci sono Stefano Ferrante (US Valponte 1986) e Claudio Cerasuolo (Pro Sesto Genova) (Francesco Ferrando)