Lavoratore A2, la giornata numero quattordici


L’Olimpic Pra’ Pegliese 1971 è una delle società storiche del calcio dilettantistico genovese.
E da anni ha stretto una collaborazione sempre proficua con l’UISP, condividendo varie iniziative.
La squadra che partecipa al Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori – serie A2 sembra anche aver aumentato la propria competitività in questa stagione, puntando più in alto del solito (attualmente è terza in graduatoria nel Girone A). 

La conferma è arriva dal successo per 2-1 nella sfida con il CSKA Pizza, cruciale in ottica play off.
I praesi, lucidi ma anche spregiudicati quando serviva, hanno capitalizzato al meglio le conclusioni al bacio dello scatenato Alessio Sercia, che ha realizzato una fantastica doppietta.
Il difensore, nato nel 1982, si sta rivelando quanto mai proficua per le ambizioni della compagine di Claudio Ruatti. Se poi ci mette lo zampino anche sotto porta… (già 5 reti sin’ora). 
I ragazzi di Alessio Battini si sono battuti con determinazione, ma sono riusciti a sfondare solo una volta con Roberto Annaloro e adesso la loro sesta posizione, l’ultima che regala un posto per la fase decisiva del torneo, è insidiata dal Due Settembre 1971, che si è portato ad una sola lunghezza, grazie al 3-1 rifilato al Pallavicino.

I “settembrini” hanno imposto un ritmo insostenibile per gli avversari, che sono stati inesorabilmente infilzati dall’uno-due di un devastante Stefano Morelli e da un guizzo di Francesco Patti.
Lo spunto di Marco Gullaci è servito ai nerazzurri solo da parziale lenitivo al dolore della sconfitta.  

Intanto, le prime due della classe hanno proseguito la loro marcia sicura.
La capolista Atletico Quarto ha “passeggiato” (6-0) contro l’Edilizia VM, ribadendo di essere straordinariamente forte e decisa.
La superiorità dei quartesi è stata nettissima e si è trasformata in una goleada con le segnature di Luca Tassara, Fabio Cienciarini, Fara Papa Diop (doppietta d’autore), Raffaele Bevere e Luca Dodero.

La Resistente, forse in onore dello sponsor Il Cantinone, ha “ubriacato” il Nazario Et Celso, come evidenzia il secco 3-0 finale.
Gli arenzanesi hanno raccolto solo le briciole in un match a senso unico, in cui ha brillato la stella di Andrea Biedi, che ha colpito in un paio di circostanze; Famoussa Bagayoko ha completato l’opera con il suo terzo centro in campionato. 

Il Ca’ de Rissi San Gottardo, quarto, ha confermato il suo buon momento, espugnando per 2-1 il campo, non sempre facile, del Genova Calcio Linea Messina.
I sestresi hanno trovato sì il varco giusto con il solito Giorgio Mortello, ma nulla hanno potuto sulle bordate mortifere di un eccellente Giuseppe Esposito (che ha concesso il bis); le sue prodezze hanno risolto così una gara incerta e combattuta. 

Compito più agevole per la Polisportiva Sant’Eusebio, che ha rafforzato la sua quinta piazza, superando con un eloquente 4-1 l’AF Alcor.
Il team di Bavari ha trovato il suo trascinatore in Gabriele Wiann, non nuovo a simili exploit: il suo uno-due ha tolto ogni speranza ai gialloblù.
I tocchi precisi di Daniele Verderame e Daniele Chessa hanno decretato la sentenza definitiva.
Sul fronte opposto, c’è stato spazio soltanto per un acuto di Cristian Lami.

Nella graduatoria riservata agli attaccanti, Gjergji Kesha (Olimpic Pra’ Pegliese 1971) resiste in testa con 14 bersagli, due in più di Giorgio Mortello (Genova Calcio Linea Messina) e Giorgio Cardinale (Polisportiva Sant’Eusebio).
Marco Gullaci (Pallavicino) è salito a quota 11.
Poi troviamo a 10 Luca Tassara (Atletico Quarto) e Daniele Verderame (Polisportiva Sant’Eusebio).

Girone B – E’ terminato con un salomonico e spettacolare 2-2 l’incontro più atteso ed importante di giornata, quello tra AB Ventieventi e Zener, rispettivamente terza e quarta.
Gli “atletici” hanno trovato lo spiraglio giusto con Francesco Saulle e Walter Genna, sempre puntuale nei sedici metri.
Gli “ingegneri” hanno replicato con uno straordinario Fabio Corsi, che ha “timbrato” una bella doppietta. 

Clamoroso capitombolo della Vecchia Rivarolese 2016, che al “Torbella” è stata travolta (0-5) da una rinata Ottica Gualducci, che non ha ancora rinunciato al sogno play off (già raggiunti la scorsa stagione).
Gli “ottici” di Calogero Balbi hanno dominato in lungo e in largo, capitalizzando le stoccate di Ansoumana Colley, Abdoulie Badjie, Lacina Parfait Prince Fofana, Enis Ceka e Jhony Wesley.
E’ la più pesante sconfitta subita dagli “avvoltoi” nel mitico “Tobella”. 

Il New Old Boys, zitto zitto, ha agganciato in sesta posizione il Wings Aerospace, superando con una prestazione convincente il “fanalino di coda” Phoenix 1995.
Tutto abbastanza facile per la squadra di Daniele Dussoni, che è passata con un micidiale uno-due dell’incontenibile Dennis Simondo, giovane centrocampista classe 1994, che nella circostanza ha, come si dice, cantato e portato la croce. Insomma, è stato perfetto. 

Occasione persa per il Deportivo 2007, che ha ribadito tutta la sua incostanza, perdendo a domicilio contro un sorprendente Amatori Genova per 2-4 nel confronto più emozionante del fine settimana.
I granata hanno punito le amnesie difensive degli avversari con Luca Stradiotti, il letale Stefano Castronovo, Gary Ricardo Arauz Mendoza e Jorge Enrique Gamboa Zambrano.
Inutile,  per quanto pregevoli, le stilettate per il Depor di Milo Chiari e Fabio Boccaccio. 

Intanto Gente Della Notte Tiessecar e Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe hanno continuato a viaggiare con il pilota automatico, demolendo ogni ostacolo.

Gli “isoverdini” hanno esagerato, annichilendo con un severo 8-1 il malcapitato Olimpic Zena Tecnocasa.
Una festa per la compagine di Marco Pericoli, in cui si sono divertiti più di tutti Alessio Mastrangelo (doppietta) e un superlativo Davide Sorrenti (tripletta); Mauro Chino, Mattei Moi e un’autorete (quando le cose vanno male, vanno male sino in fondo…) hanno chiuso l’ “ottovolante”.
Sul fronte opposto, Marco Avanzini ha almeno evitato il “cappotto”. 

La Gente Della Notte Tiessecar sa solo vincere (sono 14 di fila).
Dopo aver patito contro il New Old Boys sette giorni prima (sofferto 1-0), stavolta ha presentato la sua faccia migliore, annichilendo per 4-1 un orgoglioso ma troppo fragile Wings Aeropsace
La capolista ha “timbrato” col solito Alessio Talia, Michael Barzola Marriot, il “patron Luis Rocca e Davide Parodi. Gli “astronauti” si sono consolati (si fa per dire) con un affondo di Alessandro Amandola, ma hanno “salvato” (per adesso) la qualificazione ai play off, favoriti dall’inatteso tonfo del Deportivo 2007.
Ma la lotta resta più che mai incerta. 

Nella classifica cannonieri, il leader Michele Longo, del New Old Boys, 14 reti, è stato avvicinato da Stefano Castronovo (Amatori Genova), balzato a 14.
Sul terzo gradino del podio, siedono Alessio Talia (Gente Della Notte) e Davide Sorrenti (Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe) con 13 centri.
Seguono Davide Parodi (Gente Della Notte, 12) e Alessio Mastrangelo (Arci Isoverde 1991 Uniservice Unisafe, 11) (Francesco Ferrando