Gente della Notte, una squadra che fa sognare


Trentatré punti, 16 vittorie consecutive e 1 solo pareggio, ottenuto proprio nel big match dell’ultima giornata contro la formazione dell’Arci Isoverde.
Luis Rocca, Alessandro Forti e Mattia Nicotera hanno lavorato in estate per allestire una formazione competitiva, ma, forse, non avevano idea nemmeno loro potesse esserlo così.

Ha davvero battuto ogni record la Gente della Notte, leader indiscussa del girone B di serie A2 dello storico Lavoratore a 11 giocatori, e lo ha fatto alla prima vera esperienza nel campionato Uisp.

La storia di questo grande gruppo inizia sei anni fa quando Luis Rocca, presidente-giocatore, Alessandro Forti e Mattia Nicotera, anche loro dirigenti-giocatori, hanno deciso di trasformare una grande amicizia anche in un progetto sportivo.

Uniti dalla passione per il gioco del calcio, che li ha visti per anni protagonisti di campionati federali, e anche dalla stessa attività professionale di imprenditori del settore ristorazione-intrattenimento, Luis, Alessandro e Mattia, tesserati due anni fa della formazione del Foce, hanno deciso in estate di formare un nuovo gruppo da iscrivere alla serie A2.

«Un gruppo fantastico, unico – racconta Luis Rocca. Non è una frase fatta ma quello che realmente è e che, unito alle doti tecniche di ciascuno di noi, ci ha permesso di raggiungere questo traguardo».
«L’alchimia tra di noi – prosegue Rocca – è qualcosa che si è creata fin da subito, dal primo allenamento estivo. Questa unione si traduce in campo in grande aggressività e grande serietà: siamo la squadra che si ritrova al campo un’ora prima di giocare per provare a creare la giusta tensione ed ottenere la giusta concentrazione per affrontare ogni gara
». 

Un atteggiamento che fino ad ora ha premiato un gruppo che si autogestisce, che può contare in una rosa ampia dove compaiono cinque giocatori di ruolo portiere, con il ‘veterano’ Marco Ottonello, classe 1968, perno del centro campo.
«Per dare ragione ad un’annata fino ad ora incredibile, bisognerebbe citare – ci confida sempre Rocca – ogni giocatore, ma una menzione speciale è doverosa al nostro bomber Alessio Talia, non solo per il numero di reti, diciotto, realizzate fino ad ora, ma soprattutto perché è davvero in grado in ogni partita di fare la differenza». La scaramanzia è d’obbligo, ma altrettanto d’obbligo è parlare di ‘promozione’ come obiettivo per il finale di una stagione che ha regalato nelle ultime settimane alla Gente della Notte anche il passaggio al secondo turno della Coppa Lavoratore.