Over 40, è il KF Service Srl la prima finalista


Il KF Service Srl, vincendo in anticipo (e a mani basse) il Girone 2 dei Play-Off, è il primo finalista del Campionato Uisp Over 40 a 7 giocatori.
Nel 5° e penul’ultimo turno dei Play-Off, i santolcesini (cinque successi consecutivi) hanno superato (9-3) una Vecchia Rivarolese 2016 sin troppo “tenera” nella circostanza, dilagando con una sontuosa tripletta di Federico Fognani, le irresistibili doppiette di Luca Martinelli e Andrea Garofani, più gli squilli di Davide Brunelli e Andrea Gardella.
Gli “avvoltoi” hanno potuto solo limitare un po’ il passivo con le bordate di Davide Ghironi (che ha concesso il bis) e Mirko Cavicchioli.

Il Levante C Amici di Tury, che vinse il titolo nella passata stagione, è secondo a meno quattro.
Ha superato non senza problemi un arcigno Pedemover (sin’ora sempre sconfitto), concretizzando le sue offensive con i letali uno-due degli ispirati Mauro Cappai e Massimiliano Olivero e gli acuti singoli di Giuseppe Vannicola e Stefano Pasquino. 
Sul fronte opposto, hanno trovato il varco giusto Christian Tuttino, Andrea Biggi, Luca Sciutti e Maurizio Porcile, ma le loro prodezze non sono bastate per evitare un altro KO.

Girone 1 – L’altra qualificata all’atto decisivo uscirà dallo scontro diretto dell’ultima giornata tra Bar Europeo e Ansaldo Energia.

I “baristi”
giungono a questo appuntamento cruciale (15 maggio,Rio San Michele, ore 20) con un piccolo ma preziosissimo punto di vantaggio, acquisito dopo aver superato agevolmente per 13-7 l’Olimpic Sava Idraulica.
Roberto Schipani Mungari ha illuminato la scena con una cinquina da sogno (che è stata un incubo per gli avversari).
Grande protagonista anche Marco Gagliardi, che ha realizzato una travolgente tripletta; le altre marcature portano la firma di Luca Giavarra, Carlo Eduardo Saverio Trivino (una doppietta a testa) e Roberto Leyter Cortez Vergara.
Nelle file praesi, un eccellente Giuseppe Alongi ha retto la sfida personale con Schipani Mungari, insaccando una magnifica quaterna, a cui si sono aggiunte le stoccate di Massimo Fassio (doppietta) e Alessandro Cavanna.

Gli ansaldini hanno perso terreno, visto che sono stati inchiodati sul pari (3-3) da un San Martino determinato e voglioso, capace di colpire con un pirotecnico tris di Massimo Menegatti.
I rosso-azzurri hanno risposto con Felice Mallia (due volte) e Giovanni Vallebona; troppo poco per incamerare l’intera posta, come preventivato alla vigilia del delicato confronto.

Play-Out – Fatale capitombolo del Levante C, che ha subito un severo ed inaspettato 0-4 dal Rovers FC, capace di tirare fuori dal cilindro una prova perfetta: è stato abile nello chiudersi dietro e micidiale in attacco, dove ha fatto fuoco e fiamme.
I levantini sono ancora primi con 8 punti, ma nella prossima giornata potrebbero essere scavalcati dallo Zener, che insegue ad un punto.

Gli “ingegneri” hanno annichilito con un inequivocabile 6-1 il Gs Amici Struppa, che ha evitato il “cappotto” con un guizzo isolato di Luca Succi.
I bianco-gialloneri hanno imperversato con un Alessio Cerbello formato “Superman” (le sue cinque reti sono state un capolavoro); ha chiuso il punteggio di sapore tennistico una botta di Stefano Burlando.

Longobarda-Agua Etilic Korps Cabrones (che ha disputato solo tre incontri sin’ora) si giocherà il 18 maggio.
I “caproni”, aggiudicandosi i recuperi e battendo lo Zener, hanno ancora la chance di rientrare in corsa.    

La Dinamo ha riposato.

Nella classifica cannonieri generale, Giuseppe Alongi (Olimpic Sava Idraulica) ha raggiunto una stratosferica quota 46, ormai irraggiungibile per tutti gli altri.
I secondi in graduatoria, Reno Cataldi (Dinamo) e Roberto Schipani Mungari (Bar Europeo), sono infatti lontani, con 29 gol.
A 27 troviamo un’altra coppia, formata da Massimo Fassio (compagno di squadra di Alongi) e Alessio Musante (Ansaldo Energia).
Davide Ghironi (Vecchia Rivarolese 2016) si è portato a 25.
Marco Gagliardi, altro finalizzatore DOC del Bar Europeo, a 23.
A 22 è attestato l’ansaldino Mirko Pieralisi, che trionfò nel 2016-2017 (Francesco Ferrando)