Lavoratore A2, un primo turno nel segno del goal


Come gli scolari il primo giorno di scuola, tecnici giocatori e appassionati hanno vissuto sensazioni contrastanti nel turno inaugurale della serie A2 del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori: un mix di speranze, timori, aspettative, buoni propositi e ansie.

E’ stato un avvio scoppiettante quello della seconda serie del calcio a undici uispino, ricco di gol ed emozioni. Dodici gare, neanche un pareggio e una valanga di reti: ben 52 in dodici incontri (30 nel Girone A e 22 nel B), alla ragguardevole media di 4,3 marcature a partita.

Nel GIRONE A, spicca il 5-1 con cui il Siri ha superato lo Sweet Devils.
Nella super prestazione dei viola, irresistibili in fase offensiva e atleticamente devastanti, ha brillato in modo particolare lo scatenato Adama Kourouma, che ha calato un fantastico tris, facendo impazzire i difensori; hanno completato l’opera le stoccate di Moussa Balla N’Diaye e Paolo Vigogna. I “poveri diavoli” hanno dovuto accontentarsi di un guizzo isolato di Fabio Chinigò.

Partenza lanciata anche per il Real Quezzi, neoretrocesso dalla A1. che ha rifilato un eloquente 4-1 agli esordienti dell’Asd 2S, capaci solo di evitare il “cappotto” con un autogol.
La compagine di Massimo Larosa ha imperversato dall’inizio alla fine, concretizzando la propria chiara superiorità con le conclusioni al bacio di William Pau, Giacinto Giarritano, Luca Larosa e Simone Coscarelli.
Un bel regalo di compleanno per mister Pagano, che sembra aver trovato subito la quadra, rimotivando il gruppo dopo la travagliata stagione 2017-2018.
Perfetta anche la disposizione tattica: un solido 4-4-2 che ha dato equilibrio alla manovra.
Sul piano individuale, note di merito particolari per Stefano Delorenzi, inarrestabile nei suoi dribbling ubriacanti, Luca Larosa, un motorino instancabile e due piedi fatati (che gli sono valsi l l’appellativo di Bruno Conti di via Gualco), William Pau, essenziale come pochi, Stefano Cavallo, padrone assoluto del centrocampo, e Giacinto Giarritano, fisicamente imponente, ma abile pure con la palla a terra (per non parlare della generosità con cui aiuta i compagni in fase difensiva).  

Altrettanto devastante il Deportivo 2007, che ha travolto per 4-0 i neofiti del Boca James, ancora alla ricerca della miglior condizione, che hanno pagato a caro prezzo qualche ingenuità di troppo e forse la scarsa esperienza a certi livelli.
Il team di Massimiliano Patti si è così imposto agevolmente, colpendo a ripetizione con una tripletta dell’onnipresente Mattia Salvi (migliore in campo) e uno spunto di Milo Chiari.

L’Olimpic 1971, che non nasconde le sua ambizioni di primato, ha regolato per 2-0 l’Onires, disputando una gara straordinariamente efficace e  senza sbavature.
I rossoverdi hanno capitalizzato al meglio le conclusioni precise del bravo Alessio Sercia e del bomber Gjergj Kusha (capocannoniere della scorsa stagione), imbavagliando poi con ordine le iniziative avversarie.

Il Foce SAAR Depositi Portuali, tornato all’attività dopo un anno sabbatico, ha dovuto alzare bandiera bianca nel match più spettacolare ed adrenalinico della giornata, cedendo per 3-5 ad un pimpante Zener.
E’ stato un confronto strano ed imprevedibile. I focesi, malgrado le tante assenze, hanno inizialmente dominato la scena, portandosi sul 2-0 con Matteo Basile e Gianluca Basso (da cineteca la sua botta da trenta metri) e sprecando altre ghiotte opportunità.
Ma alla mezz’ora gli ospiti hanno accorciato le distanze con una potente punizione di Ernesto Dragone e nella ripresa le forze fresche entrate dalla panchina hanno fatto la differenza: Alessio Cerbello (la bestia nera degli uomini di Riccardo Grossi - li ha punti sovente anche in passato) ha siglato una sontuosa doppietta e sono andati a segno pure Andrea Zaghi e Andres Xavier Castillo Garcia. Inutile, nel finale, il rigore trasformato da Marco Ottonello, che ha solo addolcito un po’ l’amaro sapore della sconfitta.

Il Ca’ de Rissi San Gottardo, una delle squadre maggiormente attese, ha messo immediatamente le carte in tavola, confermando di essere una bella realtà del campionato.
Il Phoenix 1995, battuto con un secco 4-1, si è consolato con un “timbro” di Gabriele Carpaneto. Ma la qualità del gioco espresso dai biancorossi è stata indubbia e ha trovato la giusta finalizzazione con le stilettate di Andrea Porziano, Danilo Tornatore, Federico Danovaro e Daniele Casula.

Ha riposato l’Atletico Quarto
.

Nel fine settima, di nuovo tutti in campo, per la seconda uscita stagionale, che prevede Siri-Foce SAAR Depositi Portuali (venerdì, Bavari Taviani, ore 21,30), Real Quezzi-Boca James (Baiardo G. Strinati, 21,30), Atletico Quarto-Ca’ de Rissi San Gottardo (venerdì, Quarto Alta, 21,30), Deportivo 2007-Sweet Devils (Bavari Taviani, ore 11), Phoenix 1995-Asd 2S (Cornigliano, 11,30), Zener-Olimpic 1971 (Pontedecimo, 10,30).
Riposa l’Onires.

GIRONE B – Le favorite della vigilia hanno confermato i pronostici, ottenendo successi perentori e squillanti.

Il Campomorone Sant’Olcese, in pole position dopo la retrocessione della scorsa stagione, è scattato come un centometrista dai blocchi di partenza, superando con un netto 4-1 il temibile New Old Boys.
I santolcesini dell’allenatore Carlo Bricola hanno concesso poco o nulla ai rivali (in pratica solo il gol di Michele Longo).
Per il resto hanno fatto quello che hanno voluto, trovando il varco giusto con i micidiali uno-due degli incontenibili Alessio Lungheu e Filippo Coppi.

La Resistente, reduce da un brillante 2017-2018, ha ricominciato con la stessa determinazione e lucidità.
Senza dover spingere a fondo sul’acceleratore, vista la differenza di valori tecnici, ha infatti avuto la meglio per 2-0 su un’Olimpic Zena volonterosa ma poco incisiva. Hanno risolto la questione un paio di spunti di Alessandro Fossati e Musa York.

Nella sfida più attesa ed interessante della prima giornata, la Polisportiva Sant’Eusebio ha superato per 3-1 il CSKA Pizza.
Protagonista assoluto dell’incontro, un Marco Mugavero in versione supereroe, che ha realizzato una tripletta favolosa. Ma la sua superlativa prova non deve far dimenticare la validità della manovra dell’èquipe di Marco Caselli.
Gli uomini di Alessio Battini non hanno comunque sfigurato, malgrado il KO; hanno bucato l’attenta difesa avversaria con Luca Timineri e hanno lottato con encomiabile impegno, ma di fronte ad un Mugavero così c’era davvero ben poco da fare.

Tra le sorprese, segnaliamo il fragoroso tonfo dell’Ottica Gualducci, che a Borzoli è stata annichilita (0-4) da un portentoso AZ Home For Life.
I gialloneri hanno spinto con furia, sciorinando un gioco di squisita fattura, esaltato dalle doti di implacabile fromboliere del guizzante Walter Genna, che ha insaccato una tripletta da stropicciarsi gli occhi; di Kelvin Rodolfo Canale Zambrano la quarta marcatura. Per gli “ottici” è stato una giornata storta, ma avranno l’opportunità di rifarsi, viste le doti dell’organico.

Il Boca Devils Genova ha battezzato la sua prima esibizione in A2 con un’onorevole sconfitta (1-2) contro un eccellente Genova Calcio Linea Messina, più abile e concreto nei momenti topici della partita, quando ha sfondato con le fiondate di Giorgio Mortello e Armando Iazzetta (sempre mortiferi in area di rigore).
I bochensi hanno gioito per una trovata di Gianluca Lipardi, ma la sua segnatura non è stata sufficiente per raccogliere almeno un punticino.

La Vecchia Rivarolese 2016, una delle pretendenti alla promozione, ha centrato un’autorevole affermazione per 3-1 sul campo dell’Amatori Genova, che ha limitato i danni con un acuto di Luca Stradiotti.
Gli “avvoltoi” hanno lasciato impressioni più che positive, esibendo grande sicurezza e un notevole affiatamento.
A cogliere il frutto fatto maturare sapientemente sull’albero, ci hanno pensato Muhamadou Tunkara, Roberto Nasso e Antonio Pecoraro.

Il Nazario Et Celso ha riposato.

La seconda giornata offrirà un incontro al sabato, Vecchia Rivarolese 2016-Polispotiva Sant’Eusebio (Branega, ore 11,34), e cinque il venerdì sera: New Old Boys-Amatori Genova (Cige, ore 21,30), AZ Home For Life-Campomorone Sant’Olcese (S. Eusebio, 21,30), La Resitente-Ottica Gualducci (Multedo, 21,30), Nazario Et Celso-Olimpic Zena (Arenzano Gambino, 21,45), CSKA Pizza-Boca Devils (25 Aprile, 21,30).
Riposerà il Genova Calcio Linea Messina (Francesco Ferrando)