Lavoratore A2, il punto su girone A e girone B


Il nuovo che avanza.
E’ la caratteristica del Girone A del Lavoratore Uisp a 11 giocatori – serie A2, con l’eccezione dello Zener, che la scorsa settimana ha riposato.

In questa fase iniziale le protagoniste più brillanti sono il G. Siri (9 punti, al suo esordio assoluto) e l’Atletico Quarto (6 punti, ma con una gara in meno, giunto al terzo campionato).

I viola sono espressione della scuola calcio intitolata al Cardinale Giuseppe Siri.
Il club di Quarto, zona Priaruggia, con sede in via Des Geneys, ha infilato la terza, autorevole vittoria di fila.
Nell’ultima uscita ha espugnato per 1-0 il campo del quotato Olimpic 1971, capitalizzando con concretezza uno spunto dell’albanese Albin Berisha.
La squadra ha messo in luce un invidiabile equilibrio, sorretta anche da un entusiasmo contagioso. Vanta ben 9 reti all’attivo e una sola al passivo: cifre che testimoniano la superiorità espressa sin’ora.

L’Atletico, altra realtà del calcio quartese, ha regolato per 2-0 l’ASD 2S, dimostrando di avere doti tecniche eccellenti.
Nel 2017-2018 dominò la stagione regolare, trionfando nel suo gruppo, salvo poi perdersi nei play off. Con il nuovo regolamento che premia con la promozione diretta chi si aggiudica il girone, spera di salire in A1.
Contro l’ASD 2S ha dominato la scena con un paio di “sgasate” di Matta Lucagrossi e Riccardo Gioia (“nomen omen”).

In seconda posizione è attualmente attestato il Deportivo 2007, che nel match più atteso di giornata ha avuto la meglio per 1-0 sul neoretrocesso Real Quezzi.
Il team di Massimiliano Patti ha badato al sodo, evidenziando un gruppo coeso e determinato, che ha deciso l’interessante sfida con una stoccata del sudamericano Andres Carlos Macias Andrade. I quezzini, pur lottando con il solito impegno, non sono stati sufficientemente incisivi in avanti e hanno pagato pegno.

Prima affermazione del Foce SAAR Depositi Portuali, giunta al termine della peggiore delle tre partite disputate.
Ma i tre punti sono oro colato, sia per la classifica che per il morale.
I focesi hanno prevalso per 3-1 sullo Sweet Devils.
Gara bruttina e nervosetta, stando alle parole del “factotum” del Foce, Riccardo Grossi, decisa sopratutto dagli episodi.
A Sant’Eusebio, i padroni di casa sono passati subito in vantaggio al 2’ con un rigore di Paolo Giberti, ma al 10’, quando erano momentaneamente in dieci per l’ennesimo infortunio muscolare (vittima questa volta Fossa), sono stati raggiunti da Fabrizio Carlini.
I “diavoli” hanno preso poi il sopravvento, ma sono stati sfortunati, colpendo due pali.
La “dea bendata” stavolta li ha aiutati e loro hanno ringraziato, portandosi sul 2-1 poco dopo la mezz’ora con una botta di Gianluigi Basso.
Nella ripresa, gli ospiti hanno attaccato alla ricerca quanto meno del pari, ma la difesa avversaria ha retto l’urto e all’ultimo minuto del recupero i celesti hanno chiuso i conti con un tocco del subentrato Riva che, su suggerimento del buon Nicosia, ha scavalcato il portiere Menconi in disperata uscita.  

L’incontro più intenso e spettacolare è stato quello tra Boca James, neofita di sicuro avvenire, e i veterani del Phoenix 1995.
E’ stata una gara ad inseguimento (3-3), con continui capovolgimenti di fronte e di stati d’animo, che hanno regalato mille emozioni.
I bochensi hanno sfondato col meraviglioso uno-due di Alaaeddine Asserane e una stilettata di Giorgio Cucubita.
Sul fronte opposto, graffio di  Vittorio Bertorello e sontuosa doppietta di un imprendibile Luca Robba.

Il Ca’ de Rissi San Gottardo, tra i più autorevoli candidati al salto di categoria, ha piegato non senza difficoltà un combattivo Onires per 2-1.
Gli uomini di Luca Bazzurro, dotati di indubbie qualità, hanno sfruttato la vena realizzativa di Giuseppe Esposito e Daniele Casula.
Agli avversari, usciti dal duello con l’onore delle armi, è servita a poco un’invenzione del bravo Giorgio Lenzi.

Nella graduatoria riservata alle punte, nessun ha fatto per ora meglio di Adama Kourouma, del G. Siri, che comanda con 5 reti, due in più della coppia formata da Mattia Salvi (Deportivo 2007) e Alaaeddine Asserane (Boca James).

Nel prossimo fine settimana, andrà in onda la quarta puntata.
Il G. Siri riposerà e l’Atletico Quarto cercherà di affiancarlo in vetta, ma dovrà guardarsi dal Boca James: l’incontro si disputerà venerdì sera, a Quarto Alta, ore 21,30.
Il Deportivo 2007 partirà favorito contro il Phoenix (sabato, Cornigliano, ore 21,30), mentre si preannuncia avvincente lo scontro tra Foce SAAR depositi Portuali e un arrabbiata Olimpic 1971, un po’ al di sotto delle aspettative della vigilia (sabato, S. Eusebio, ore 13,30).
Onires e AD 2S contano di sbloccarsi nella sfida diretta di venerdì sera a Borzoli, alle 21,30.
Il Real Quezzi punta ad un immediato riscatto nel delicato incontro con lo Sweet Devils (venerdì, Cige, 21,30).
Chiude il programma il match clou che opporrà lo Zener al Ca’ de Rissi San Gottardo (sabato, Pontedecimo, ore 10,30).
Riposerà lo Zener.

GIRONE B – Tanto rumore per nulla, si potrebbe dire, citando Shakespeare, per commentare lo 0-0 tra Campomorone Sant’Olcese e La Resistente, le principali candidate alla promozione diretta secondo l’opinione generale.
Ma uno 0-0 non dev’essere per forza noioso o deludente.
Le due formazioni hanno mostrato le loro notevoli capacità, in una partita incerta e tesa allo spasimo.
E’ mancato il brivido del gol, ma si sono potute apprezzare buone giocate e l’attenta disposizione tattica delle contendenti.
Qualche rammarico in più per i santolcesini, che hanno attaccato con buona continuità, pur senza trovare mai il guizzo giusto.
Complice una buona dose di sfiga, testimoniata dalla traversa di Lungheu al 9’ e da un palo su punizione di Beccafurno.
Tra i due episodi. un’altra ghiotta opportunità sprecata da Coppi, che, solo davanti al portiere, ha concluso con un pallonetto troppo alto.
L’infortunio di Tulli ha poi spento un po’ l’ardore dei giocatori di mister Bricola. nella ripresa, è venuta fuori La Resistente, sostenuta, come sempre da un buon numero di tifosi, caldi e appassionati.

Sufficiente per mantenere il primato insieme alla Vecchia Rivarolese 2016, che ha ottenuto identico risultato contro un coriaceo Boca Devils Genova, già  su agio nel nuovo torneo.
Gli “avvoltoi” non hanno trovato il modo e la maniera si perforare la retroguardia gialloblù (la maglia è la stessa del famoso Boca argentino) e hanno pure dovuto guardarsi dagli affondi dei rivali, abili e ben distribuiti sul terreno di gioco.

Balzo in avanti del New Old Boys, che ha approfittato del rallentamento in testa per avvicinarsi, grazie al tranquillo successo per 2-0 ai danni dell’AZ Home For Life.
Ci hanno pensato Fabio Polotti e Leonardo Migliaccio a far pendere la bilancia dalla parte dei “vecchi ragazzi”.
Dignitosa, comunque, la prestazione dei rivali, anche se hanno mancato di lucidità nei momenti topici.

E’ stata una giornata all’insegna del più assoluto equilibrio, con ben quattro pareggi su sei gare e pochi gol: 11 in totale.
Oltre al New Old Boys, l’unica altra squadra ad incamerare l’intera posta è stata l’Amatori Genova, al suo primo hurrah stagionale.
Il team di Luca D’Arrigo ha dato la paga (2-1) ad una Polisportiva Sant’Eusebio poco ispirata, che ha esultato solo per una trovata di Luca Caselli.
I bianco-amaranto hanno così potuto mettere la freccia con le bordate di Stefano Castronovo e Ayoub Zouhir.

Occasione pesa per guadagnare terreno da parte dell’Ottica Gualducci, bloccata sul’1-1 da un valido Nazario Et Celso.
Gli ottiici hanno centrato il bersaglio con Abdoulaye Doumbia, mentre gli arenzanesi hanno colto l’attimo con James Sala. Equa, alla fine, la divisione della posta.

Anche il Genova Calcio Linea Messina non ha saltato l’ostacolo Olimpic Zena.
I praesi, a segno con l’apprezzabile uno-due di un formidabile  Omar Chentoufi, sono stai infilzati dalla straordinaria doppietta di un altrettanto prodigioso Armando Iazzetta, il loro principale “fromboliere”.

Ha riposato il CSKA Pizza.  


Con il suo exploit, l’appena citato Iazzetta ha raggiunta a quota 3 nella classifica marcatori Muhamadou Tunkara, Roberto Nasso (entrambi della Vecchia Rivarolese 2016), Walter Genna (AZ Home For Life) e Marco Mugavero (Polisportiva Sant’Eusebio).

Nel fine settimana, altra tornata di gare, in calendario il venerdì sera (21,30), tranne Amatori Genova-AZ Home For Life, fissata per sabato, a Bavari Taviani, ore 11.
La più affascinante sarà La Resistente-New Old Boys (Multedo), ma promette scintille anche lo scontro tra Genova Calcio Linea Messina e Ottica Gualducci (Cornigliano).
La Polisportiva Sant’Eusebio se la vedrà con il Boca Devils Genova (S. Eusebio) e il Campomorone Sant’Olcese si testerà nella tana del Nazario Et Celso (Arenzano Gambino).
Il CSKA Pizza riceverà la visita dell’Olimpic Zena (“25 Aprile”).
Riposerà la Vecchia Rivarolese 2016 (Francesco Ferrando)