Lavoratore A2, il quarto turno di campionato


E’ presto per dirlo, visto che il viaggio è appena iniziato e il cammino sarà ancora molto lungo (si concluderà solo l’11 maggio 2019).
Ma dopo le prime tappe, si ha l’impressione che la lotta per il primato nel GIRONE B della serie A2 del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori, che regalerà la promozione diretta in A1, riguardi soprattutto tre squadre: Campomorone Sant’Olcese (10 punti), la Resistente (8) e Vecchia Rivarolese 2016 (7, ma con una gara in meno).

Nel 4° turno, con la formazione di Rivarolo che riposava, le altre due pretendenti hanno ottenuto vittorie significative, dimostrando di avere qualcosa in più: quel “quid” che consente di superare i momenti difficili e affrontare eventuali imprevisti.

I santolcesini hanno espugnato per 3-1 il campo di un Nazario Et Celso tenace e pugnace (passateci il termine desueto).
Gli arenzanesi hanno anche saputo trovare il varco giusto con Marco Ferrari, ma la superiore qualità tecnica dei biancoverdi ha fatto la differenza, evidenziata dalle marcature di Marco Congedo, Victor Ossai Olodu e Filippo Coppi.
Questa la cronaca, tratta dal sito del Campomorone Sant’Olcese, curato con amore dalla moglie dell’allenatore Carlo Bricola. Dopo un paio di gol annullati per fuorigioco, gli ospiti hanno messo il turbo con una fiondata di destro di Capitan Congedo (davvero straripante in queste prime uscite).
Ma i santolcesini si sono appisolati un po’ troppo presto, giudicando la pratica già chiusa, e alla mezz’ora’ il Nazario Et Celso ha siglato l’1-1 con Ferrari, pronto a sfruttare un’indecisione di Sackey e Saltarelli.
Nel secondo tempo, il club dell’Alta Valpolcevera ha pigiato sull’acceleratore, inserendo nel motore Antonucci e Olodu. Cambi azzeccati quelli del mister. Olodu, che ha esibito una carica agonistica formidabile, ha recuperato palla e bucato la retroguardia con un ricamo da campione. Antonucci ha dato vivacità alla manovra. A calare il tris ci ha quindi pensato Coppi, imbeccato alla perfezione da Venuto.     

La Resistente ha piegato per 2-1 un New Old Boys quanto mai competitivo. Fondamentale l’appoggio della “Curva Est”, cuore pulsante dell’appassionato tifo rossonero (che ha colmato l’impianto di Multedo). Sul terreno di gioco, gli uomini di Alessandro Fossati hanno dato fondo a tutte le loro energie, fisiche e mentali, cogliendo il frutto dello sforzo profuso con le bordate di Alberto Corradi e Luca Crovetto (già protagonista con la Cattolica Bogliasco).
I “vecchi ragazzi” non sono stati certo a guardare e hanno lottato sino alla fine, ma la botta del bravo Michele Longo non è bastate per evitare il KO.

Alle spalle delle favorite, premono intanto Amatori Genova e Polisportiva Sant’Eusebio, un po’ incostanti ma comunque in grado di coltivare qualche sogno (se non altro la qualificazione ai play off).

Gli amaranto di Luca D’Arrigo sembrano in netta crescita.
Contro l’AZ Home For Life hanno centrato il secondo successo stagionale, imponendosi per 3-2 dopo una sfida intensa ed elettrizzante. Alessandro Caputo ha recitato la parte del leone con una meravigliosa doppietta e Stefano Castronovo, sempre puntuale sotto porta, ha completato l’opera.
Sul fronte opposto, sono andati a segno Walter Genna (altro “habitué” delle aree di rigore) e Luca Ferrera.

I “santi” hanno avuto la meglio di misura (2-1) sui neofiti del Boca Devils Genova.
Qui il “man of the match” è stato Marco Mugavero, che ha “timbrato” un micidiale uno-due: le fortune future del team di Bavari passeranno sicuramente dai piedi di questo attaccante di razza, che già aveva posto il suo sigillo nel successo del turno inaugurale.
I “diavoli” non hanno molto da rimproverarsi (forse solo qualche disattenzione in qualche chiusura difensiva); hanno lottato con determinazione, anche se alla fine non hanno raccolto nulla, a parte il gol di Pasquale Cirillo.

Continua la crisi del CSKA Pizza, l’unico ancora fermo al palo.
Contro l’Olimpic Zena è arrivata la terza delusione di fila (3-4), al termine di un incontro pazzerello e mutevole come il cielo di marzo.
I “pizzaioli” hanno insaccato con Simone Ferretti, Giovanni Rotella e Fabriano Zanda, ma hanno sbandato ripetutamente dietro e sono stati infilzati da Omar Chentoufi (doppietta d’autore), Gian Paolo Gambino e Davide Terrile.  

Il Genova Calcio Linea Messina ha impattato 1-1 (unico pari dello scorso fine settimana) con una solida Ottica Gualducci.
In un match equilibrato e combattuto, l’équipe di Andrea Ghiazza ha colto l’attimo con Andrea Ricci; gli “ottici” hanno sfondato a loro volta con Kalifa Jaiteh.   

Nella graduatoria riservata alle punte, Marco Mugavero (Polisportiva Sant’Eusebio) è balzato al comando con 5 reti, una in più di Walter Genna (Boca Devils Genova) e Omar Chentoufi (Olimpic Zena).
Seguono a quota 3 Armando Iazzetta (Genova Calcio Linea Messina), Muhamadou Tunkara, Roberto Nasso (entrambi della Vecchia Rivarolse 2016) e Filippo Coppi (Campomorone Sant’Olcese).

Nella 5° giornata, in programma nel fine settimana, duello interessante che opporrà la capolista Campomorone Sant’Olcese al Genova Calcio Linea Messina (sabato, Serra Riccò, ore 13,30).
La Vecchia Rivarolese 2016 farà visita all’Olimpic Zena (sabato, Branega, 13,30) e La Resistente si recherà nella tana dell’AZ Home For Life (venerdì, S. Eusebio, ore 21,30).
Il CSKA Pizza cercherà di sbloccarsi contro l’Ottica Gualducci (sabato, Borzoli, ore 11,30), mentre il New Old Boys conta di incamerare l’intera posta con il Nazario Et Celso (venerdì, Cige, 21,30).
Il Boca Devils Genova se la vedrà con l’Amatori Genova (venerdì, 21,30),
Riposerà la Polisportiva Sant’Eusebio.

GIRONE ATre squadre sono ancora a punteggio pieno (Atletico Quarto, G. Siri e Zener), ma in testa, con una partita in più, è salito momentaneamente il Deportivo 2007, in virtù della sofferta affermazione per 2-1 contro il Phoenix 1995.
Ad imprime una svolta all’aspra contesa è stata la sontuosa doppietta dell’incontenibile Mattia Salvi. I giocatori di Carlo Melani, che si sino ben battuti, hanno replicato parzialmente con Simome Pareschi.

L’Atletico Quarto, indicato come il principale candidato al salto di categoria, ha steso per 3-1 il Boca James, sfruttando le superiori doti tecniche e la vena realizzativa dello scatenato Mattia Lucagrossi (che ha concesso il bis); di Simone Montefiore l’altro “graffio” dei quartesi.
I bochensi, matricola tutt’altro che sprovveduta,sono usciti a testa alta dalla sfida. Da cineteca, poi, la marcatura in rovesciata di Alaaeddine Asserane, giocatore di gran classe. Tra i migliori, come spesso accade, Andrea Bistazzoni, lodato su Facebook per il suo insuperato senso del piazzamento anche da uno sportivo Enzo Borella, “anima” del Boca James.

Il G. Siri ha riposato, mentre lo Zener ha ribadito di essere in gran forma, superando per 1-0 il temibile Ca’ de Rissi San Gottardo.
La partita è stata emozionante ed incerta.
Gli “ingegneri” hanno capitalizzato uno spunto di Luca Bordiglione, riuscendo a contenere le folate offensive, non certo banali, dei validi biancorossi, fermati anche da alcune parate prodigiose. Insomma, la divisione della posta sarebbe stata più equa, ma in questo periodo sembra girare tutti per il verso giusto in casa Zener.  

Sweet Devils e Real Quezzi hanno chiuso sullo 0-0 una gara incerta.
E’ stato un braccio di ferro in cui nessuna delle due ha prevalso, complice l’attenta disposizione tattica degli allenatori e una certa imprecisione in fase conclusiva. Comunque, entrambe le compagini potranno recitare un ruolo da protagoniste nel campionato: l’obiettivo play off non sembra un’utopia.   
Nel “derby” delle esordienti, l’ASD 2S, alla prima affermazione stagionale, ha travolto per 4-1 l’Onires, che resta da solo all’ultimo posto con zero punti. Esibizione da urlo per un Francesco Patti in versione supereroe: la sua tripletta ha dato il là alla goleada, che è stata suggellata da una guizzo di Andrea Massera.
La prodezza di Ivan Sorbera è valsa solo per le statistiche e per evitare il “cappotto”.

Né vinti né vincitori nella sfida tra Foce SAAR Depositi Portuali e Olimpic 1971, società storiche della “cadetteria” uispina. I focesi hanno sbloccato la situazione con Paolo Giberti, ma sono stati raggiunti poco dopo da Alessandro Valeri, che ha ribadito in rete un tiro respinto dalla traversa.
Nella ripresa, la squadra di Riccardo Grossi ha preso inizialmente il sopravvento, portandosi nuovamente avanti con un rigore trasformato col brivido da Gianluigi Basso (il portiere Colombo era quasi riuscito a respingere).

Nella classifica cannonieri, Mattia Salvi (Deportivo 2007) ha raggiunto a quota 5 Adama Kourouma, finalizzatore più prolifico dell’Olimpic 1971.
Con 4 centri viaggiano Alaaeddine Asserane (Boca James) e Luca Doragrossi (implacabile bomber dell’Atletico Quarto).

Nella tornata numero cinque, in calendario nel fine settimana, grande attesa per lo scontro al vertice tra Deportivo 2007 e Atletico Quarto (sabato, Bavari Taviani, ore 11).
Ma sarà sicuramente avvincente anche l’“incrocio di spade” tra Ca’ de Rissi San Gottardo e G. Siri (venerdì, Cornigliano, ore 21,30).
Lo Zener affronterà l’ASD 2S (venerdì, “25 Aprile”, 21,30).
Completano il quadro Boca James-Onires (venerdì, Bavari Taviani, 21,30), Olimpic 1971-Sweet Devils (venerdì, Multedo, 21,30) e Real Quezzi-Phoenix 1995 (venerdì, Baiardo G. Strinati, 21,30) (Francesco Ferrando)