Amatori a 8, la prima giornata di campionato


Dopo tanta attesa, è iniziato anche il Campionato Uisp Amatori a 8 giocatori, giunto alla decima edizione.
Partita in fase sperimentale nel 2008-2009 (quando trionfò il Movimento Rangersport), la competizione è via via cresciuta, suscitando sempre maggior interesse.

Al via si sono presentate venti squadre, suddivise in due gruppi da dieci.
Le prime di ciascun girone si qualificheranno per i play off, che prevedono una finale unica, mentre le altre disputeranno i play out di consolazione.

Anche quest’anno la favorita d’obbligo è sicuramente il Genova Calcio Anni 50, che si è aggiudicato gli ultimi tre Titoli. Gli “Invincibili” dominano, non perdendo praticamente mai.
Le possibili outsider che tenteranno di’interromper questa egemonia saranno Resto Del Mondo, Circolo Uguaglianza, KF Service Genova Galaxy.
E magari i “neofiti” dell’ASLA Genova, che, forti della positiva esperienza nel calcio a undici, vogliono dire la loro anche nel “calciotto”.
All’esordio nella manifestazione pure River Pegli e Partizan Degrado.
Tutti gli incontri si giocheranno nel rinnovato impianto di Villa Gavotti.

GIRONE A – Il Resto Del Mondo ha subito fatto la “faccia feroce” travolgendo con un significativo 9-3 il malcapitato CSI Ansaldo Energia Fincantieri Sestri.
I gialloblù, che nella passata stagione persero solo ai rigori la semifinale con il Genova Calcio Anni 50, hanno spadroneggiato dall’alto di una classe superiore, colpendo a ripetizione con Denny Costanzo (già bandiera de Genova Galaxy) e Daniele Giugno (una formidabile tripletta  a testa), Francesco D’Amico, Roberto Catanese e Micky Paez Escobar. I sestresi hanno limitato un po’ i danni con Valerio Girolamo Tirella (il loro elemento di spicco), Simone Rosaspini e Francesco Prestanizzi.

Partenza lanciata pure per il KF Service Genova Galaxy, che ha steso con un perentorio 7-2 il River Pegli.
I peglini hanno addolcito l’amaro sapore della sconfitta con gli spunti di Stefano Carta e Andrea Donati, ma nulla hanno potuto di fronte alla vena realizzativa di Andrea Romani (che ha calato un fantastico tris), Alessandro Pelle, Fabio Chinigò e Jacopo Profumo; un’autorete ha completato lo score.

Mezzo passo falso, invece, per l’ambiziosa Ivaldi & Generale FC (punta come minimo ai play off), che è stata fermata sul 3-3 da un’indomita Dinamo.
Gli “elettrici” hanno sorpreso i più quotati rivali con le stoccate del bravo Alessio Idili (che ha concesso il bis) e un acuto singolo di Kevin Tassi.
Il team delle officine meccaniche di Calata Boccardo Gerolamo ha rimediato ad alcune pecche difensive con le conclusioni letali di Domenico Lazzo ed Emanuele Noto (doppietta d’autore).

E’ terminata in parità (4-4) anche la spettacolare ed adrenalica sfida tra I Lucani e RC Tech.
I ragazzi della Basilicata hanno colpito con l’uno-due dello scatenato Michael Celano e i guizzi di Marco Opisso e Andrea Chiappori, mentre sul fronte opposto hanno insaccato Nicola Manzo, Manuel Ronchetto e l’imprendibile Lorenzo Mazzarini, che ha “timbrato” in un paio di circostanze.

Infine, il GS Gaiazza ha esordito con una bella vittoria (3-1) a spese dell’ASLA Genova Artco.
Alessio Mastrangelo, in un match avvincente, ha dato il là all’affermazione della compagine di Ceranesi con una doppietta da leccarsi i baffi, arricchita da uno spunto di Simone Aceto.
I ragazzi cari ad Alessandro Scarcella hanno replicato in parte con una botta di Vasilica Nicolau.

GIRONE B – Pronti, via e subito si è assistito ad un confronto al cardiopalmo, in cui i campioni del Genova Calcio Anni 50 hanno avuto la meglio di un soffio su un validissimo Figgeu’98 (5-4).
Grande prova dei peglini, che avrebbero meritato di uscire imbattuti dal confronto, esibendo manovre ficcanti e un Radouan Idrissi El Asfari in formato “supereroe” (straordinario il suo uno-due); le restanti marcature portano la firma di Matteo Mazzoni e Andrea Lai, “guru” degli arancioni.
Ma, alla lunga, gli uomini di Sergio Lagomarsino, hanno finito col prevalere, more solito, sfruttando l’ abilità sotto porta di Simone Spinelli (immediata doppietta, tanto per cominciare, per il superbomber del 2017-2018,), Luca Traggia (pure lui a segno due volte) e una stoccata di Carlo Rovatti.

Un’ispirata Asd Gymnotecnica ha annichilito con un pesante (e troppo severo) 5-0 il Movimento Rangersport, poco lucido al momento di chiudere le sue azioni.
Così gli avversari hanno finito col dilagare, andando a segno con Simone Romeo, Alessandro Campus e una sontuosa tripletta dell’onnipresente Giorgio Piromalli (uno spettacolo per gli occhi la sua abilità sotto porta).

Il Circolo Uguaglianza, finalista nel 2017-2018, ha battuto con più fatica del previsto (3-1) un coraggioso e combattivo Teplice, che ha avuto l’unico torto di concretizzare le sue manovre soltanto con una  fiondata di Riccardo Bombara.
I corniglianesi, non ancora al massimo della condizione (com’è logico, visto che siamo alla prima giornata), hanno prevalso con cinica spietatezza, capitalizzando le stilettate dell’eccellente albanese Nexhip Haxhija (mortifero uno-due) e Nicholas Patrone Genovesi.

Pari e patta (emozionante 3-3) nel duello tra Real Ponente e Arci Isoverde 1991.
Nel confronto ha regnato il massimo equilibrio e la divisione della posta ha sancito in maniera equa quanto si è visto in campo.
I “realisti” hanno trovato lo spiraglio giusto con Massimo Fassone, Nicola Speziari e Luis Miguel Bovero Caserza, mentre gli isoverdini hanno bucato la difesa con una raffinata doppietta di Bleda Leni e una trovata di Alessandro Tassistro.
Rinviata a data da destinarsi Dream Team-Partizan Degrado (Francesco Ferrando)