Lavoratore A2, sono sette le giornate di campionato


Sei vittorie su sei. 24 gol fatti (miglior attacco, con una media di 4 gol a partita) e appena 3 subiti (media 0,42).
Quattro punti di vantaggio sulle più immediate inseguitrici.
Questi dati evidenziano in maniera chiara la superiorità espressa nel Girone B della serie A2 del Campionato Uisp del Lavoratore a 11 giocatori dal G. Siri, al suo esordio assoluto nella competizione.

Nel 7° turno, i “cardinalizi” hanno superato il Boca James con un fragoroso 8-1.
I viola hanno tempestato di tiri la retroguardia avversaria, bucandola ripetutamente con una spaventosa tripletta dell’incontenibile Adama Kourouma, l’uno-due di Tomaso Chiarella e i graffi di Albin Berisha e Renaldo Leka.
Per i malcapitati bochensi, solo un guizzo estemporaneo di Alaaeddine Asserane.

La settima giornata proponeva poi come match clou la sfida tra Deportivo 2007 e Zener (anch’esse ancora imbattute come il G. Siri).
La partita è stata bellissima, forse la migliore vista sin’ora.
Alla fine ne è scaturito un giusto pareggio per 2-2, che mantiene entrambe le formazioni al secondo posto, in piena zona play off. Il team di Massimiliano Patti ha colto l’attimo con Milo Chiari e Carlos Andres Macias Andrade, mentre gli “ingegneri di Marco Pizzorno hanno sfondato le linee con Stefano Strizoli e Adelphe Clepin Yousseu Njiotang (alla sua prima rete in campionato).  

Per effetto di questo risultato, Depor e Zener sono state raggiunte a quota 14 dal Real Quezzi.
I quezzini, ringalluzziti dalla vittoriosa impresa nella tana dell’Atletico Quarto della settimana precedente (ottenuta tra l’altro con una formazione rabberciata), hanno steso agevolmente (3-0) l’Onires, unica squadra ancora fermo al palo.
Al“Baiardo G. Strinati” gli uomini di mister Pagano hanno mandato a segno Stefano Cavallo (magnifica la sua doppietta) e Luca Giarratana, lasciando poco o nulla ai rivali.

L’Atletico Quarto (con due incontri in meno), non è andato oltre il 2-2 contro un orgoglioso e redivivo Phoenix 1995.
Ai quartesi non sono bastate le prodezze dello scatenato Mattia Lucagrossi, visto che la compagine di Carlo Melani non ha mai mollato, riuscendo a cogliere l’attimo fuggente con Gavino Tortu e Vittorio.  

Nell’altro scontro l’Olimpic 1971 ha superato di misura (2-1) il Ca’ de Rissi San Gottardo. Sarà un caso, ma il ritorno ad un successo importante dei praesi è coinciso con il risveglio del suo bomber principe, Gjergji Kusha: quando segna lui, i rossoverdi ottengono quasi sempre un risultato positivo.
Il suo exploit ha vanificato la prova grintosa del team di Molassana e la conclusione precisa del solito Daniele Casula, soprannominato “Oba” (giunto al quinto centro stagionale).  

Il Foce SAAR Depositi Portuali, bersagliato da tanti, troppi infortuni, si è “vendicato”, rifilando un “tennistico” 6-1 all’ASD 2S.
Il confronto, è rimasto in bilico sino all’illusorio 1-2 siglato per gli ospiti da Francesco Patti. I focesi hanno poi straripato con i tris da urlo di Riccardo De Camilli e Paolo Giberti.

Ha riposato lo Sweet Devils.  

Nella graduatoria dedicata alle punte, fugge via Adama Kourouma (G. Siri), che balza a quota 10. Con 7 reti viaggia Alaaeddine Asserane (Boca James), seguito a 6 da Paolo Giberti (Foce SAAR Depositi Portuali), Luca Bordiglione (Zener) e Mattia Lucagrossi (Atletico Quarto).

GIRONE B – Continua a dettar legge il Campomorone Sant’Olcese.
Anche l’ambiziosa Vecchia Rivarolese 2016 si è inchinata dinanzi allo strapotere dei giocatori di mister Carlo Bricola, che hanno trionfato con un perentorio 3-0.
Gli “avvoltoi”, con coraggio, ci hanno provato, ma inutilmente, finendo per essere infilzati da Filippo Coppi, Alessandro Lungheu e Gaetano Petralito.  

In chiave play-off turno positivo per AZ Home For Life (secondo con 12 punti, a meno sette dalla capolista), La Resistente (terza a 11) e Boca Devils Genova (quarto a 10).

Gli “immobiliaristi” sono ormai molto più di una semplice rivelazione.
Contro un temibile (e temuto) Genova Calcio Linea Messina, è arrivata un’altra prestazione convincente, certificata dal 3-1 finale.
L’attacco dei gialloneri, affiatato e ben assortito per caratteristiche tecniche e fisiche, funziona a meraviglia e se n’è avuta conferma venerdì scorso, quando hanno colpito con perfetto tempismo Walter Genna (il torinese è uno che vede decisamente la porta), Daniele Casu e Kevin Rodolfo Canales Zambrano.
I sestresi hanno potuto opporre soltanto una stilettata del puntuale Armando Iazzetta, il loro ariete più pericoloso.

La Resistente, che sin’ora è stata l’unica a rallentare il passo del Campomorone Sant’Olcese, strappando un pari, è tornata a fare la voce grossa dopo un periodo di impasse: ha ”frantumato” con uno squillante 4-0 il Nazario Et Celso.
Spinta dal tifo caloroso della curva Est (che non fa mai mancare il suo appoggio), l’“armata rossa” (riferimento non casuale alla fede politica del club) ha mitragliato gli arenzanesi, “sforacchiandoli” con l’uno-due di un portentoso Luca Crovetto e le “sventagliate” precise di Igor Calducci e Alessandro Fossati.

Anche il Boca Devils Genova ha “maramaldeggiato” contro un’inerme Olimpic Zena, esaltandosi con un rotondo 5-0.
Tra i “diavoli”, il più indiavolato (il giochino di parole è voluto) è Pasquale Cirillo, che ha calato un favoloso poker; ha completato la “manita” una botta di Marco Lucà.

Ha invece segnato il passo il New Old Boys, finito al tappeto (1-2) contro un risorto CSKA Pizza, alla seconda affermazione del campionato.
I “pizzaioli” di Alessio Battini hanno trovato la forza per reagire alle difficoltà, riscattandosi alla grande con le fiondate di Tiziano Cargnel e Fabrizio Zanda.
I “vecchi ragazzi” hanno replicato in parte col solito Michele Longo, ma non hanno raccolto nulla, se non la consapevolezza di essersi battuti con impegno dal primo all’ultimo secondo.

L’incostante Polisportiva Sant’Eusebio è franata (1-2) di fronte ad una volitiva e frizzante Ottica Gualducci, che ha capitalizzato le frecciate di Oualid Yaccoubi e Anderson Marques De Rosa..  

Ha riposato l’Amatori Genova.

Nella classifica cannonieri, brilla Walter Genna (AZ Home For Life) con 9 gol, uno in più del bravo Filippo Coppi (Campomorone Sant’Olcese). A 7 troviamo poi Pasquale Cirillo (Boca Devils Genova) e a 6 Marco Mugavero (Polisportiva Sant’Eusebio) (Francesco Ferrando)