Tutto pronto per la 3a edizione di Coppa Uisp


Con l’andata del primo turno, scatta questa settimana la terza edizione della Coppa Lavoratore UISP, la competizione che mette in palio un gradito e presigioso trofeo in più nel calcio a undici e, al contempo, ha tutto il fascino delle parite da dentro o fuori: quelle che innalzano il pathos e aumentanto l’adrenalina.

Dodici le squadre al via (sette di A1 e cinque di A2). Al secondo turno accedono le vincenti degli delle gare del primo turno (andata e ritorno), più le due migliori perdenti, stabilite in base ai punti conquistati o, eventualmente, alla differenza reti.

In assenza delle big (in primis la Fia Italbrokers, ma anche Genova Calcio Anni 50, Golfo Paradiso PRCA, FC Quinto), in ventaglio del pronostico è quanto mai aperto: il che favorisce l’interesse degli appassionati, soprattutto in un’annata in cui i verdetti pià importanti, titolo di A1 e le due promozioni dirette dalla A2, sembrano emessi in anticipo, già al termine dei rispettivi gironi d’andata.

Sul piano squisitamente tecnico, il match clou del primo turno sarà Cattolica Bogliasco-Ansaldo Energia (30 gennaio, Bogliasco 3Campanili, ore 21,30). I bogliaschini di Giovanni Consigliere, che nel 2017-2018 vinsero a sopresa il Lavoratore  A1 (per la prima volta nella loro storia), non sono riusciti a confermarsi su quei livellli di eccellenza. Ma potranno contare sulla loro verve e sull’inventiva di qualche giocatore di classe. Gli ansaldini di Orazio Bisaccia, invece, si affidano ad una fase difensiva solidissima e su un gruppo affiatato, che non molla mai un centimetro, rendendo sempre la vita difficile a chiunque.

Decisamente stuzzicante il derby tra Boca James e Boca Devils Genova (30 gennaio, Bavari Taviani, ore 21,30), che sono in lizza per i play off i A2 (i “diavoli” sono secondi nel Girone B, mentre gli uomini di Enzo Borrella occupano la sesta piazza nel Girone A, ad un solo punto dall’Atletico Quarto). Come ogni duello in famiglia, è impossibile indicare un chiaro favorito. Ma, di sicuro, l’atmosfera della serata di coppa sarà magica e non mancherà il divertimento.

Il Mignanego Bunker, che non è mai andato così bene (dopo tredici gare è quinto nel Lavoratore A1), se la vedrà con l’Olimpic Zena (29 gennaio, Serra Riccò, ore 21,30) e, sulla carta, non dovrebbe avere problemi, vista la differente caratura delle due formazioni. I praesi non regaleranno nulla, come loro costume, ma appaiono inferiori ai  plolceveraschi, davvvero in stato di grazia.

La Gente Della Notte sta attraversando un periodo grigio (diciamo pure grigio scuro, antracite) e punta molto su questa coppa per dare un senso ad una stagione meno ricca di soddisfazioni di qunato preventivato alla vigilia. Sulla sua strada si troverà un avversario da prendere con le pinze, il New Old Boys (30 gennaio, S. Eusebio, ore 21,30), che è capace di tutto se si sveglia di luna buona, come sanno bene le sue rivali in A2.

Il Campomorone S. Olcese, sull’onda lunga dei trionfi nel Girone B di A2 (dove guida con ben 9 punti di margine sulle più immediate inseguitrici), conta di togliersi delle belle soddisfazioni pure nella manifestazione ad eliminazione diretta. L’entusiasmo è alle stelle e il desiderio di andare il più lontano possibile sembra realizzabile.
I santolcesini giocheranno (30 gennaio, Via Maritano “A”, ore 21,30) contro una formazione, l’A.F. Calcio, in uno stato d’animo diametralmente opposto: è terz’ultima in A1 (al momento sarebbe retrocessa) e stenta a rimettersi in carreggiata. Ma l’incontro con la lanciatissima banda di Carlo Bricola potrebbe essere un’occasione di riscatto. Non dimentichiamo poi che nella scorsa stagione furono proprio i pupilli del presidente Maurizio Bacigalupo ad aggiudicarsi la Coppa Lavoratore UISP: vorrà pur dire qualcosa, anche se le condizioni sono cambiate.
 
Infine, il Saint Trappa affronterà l’ASLA Genova (29 gennaio, Cornigliano, ore 21,30). Il teem di Alessandro Scarcella ha qualcosa in più, grazie alla maggior cifra tecnica complessiva del suo organico. I “trappisti” non sarano comunque una vittima predestinata: hanno anche loro delle valide carte in mano e sono abituati a lottare come leoni, senza mai lasciarsi addomesticare. Insomma, si preannuncia una bella battaglia sportiva.
(Francesco Ferrando)