Femminile: il Vallescrivia "ferma" il Campomorone S.Olcese


Umiltà, concentrazione, intelligenza tattica. Con queste armi il Vallescrivia, che si avvicina sempre più alla salvezza, ha sconfitto in maniera inattesa e clamorosa (6-4) il Campomorone S. Olcese, infliggendo alla capolista il primo K.O. stagionale.
E’ stata una gara intensa, emozionante, tesa come una corda di violino. Le “tigrotte” partono a mille e vanno subito in vantaggio con un destro mortifero di Elisa Titti, su assist di Tanya Porcu. Ma le santolcesine reagisono subito e ribaltano la situaizione con un micidiale uno-due firmato da Micol Profumo.
In avvio di ripresa, le padrone di casa, in soggezione di fronte alla pressione avversaria, subiscono l’1-3 ad opera di Sonia Carmarino. L’incontro sembra finito. Ma, a questo punto, scatta qualcosa nellla testa delle arancionere, che si gettano in avanti con veemenza, trovando in un’incontenibile Elisa Cereseto una finalizzatrice implacabile. Ad accorciare le distanze è però il bomber Francesca Pappalardo, ben servita da Giulia Moscamora. Poi, su rinvio diretto del portiere, la Cereseto brucia tutti e rimette il risultato in equilibrio.
Sull’onda dell’entusiamo, poco dopo, ancora la scatenata “Cere” mette la freccia con il gol del 4-3. L’altalena continua. Il Campomorone S. Olcese, che non crede ai propri occhi, dà fondo a tutte le sue energie e sigla il 4-4 con un tap-in di Jessica Nasso. Il punto potrebbe soddisfare entrambe, visto l’andamento del match. Ma il Vallescrvia, al terzo successo consecutivo, non si accontenta e nel finale compie l’accelerazione decisiva. Elisa Cereseto, ispiratissima, colpisce due volte in pochi istanti, concretizzando un paio di azioni fotocopia. Nel finale, un intervento prodigioso di Alessia “Cicci” Traverso stoppa l’estremo tentativo di rimonta delle rivali.

Lo scivolone delle santolcesine consente alla Rivarolese 1919 di avvicinarsi a meno uno dalla vetta e, con un incontro in meno, può legittimamente sperare di laurearsi Campione d’Inverno. Le “avvoltoie”, nella sfida più attesa del 9° turno della A1 Femminile, stendono per 5-2 il temibile Boglia United, terza forza del campionato. Anche qui non sono mancati i palpiti e le belle giocate. Le giallorossonere sono state più lucide in fase conclusiva e questo ha fatto la differenza. A dare il là all’importante affermazione sono state le prodezze di Serena Coppolino, Katia Germani (che ha concesso il bis), Alice Coppola e Lucia Belloni. Le pur valide bogliaschine hanno replicato in parte con i guizzi di Maria Laura Beltrandi e Alessia Calcagno.

Il Moto G.P. ha avuto la meglio per 5-3 su un combattivo Ma Che Gotti, che ha sfondato con Francesca Rapetti e Daniela Zucconelli Ma le “motocicliste” hanno alla fine prevalso, sia pure a fatica, grazie al superlativo tris di una “rapace” Chiara Zampacorta e alla magnifica doppietta della non meno micidiale Elisa Guainazzo, una che entra spesso nel tabellino dei marcatori.

Rinviate al 13 febbraio Jalapeno-ABM Real Levante (Corderia, ore 22) e Olimpic 1971-CFFSD Cogoleto (Pra’ Olimpic, ore 20).

A2 FEMMINILE – “Game over” per il pirmo posto. Nella scontro al vertice il Patanegra, ancora a punteggio pieno e con un piede in A1, ha battuto per 4-2 la Polisportiva CAP&S, seconda, ma adesso staccata di ben sette lunghezze. La capolista ha dimostrato la sua superiorità tecnica, centrando il bersaglio con una portentosa tripletta di Giorgia Calcagno e un acuto di Marta Longo. Le “portuali”, che non hanno comunque demeritato, sono riuscite a far male con Micol Favoni e un autorete, ma il loro encomiabile impegno non è bastato.

Nell’unica altra partita giocata, l’US Valponte 1986 ha “dato la paga” (3-1) allo Zena FC, che in ogni caso ha dato del filo dal torcere alle valpontine, insaccando in una circostanza con Valentina Venturini. Le gialloblù hanno però sfruttato meglio le occasiono costruite, andando a segno con Mara Manzolillo, Letizia Minetto e Marta Dell’Antico.

Le restanti gare andranno in scena il 6 febbraio: Valgraveglia Gruppo Alloro-CSI Ansaldo Energia Pontedecimo (Cogorno, ore 21), Panta Meshuggah-Deportivo Nervi (Corderia, ore 20,30) e Rayo Vallecano-Atletico Levante (Via Terpi, ore 21).
Ha riposato l’Arenzano.
(Francesco Ferrando)