Lavoratore A2: primo KO del Siri


Lunedì, maledetto lunedì. Il posticipo del 13° turno del Girone A del Lavoratore A2, giocato appunto il lunedì sera al “Bavari Taviani”, è costata l’imbattibilità al G. Siri. A compiere l’impresa che pareva impossibile (ma nel calcio nulla è impossibile) è stato lo Sweet Devils, che si è imposto a sorpresa per 2-1, disputando la miglior partita della stagione.
I “dolci diavoli” hanno teso una trappola all’invincibile armata che sin’ora aveva dominato il torneo. Con coraggio, determinazione e intelligenza ha chiuso i varchi e ingolfato le linee di passaggio, poi è ripartita con pericolosità, colpendo al momento giusto con Fabrizio Carboni e Andrea Firenze. La capolista non ha trovato, per una volta, le necessarie contromisure, riuscendo a fare breccia soltanto con un tocco di Tomaso Chiarella.

L’inatteso K.O. dei “cardinalizi” ha favorito il riavvicinamento del Real Quezzi (ora secondo a meno cinque), riaprendo improvvisamente i giochi (coi tre punti a vittoria la rimonta è fattibile, per quanto difficile). I quezzini hanno sconfitto agevolmente per 4-0 l’ASD 2S, non risentendo neppure di un terreno ai limiti ella praticabilità.
A concretizzare la superiorità degli uomini di mister Pagano è stato uno strepitoso Luca Trecoci (soprannominato “Tritolo”), neo acquisto del “mercato invernale”, che ha “timbrato” una fantastica tripletta; l’altra marcatura porta la frima di Davide Favilli. I rosanero, oltre al bomber che vanta oltre 300 reti nel calcio dilettantistico ligure, si sono rinforzati anche con Fabrizio Boccaccio, un centrocampista dotato di una grande visione di gioco. Con questi due preziosi innesti, i rosanero guardano al futuro con giustificato ottimismo.

Ha perso invece un’occasione d’oro il Deportivo 2007, scivolato in terza posizione dopo aver impattato per 4-4 contro un eccellente Boca James in un incontro scoppiettante, adrenalinico, che ha offerto una continua altalena di emozioni (anche se la fase difensiva non è stata certo impeccabile su entrambi i fronti). Il club bochense, al suo esordio assoluto nell’UISP e con alle spalle un settore giovanile organizzato alla perfezione (collegato con la Torino Academy), sta crescendo a vista d’occhio. Nel match di sabato scorso, la compagine guidata da Enzo Borella ha sciorinato una manovra offensiva spettacolare, incidendo con agli affondi di Enrico Pozzolini, Alaaeddine Asserane (Aladino, il “Genio del Gol”), Giorgio Santeusanio e Renato Bisagno. L’équipe di Massimiliano Patti non è stata da meno, centrando a suo volta il bersaglio con Milo Chiari, Giorgi Franchini, Mattia Salvi e Sergio Fiorentini.

Il Phoenix ha confermato il momento positivo, superando poi per 5-3 il Ca’ De Rissi San Gottardo in una sfida divertente e ricca di azioni spettacolari. Il team di Molassana, pur lottando con rabbia e andando a segno tre volte con Danilo Tornatore, Federicoo Danovaro e Davide Apicella, ha pagato a caro prezzo una certa confusione tattica e gli errori difensivi (c’è stata pure un’autorete), facendosi infilzare dalle conclusioni di Vittorio Bertorello (che ha concesso il bis), Gabriele Carpaneto e Luca Robba.

L’Onires, già travolto (2-8) dallo Sweet Devils nel recupero, ha incassato un altro pesante K.O. dall’Olimpic Pra’ Palmaro 1971. I praesi, senza neanche spingere troppo sull’acceleratore, hanno mostrato la “manita” (5-0), esultando per la splendida doppietta di Massimo Angileri e gli acuti singoli dei letali Alessio Sercia, Gjergji  Kusha e Dennis Mossa. 
Ha riposato l’Atletico Quarto.

Nella prossima giornata, seconda di ritorno, confronto da brividi (e da play off) tra Sweet Devils e Deportivo 2007 (venerdì, Via Maritano “A”, ore 21,30). Ma non scherza neppure Boca James-Real Quezzi (venerdì, Bavari Taviani, ore 21,30). Sempre di venerdì sera (ore 21,30) si disputeranno anche ASD 2S-Phoenix 1995 (“25 Aprile”), Ca’ de Rissi San Gottardo-Atletico Quarto (Cornigliano) e Olimpic Pra’ Palmaro 1971-Zener (Multedo). Unica gara di sabato quella che opporrà l’incerottato Foce SAAR Depositi Portuali al furente G. Siri (S. Eusebio, ore 13,30), con la capolista desiderosa di riprendere subito la corsa. Riposerà l’Onires.

GIRONE B – L’altro Boca, il Devils Genova, ha risposto indirettamente ai “cugini” del James, conquistando un successo di cruciale importanza (2-1) contro il Genova Calcio Linea Messina. I gialloblù, saldamente secondi (sia pure a meno sette dalla vetta), hanno dato prova della loro forza e di una crescente consapevolezza nei propri mezzi e, riscaldati dal tifo caloroso dei loro sostenitori, non hanno patito le condizioni atmosferiche avverse. In un’aria di vetro (resa quasi solida dal gelo), hanno controllato quasi sempre il match, abbattendo la barriera dei “crociati” con le bordate di Marco Lucà e Davide Dondero. I sestresi, che non hanno comunque demeritato, hanno replicato in parte col puntuale Giorgio Mortello.

L’AZ Home For Life, in stato di grazia e aiutato da un avversario troppo “allegro” quando si trattava di contenere, ha superato con un tennistico 6-3 una pur volonterosa Ottica Gualducci, conservando il terzo posto. Gli “immobiliaristi” hanno “chiuso il set” con i traccianti del formidabile Walter Genna, che ha realizzato una cinquina da urlo, e uno “smash” di Michael Marra. Gli “ottici” hanno gioito per le prodezze del bravissimo Baka Sissoko (doppietta d’autore) e Oualid Yaccoubi, ma le invenzioni individuali non sono bastate per tornare a casa con un risultato positivo.

Passo in avanti del New Old Boys nella corsa verso i play off: i “vecchi ragazzi” hanno costretto alla divisione della posta (2-2) il lanciatissimo Campomorone S. Olcese. La capolista, unica squadra ancora imbattuta in A2 dopo la caduta del G. Siri, è stata meno brillante del consueto, pur trovando il varco giusto con Alessio Lungheu e Lorenzo Cocco. La banda di Daniele Dussoni ha reso la vita difficile ai santolcesini con una esibizione grintosa ma pure tecnicamente pregevole, riuscendo a sfondare con lo stesso Dussoni e Michele Longo.

Brutto capitombolo, invece, per l’Amatori Genova, che al “Torbella” ha dovuto fare i conti con la voglia di rivalsa della Vechia Rivarolese 2016, che spera di togliersi almeno qualche soddisfazione parziale in un’annata sin’ora deludente. Gli “avvoltoi” hanno prevalso di misura, ma con merito, per 2-1, capitalizzando al meglio gli spunti di Roberto Nasso e Andrea Limoncelli. I biancorossi, poco lucidi e scarsamente ispirati, hanno dovuto accontentarsi di un fendente del bomber Stefano Castronovo.

La Polisportiva S. Eusebio ha così potuto ridurre le distnza della quinta posizione, occupata proprio dall’Amatori Genova, in virtù della bella affermazione per 2-1 a spese del CSKA Pizza. La truppa di Alessio Battini ha cercato di andare oltre i suoi limiti, pungendo in una circostanza col bravo Emanuele Gaggero. Ma i bavaresi sono stati più tonici e micidiali sotto porta, bucando il portiere con i tiri precisi di Eros Riviera e dell’opportunista Andrea Dilemma.

La Resistente, reduce da un periodo complicato, si è “vendicata” contro un’inerme Olimpic Zena (5-0). Gli “assaltatori” di Alessandro Fossati hanno imperversato dall’inizio alla fine, procurando seri danni con i siluri dello scatenato Larmin Daboe (che ha calato uno strepitoso tris), Pietro Parladori e Marco Fighetti.  
Ha riposato il Nazario Et Celso.

Nella prossima tornata, occhi puntati sooprattutto su Campomorone S. Olcese-AZ Home For Life (sabato, Via Maritano “A”, ore 13). Decisamente stuzzicante ed incerto pure l’incrocio tra Amatori Genova e New Old Boys (sabato, Bavari Taviani, ore 11), mentre il Boca Devils Genova non dovrebbe avere troppi problemi contro il CSKA Pizza (venerdì, Serra Riccò, ore 21,30). La Polisportiva S. Eusebio se la vedrà con la Vecchia Rivarolese 2016 (venerdì, S. Eusebio, ore 21,30). Completano il programma Ottica Gualducci-La Resistente (sabato, Borzoli, ore 11,30) e Olimpic Zena-Nazario Et Celso (sabato, Branega, ore 13,30). Riposerà il Genova Calcio Linea Messina.
(Francesco Ferrando)