Amatori a 6: Ediltecno a gonfie vele


 l’Ediltecno Design AB Edilizia pare aver già messo le mani sul trofeo negli Amatori a sei e si prepara a sollevarlo per la settima volta. Nel 3° turno dei play off, hanno superato, sia pure con qualche affanno, anche un tenace Figgeu ’98 per 9-7 e sono gli unici a punteggio pieno. Soprattutto, hanno avuto la meglio all’esordio sulla rivale più temibile, il Resto Del Mondo: il che fa una bella differenza in una fase finale che si gioca in sole cinque giornate.

I peglini, fermi a zero punti, hanno fatto l’impossibile per tirarsi su, trovando lo spiraglio giusto con una strepitosa tripletta di Federico Rotondo, l’uno-due di Federico Lai e le stilettate di Davide Del Re e Andrea Barbin. Ma gli edili sono stati ancor più letali in avanti, sfruttando la giornata di grazia dell’eterno Attilio Biribò, che ha calato un meraviglioso tris. Hanno completato l’opera gli uno-due di Francesco Mantero e Xavier Andres Garcia Castillo e le invenzioni di Davide Stuto e Gianluca Motta.

Il Resto Del Mondo, campione in carica, non ha certo ammainato bandiera, ma deve sperare in un improbabile passo falso dell’Ediltecno Design AB Edilizia (e potrebbe non bastare, perché, in caso di arrivo a pari punti, sarebbe in svantaggio nello scontro diretto). Comunque, per adesso, i rossoblù sono anche loro a quota 4 (ma con una gara in più), dopo aver battuto per 9-6 un indomito Olimpic Pra’ Borussia Porcmund.

I volonterosi praesi sono stati bravi a pungere in attacco con una lancinante tripletta di Michele Cadile e le conclusioni al bacio di Davide Mele, Federico Fognani e Gjergji Kusha, Ma si sono distratti un po’ troppo spesso e sono stati puniti dalla mostruosa cinquina dello scatenato Davide Carboni e dalle rasoiate di Giuseppe Patrone e Davide Giugno (più un’autorete).  

Ha riposato il Cuae Poca.

PLAY OUT – Il Mambo FC ha allungato in classifica, ottenendo il terzo successo consecutivo a spese del valido Real Ponente per 6-4. I “realisti” hanno bucato il portiere con Davide Martello, Fabio Rizzo (un paio di volte) e Stefano Cesarini. La capolista, più concreta negli episodi chiave, ha messo la freccia con la tripletta da favola di Fabrizio Parodi, la splendida doppietta del puntuale Alessandro Pische e un abile tocco di Alessandro Sannino.

Il match più spettacolare ed avvincente è stato quello tra Cibona C.B. e Macachi, terminato con un salomonico 3-3. I “croati” hanno esultato per le invenzioni di Achille Da Pelo, Mirco Peghini e Matteo Murgia. I “primati” hanno a loro volta centrato il bersaglio con Ivan Palomba e Andrea Ranni (che ha fatto il bis).

Si è chiuso in parità (un pirotecnico 7-7) anche il duello tra All Scars S.C. e Real Pluto Pizzeria Al Portico, che non è riuscito ad imporre le sue migliori doti tecniche, nonostante le marcature degli immarcabili (e sovente immancabili) Maurizio Renna e Luca Rosso (una tripletta ciascuno) e  uno spunto di Christian Frau. Gli avversari hanno risposto a tono con i tris da sballo di Davide Cosso e Matteo Rissitano, più una trovata di Christian Badano.

Il Teplice, in un altro confronto equilibrato, ha avuto la meglio per 9-7 sull’Edilcleri, che ha sfondato con una portentosa cinquina di Aniello Ascione (il loro miglior uomo in campo), la tripletta dell’ottimo Michele Profumo e i fendenti di Filippo Ilardo e Fabrizio Ottonello. I celesti hanno esibito un Luca Bo formato supereroe, che ha calato un “settebello” davvero formidabile; hanno chiuso lo score Luca Gaeta e Jacopo Profumo (a segno in tre occasioni).

Nella classifica cannonieri generale, viaggiano spalla a spalla, con 32 gol a testa, Fabrizio Parodi (Mambo FC) e Simone Stornello (Ediltecno Design AB Edilizia). Sul terzo gradino del podio, siede, a quota 28, Cristian Vavalà, del Cuae Poca. Seguono a 27 Alessandro Pische (Mambo FC) e Davide Stuto, compagno d’avventure di Stornello. Luca Rosso (Real Pluto Pizzeria Al Portico) è balzato a 25, insieme ad Ivan Palomba, del Macachi, e Matteo Murgia, del Cibona C.B. A 24 troviamo quindi Simone Villaricca (All Scars S. C.), che precede di una lunghezza il coéquipier Davide Cosso e Federico Fognani (Olimpic Pra’ Borussia Porcmund).

Francesco Ferrando