Lavoratore Serie A1: ancora in 3 al vertice


Si è appena celebrato, il 9 novembre, il trentesimo anniversario della caduta del 
Muro di Berlino, che segnò, in pratica la fine dell'Impero Sovietico, lasciando sulla scena una sola superpotenza, gli Stati Uniti. Anche il Lavoratore A1, fatte le debite proporzioni, la scorsa estate ha visto dissolversi una delle sue due superpotenze, il Genova Calcio Anni 50, che non si è iscritto al campionato dopo aver diviso per anni il primato con la Fia Italbrokers.

Si credeva che il club fondato da Franco Lazzarini, ex giocatore della Sampdoria ed eminente figura dell'imprenditoria genovese, potesse dominare la scena, liberato dal suo acerrimo "nemico" (che aveva già dato segni di disfacimento nel 2018-2019). Ma non è stato così, almeno in queste prime giornate. Altre aspiranti potenze calcistiche si sono fatte avanti, mostrando di poter essere competitive.  

Una di queste è stata la Cattolica Bogliasco, che nel 2017-2018 aveva interrotto clamorosamente il "duopolio" del nuovo millennio. Nel 6° turno, i bogliaschini erano chiamati ad un duro test nella tana del G. Siri, neopromossa dalle notevoli potenzialità; sono usciti dallo scontro con le ossa rotte e un po' ridimensionati, perdendo per 2-3.

Il primo tempo è stato un autentico choc per i gialloblù, che erano ancora imbattuti. I "cardinalizi" hanno sciorinato un calcio spettacolare, travolgente, che ha annichilito gli esterrefatti avversari., investiti da ogni parte da una serie di attacchi tambureggianti, in cui facevano valere tutta la loro freschezza atletica e una fisicità prorompente (frutto di un'età media molto bassa, con tanti '97 e '98 in organico). 

Alli scadere del 35', il punteggio parlava chiaro, con i ragazzi di Giuseppe Misurale avanti 3-0, in virtù di un guizzo di Nicolò Colistra e di una formidabile doppietta dell'incontenibile Adama Kourouma, bomber assoluto della passata stagione in A2. Nella ripresa, la situazione si è improvvisamente capovolta. La Cattolica è rientrata in campo con un altro spirito, dimostrando che si trovava al primo posto non per caso. Approfittando anche di un calo mentale dei viola, ha tentato un'impossibile rimonta. Ha siglato l'1-3 su autorete e poi ha accorciato ulteriormente le distanze con Soufiane El Kamel. Ma i padroni di casa sono riusciti a conservare il vantaggio, conquistando così una preziosa (e meritata) vittoria. 

La Fia Italbrokers, reduce dal K. O. con la Frigo Genova MGA , si è prontamente riscattata, rifilando un sonoro 5-0 al "fanalino di coda" Mignanego Bunker. È stato uno show di gran classe, in cui il team di Mario Torti ha esibito tutta la sua forza, centrando ripetutamente il bersaglio con Giacinto Zito, Stefano Pigliacelli, Mauro Narizzano (che ha concesso il bis) e Davide Gazzano. Gli "assicuratori" hanno quindi riagganciato in vetta, a quota 13,  Cattolica Bogliasco e A F. Calcio, che riposava (con una gara in meno e una difesa granitica, appena 3 gol incassati, la formazione di Simone Foglino e' il teorico leader del torneo). 

Il PRCA Golfo Paradiso si è riportato a ridosso del trio di testa, superando con autorevolezza (3-0) l'ARCI Isoverde 1991, che al San Rocco di Recco nulla ha potuto contro gli ispiratissimi rivieraschi. La squadra di mister Ferrari ha menato le danze dall'inizio alla fine, concretizzando la sua netta superiorità con micidiale uno-due del solito, immancabile (ed immarcabile) Luca Laudisi e una stoccata di Davide Di Muzio 

Un Campomorone lucido e cinico ha espugnato per 2-0 il terreno dell'ASLA Nova Edilizia Genovese, ancora a secco di successi come Boca Devils Genova e Mignanego Bunker. La partita sembrava bloccata sul nulla di fatto, con scarse opportunità su entrambi i fronti ed emozioni col contagocce. Ma a sbloccare l'equilibrio ci hanno pensato i padroni di casa, commettendo uno dei tanti, banali errori di questo disgraziato di campionato. Su un'innocua rimessa laterale, una distrazione collettiva ha determinato un chiaro fallo da rigore: dal dischetto ha trasformato con freddezza Alessandro Buccafurno. L'allenatore Alessandro Scarcella si è giocato il tutto per tutto, sostituendo un difensore con una punta, nel disperato intento di rimediare. Ma, anziché l'agognato 1-1, è arrivato il raddoppio dei santolcesini, ad opera di Marco Pedemonte, difensore classe 1985, ex bandiera del Savignone.

La  Frigo Genova MGA. ha fallito l'opportunità di compiere un bel balzo in classifica, non andando oltre il pari (1-1) con l'Ansaldo Energia. Gli ansaldini, d'altro canto, hanno confermato di essere un osso duro da rosicchiare per chiunque: arcigni e determinati, hanno concesso il minimo indispensabile ai rivali, cogliendo anche l'attimo in avanti con Daniele Pacifico. La truppa di Gloria Fossati ha "graffiato" col bravo Matteo Barba, ma ha dovuto accontentarsi della divisione della posta, non dando seguito al trionfo colto con la Fia Italbrokers. 

L'FC Quinto ha spezzato il sortilegio, cogliendo la prima affermazione stagionale: un netto, inequivocabile 4-1 al Boca Devils Genova. L'equipe di Franco Bertolla ha trovato in Christian Fanelli un centravanti vecchio stampo in grado di sfruttare la gran mole di gioco dei compagni (qualcosa che sin'ora era sempre mancato). Così, anche l'assenza degli ecuadoriani Marriot e Quiroga e del playmaker Pandiscia (ancora alle prese coi postumi di una polmonite) non si è  fatta minimamente sentire.

La punta, che vanta esperienze in Promozione ed Eccellenza  ha aperto le marcature nel primo tempo con un'imperiosa capocciata. I bochensi, in costante soggezione, hanno scaturito un lampo nel buio, siglando a sorpresa l'1-1 in avvio di ripresa con Francesco Franco. Ma, a differenza di quanto era capitato tante volte nelle uscite precedenti, i quintini non hanno subito alcun contraccolpo psicologico, continuando a proporre azioni ottimamente orchestrate. Il magnifico Fanelli ha rimesso subito le cose a posto: è  mandato infatti a segno altre due volte, completando così il suo personale "hat trick". Antonio Saggiomo ha poi messo la ciliegina sulla torta nel finale. 

Note finalmente positive per l'FC Quinto, che, oltre ad un super Fanelli, ha messo in mostra un portiere affidabile come il giovane Picasso (neo laureando, approdato da poco al calcio dopo aver praticato kickboxing), l'eterno Garbarino ( presentatosi in smaglianti condizioni di forma, a dispetto dei 50 anni, dopo un "tagliando" con un preparatore atletico professionista), un Filimbaia eccellente  (anche in versione assist man) e in roccioso Villa (che ha dato sicurezza al reparto difensivo  commettendo solo una lieve svista nell'azione del temporaneo pareggio gialloblù).

Volti e toni mesti, invece, in casa bochense. E non potrebbe essere altrimenti. La squadra,  in realtà, non è poi così malaccio. Le tre punte, tutte nate nel '90 , sono veloci e guizzanti (in primis il rapace Luca'). La manovra, a tratti, si sviluppa pure bene. Quel che manca, come sottolinea mister "Serpico", sono la continuità, la decisione e l'abitudine a rimanere concentrati per tutto il match: doti indispensabili per affrontare la massima categoria. 

Nella classifica marcatori, altro tuffo in avanti dell'implacabile Luca Laudisi: il principale finalizzatore del PRCA Golfo Paradiso è salito a 9 "timbri". Lo segue, staccato di tre lunghezze, Mauro Narizzano, della Fia Italbrokers. A 4 troviamo Soufiane El Kamel (Cattolica Bogliasco), Daniele Petragallo (Campomorone S. Olcese) e Marco Luca' (Boca Devils Genova). 3 centri per Giuseppe Biancato e Giacinto Zito (compagni di Narizzano), Andrea Maraniello e Nicola Luca Traggiai (soci di El Kamel), la "new entry" Christian Fanelli e Marcelo Neptali Machuca Quiroga (entrambi dell'FC Quinto), Simone Notarnicola (A.F. Calcio), Adama Kourouma (G. Siri) e Stefano Ciani (Gente Della Notte Frigo Genova MGA). 

Nella prossima giornata, trasferta delicata per la Fia Italbrokers, che giocherà sabato (Via Maritano A, ore 13) contro un lanciatissimo Campomorone S. Olcese. Nel programma, spiccano altri due confronti da cuore e batticuore: A.F. Calcio (unica compagine ancora invitta)-PRCA Golfo Paradiso (venerdì, Baiardo G. Strinati, ore 21,30) e Gente Della Notte Frigo Genova MGA-FC Quinto, rispettivamente quarta e terza nella scorsa "temporada" (sabato, Bavari Taviani, ore 13). 

Il Mignanego Bunker si augura di assaporare la prima gioia ospitando l'Ansaldo Energia, ma sarà una sfida ardua per i polceveraschi (venerdì, Pontedecimo, ore 21,30). Duello tra neopromosse venerdì sera (ore 21,30, a Borzoli), con il Boca Devils Genova che affronterà il G. Siri. Nella "zona rossa", l'ARCI Isoverde 1991 "incrocerà i tacchetti" con l'ASLA Nova Edilizia Genovese (sabato, Pontedecimo, ore 11); in palio, ci saranno punti che valgono doppio. Riposerà la Cattolica Bogliasco. 

Francesco Ferrando