Il calcio a 7 femminile è unico


Rivolgimenti e sorprese in un'avvincente 5° giornata della A1 Femmnile, che appare combattuta ed incerta come non mai, con tante squadre competitive, ma senza una leader assoluto.

Il colpo gobbo della settimana l'ha messo a segno un eccellente Moto G.P. Fever-Tree, che ha superato di misura (2-1) le campionesse in carica del Real Ovomaltina (al primo K.O. stagionale). Le "gippine", in testa da sole con 7 punti, hanno disputato una prova perfetta, lasciando poco spazio alle rivali e tenendole in continua apprensione con le loro pericolose incursioni. A finalizzare il loro gioco spumeggiante ci hanno pensato Francesca Canale (centrocampista classe 1988, ex stella del Sapore di Sori nei tornei AICS) e Chiara Zampacorta. Sul fronte opposto,  non è bastata una prodezza della brava Lucia Belloni. 

Oltre al Real Ovomaltina, è caduto (e malamente) pure il Bogliasco Ma Che Gotti, travolto 2-6 da un Campomorone S. Olcese che ha preso a correre spedito. Le bogliaschine sono andate in tilt in avvio, subendo tre reti nel giro di 5' ad opera di Silvia Malavasi, Sonia Carmarino e Micol Profumo. Si sono rifatte coraggiosamente sotto con l'uno-due del loro bomber Alessia Calcagno, ma nella ripresa sono definitivamente crollate sotto le mazzate di Giulia Rogina, Silvia Cagnoni e Sara Massarelli. Insomma, è stato un autentico show delle "pupille" di mister Rimembrana, tornate ad esprimersi ai massimo livelli una volta ritrovata la miglior condizione atletica.

Il Patanegra si è staccato dal fondo  sconfiggendo per 3-1 la valida ma incostante Ediltecno Design Woman. Le "edili" hanno usufruito di un'autorete, ma neanche questo fortunato avvenimento le ha scosse da una certa apatia. Così le nero-bordeaux hanno potuto imporre la loro determinazione, insaccando con uno spunto di Chiara Brero e una bella doppietta di Giada Traverso, ex Ligorna.

Primo punticino per il "fanalino di coda", CFFSD Cogoleto, che ha pareggiato per 3-3 con il Vallescrivia. Le "tigrotte" hanno bucato la difesa con Carola Picasso, Martina Cacciabue e Federica Briamonte. Le cogoletesi di Andrea Ramaglia, con cui la dea bendata non è stata troppa benevola in questo inizio di stagione, hanno orgogliosamente retto l'urto, infilzando le valligiane con la scatenata Francesca Parodi (che ha fatto il bis) e Sara Gazzano.

La Polisportiva CAP&S, che ha riposato, è terza a meno due dalla vetta, ma con ben due incontri in meno, ed è la sola imbattuta. Teoricamente, potrebbe quindi essere capolista. Non male davvero per una neopromossa: mai un'équipe proveniente dalla "cadetteria" si era comportata così bene. 

Nella classifica marcatori, Alessia Calcagno (Boglia Ma Che Gotti) è avanzata sino a quota 8 e precede di due lunghezze Katia Germani (Real Ovomaltina), rimasta a secco nell'ultima uscita. A 5 troviamo Sonia Carmarino (Campomorone S. Olcese), tallonata a 4 da Francesca Canale, del Moto G.P. Fever-Tree. A 3 viaggiano poi Alice Coppola (Real Ovomaltina), Ilenia Gasperini (Polisportiva CAP&S) e la santolcesina Micol Profumo. 

A2 FEMMINILE - L'US Valponte 1986 si è  aggiudicato con una prova di forza l'incontro clou con l'Atletico Levante per 7-4, restando cosi l'unica compagine a punteggio pieno e guadagnandosi i favori del pronostico per la promozione. 

In vetta, oltre alle valpontine, troviamo altre tre squadre, tutte a 6 punti, ma con un numero diverso di gare disputate: San Lorenzo Della Costa (4 partite), Atletico Levante (4) e Atletico Stark (5). 

Le sammargheritesi, in una serata da "tregenda", hanno annientato con un eloquente 6-0 il Deportivo Nervi. Le "starkiane" hanno avuto la meglio per 3-1 su un arcigno Zena FC e sono poi corse a festeggiare in pizzeria. 

Il Rayo Vallecano, quinto, ma ad una sola lunghezza dal quartetto di testa (con un match in meno rispetto all'Atletico Stark e uno in più dell'US Valponte 1986), ha sconfitto senza pensieri (7-2) un debole Panta The Girl, che staziona in ultima posizione senza neanche un punto. 

Emozionante e divertente pareggio per 3-3 tra MarXsiro e Gruppo Alloro, con le cogornesi costrette spesso sulla difensiva, ma brave e ciniche nelle ripartenze. Si sono viste trame interessanti e i gol sono stati di pregevole fattura. Insomma, la noia è stata bandita e la divisione della posta è parsa, tutto sommato, un verdetto giusto.

Ha riposato il CUS Genova.

Nella graduatoria riservata alle attaccanti, Beatrice Verdina (San Lorenzo Della Costa) è la più prolifica, con 9 centri. Segue a 8 Giulia Maggi, del Gruppo Alloro. A 7 sono attestate Federica Cardini (Rayo Vallecano) e Roberta Maranini (US Valponte 1986). A 6 troviamo poi Erica Lombardo (Rayo Vallecano), Micol Favoni (Atletico Stark) e Sara Lusardi (Atletico Levante). La coppia dell'Atletico Levante composta da Sabina Beretta ed Alice Nappi è a quota 5.