Calcio a 7: prima vittoria del Roccacanuccia


L'US Valponte 1986, dal "Big Bang" del torneo, è in continua espansione, come l'Universo. Lanciato verso l'infinito e oltre. Nel 6° turno del Girone B degli Amatori a sette, ha centrato il sesto successo consecutivo, sconfiggendo con uno "spaziale" 6-3 la quotata Pro Sesto Genova, sin'ora al di sotto delle aspettative. I valpontini hanno viaggiato più veloci della luce, spinti dalla  "propulsione a curvatura".

A trascinarli verso l'ennesimo trionfo, sono stati due "extraterrestri" delle aree di rigore, Davide Ferrando (tripletta celestiale) e Michele Porcile (che ha festeggiato con una "siderale" doppietta il premio di miglior giocatore del mese di novembre offerto da "Ilbeer-shop" di Lorenzo Pittaluga); ha chiuso lo score Giulio Vianello. I "sestesi" hanno potuto controbattere solo a tratti, riuscendo a penetrare la corazza dell' "Enterprise" solo con l'uno-due del bravo Niko De Angelis e un guizzo di Vito Pacella. 

L'US Valponte 1986, in questo momento di esaltazione, non dimentica la sua vocazione per il sociale, portando avanti l'iniziativa "Valponzio Solidale 2019". Ii occasione dei mercatini di Natale di Campomorone (e di tutte le prossime partite), i ragazzi della squadra e i dirigenti proporranno la vendita di una calamita raffigurante la mascotte del club, al prezzo unitario di 2 euro. Il ricavato verrà devoluto a favore dell'associazione "Insieme Per Caso", che assiste le persone disabili. 

Tornando a questioni più "prosaiche", segnaliamo l'ampia affermazione della Pedemontana Cantera, seconda forza del gruppo, che ha superato con un altro punteggio tennistico (6-1) il Calcio Tegliese. I savonesi hanno salvato l'onore con una botta di Andreas Giusto. Per il resto, sono stati costretti a subire la costante pressione dei "canterani" di Omar Lafi, culminata in un tris dell'irrefrenabile Gioele Rosa e negli acuti singoli di Matteo Poire', Pier Luca Noli e Matteo Pedemonte. 

Un indiavolato Campomorone S. Olcese, buon terzo, ha schiantato con un "fantascientifico" 11-4 la malcapitata Resistente, che ha limitato ulteriori danni con le stoccate di Guido Guerra e Giacomo Savi (che hanno concesso il bis). I santolcesini, superiori in tutto, hanno dilagato con un sontuosa quaterna di Danilo Bernardi, un paio di conclusioni di Marco Congedo e gli affondi di Matteo Bazzu, Carlo Di Bernardo, Matteo Mezzapesa e Matteo Ferri. 

Lo Schiappe 04, ultimo senza neanche un punto, ha ceduto per 3-7 allo Zener, che ha così conquistato la prima vittoria. Gli "ingegneri", maggiormente attenti in fase di contenimento e più pungenti in avanti, hanno colpito con una magnifica doppietta del puntuale Alessio Cerbello e le bordate di Eros Repetto, Paolo Fardin, Simone Gallone, Simone Bagnasco e Stefano Burlando. I volonterosi blu hanno replicato in parte con Matteo Greco e Daniele Antonelli (due volte). 

Nella classifica cannonieri, Michele Porcile vola a "Mac 14": tante sono le reti del bomber dell'US Valponte 1986. Lo insidia a 12 il compagno di club Davide Ferrando. Danilo Bernardi (Campomorone S. Olcese) è balzato a 11. Sono attestati a 7 Pier Luca Noli,  Gioele Rosa (entrambi della Pedemontana Cantera), Andreas Giusto (Calcio Tegliese) e Giulio Vianello (US Valponte 1986). Il santolcesino Luigi Saccone è a 6, tallonato a 5 dal suo compagno Matteo Ferri. 

GIRONE A - Prima affermazione, dopo tanto penare, del Roccacannuccia, che ha steso con un severo 4-1 il CUS Genova Willy Sport. I cussini, scarsamente produttivi sotto porta, hanno evitato il "cappotto" con uno spunto di Andrea Forni. Il team di Oregina ha concretizzato la sua mole di gioco con l'uno-due dell'ottimo Mario Simone Carle e le stilettate di Francesco Saia e Raul Rodriguez Estevez. 

Il leader Capichera Calcio ha piegato con un combattuto 6-4 un San Ciro Eremita che sin'ora ha raccolto meno di quanto seminato (compliceun po' di sfortuna). I "santi" hanno messo in difficoltà la capolista con un paio di tiri precisi di Alessandro Massa e i tocchi di Friedrich Lustig e Massimiliano Nigro. Ma hanno alla fine dovuto arrendersi, trafitti dal formidabile "hat trick" dello scatenato Giuseppe Rosa, dal bis di Renato Bisagno e da un'invenzione di Emanuele Lari. 

Il San Teodoro Ketzmaja, con un'altra buona prestazione, si è sbarazzato agevolmente (8-2) del Grifone, che si è fatto vivo soltanto con le trovate estemporanee di Jose Natanaell Tenicela Gonzales e Giorgio Lenzi. I santeodoriani hanno imperversato con i le fiondate di Matteo Duretto, Riccardo Nucera (a segno in due occasioni), Matteo La Mela, Alessio Occhipinti, Lorenzo Nucera e Davide Gallone, più un'autorete. 

L'Hellas ha una difesa della... Madonna. Perdonate il gioco di parole, ma rende l'idea. Gli "ellenici" hanno subito appena 10 reti in sei gare e vantano la miglior retroguardia in assoluto. Proprio fidando su questa loro barriera praticamente insuperabile, hanno avuto la meglio con un inusuale 1-0 sull'Ediltecno Design AB Edilizia. In un match estremamente "chiuso" ed equilibrato, per fare la differenza è bastato lo sprazzo offensivo del lesto Rosario Alberto Taravella. I voltresi, reduci dalla scoppola rimediata la settimana precedente contro il Capichera Calcio (3-13), hanno dimostrato di attraversare un momento critico, scivolando in quarta posizione (sia pure con una gara in meno). 

Nella graduatoria marcatori, Renato Bisagno (Capichera Calcio) ha raggiunto in testa, con 10 "bersagli", Simone Stornello (Ediltecno Design AB Edilizia) e Luca Lupo (San Teodoro Ketzmaja). Li bracca, a quota 9, Andre De Luca, socio di Stornello. Marco Battista (Capichera Calcio) è a 8, Alessandro Massa (San Ciro Eremita) a 7. Seguono a 6 Giuseppe Rosa, Luigi Cuneo (entrambi del Capichera Calcio), Luca Fadda (San Ciro Eremita). A 5 ci sono poi Gilles Fedeli e Giorgio Barone (San Ciro Eremita), Gabriele Marchio (San Teodoro Ketzmaja) e Mario Simone Carle (Roccacannuccia).

Francesco Ferrando