7° Turno del campionato femminile


La Polisportiva CAP&S è diventata un'autorevole candidata al titolo. La settimana precedente era incappata in un inatteso scivolone, perdendo per la prima volta contro il Vallescrivia. Potevano sorgere dubbi all'interno della squadra. Potevano venire meno entusiasmo e sicurezza. Niente di tutto questo. 

Nella gara successiva, d'importanza cruciale, contro il quotato ed ambizioso Boglia Ma Che Gotti, le "portuali" hanno disputato una prova quasi perfetta, imponendosi per 2-1. Alle bogliaschine hanno concesso il minimo indispensabile, esibendo una fase difensiva superlativa: chiusure impeccabili, "diagonali" da manuale e una concentrazione ferrea. Solo in una circostanza le bogliaschine hanno fatto breccia, con il loro bomber Alessia Calcagno. Le biancoblù hanno giocato con intelligenza e fantasia anche in avanti, trovando in Martina Mazzantini una finalizzatrice coi fiocchi: la ragazza classe 1994, ex difensore di La Spezia e Real Cogoleto, ha realizzato una fantastica (e risolutiva) doppietta.Niente male per una neopromossa. 
Basti vedere quanta fatica faccia l'altra formazione salita dalla A2, tra l'altro staccando nettamente proprio Silvia De Blasio e compagne. Il Patanegra è infatti penultimo, dopo aver ceduto, sia pure onorevolmente (1-3) al Real Ovomaltina. Le campionesse in carica hanno sciorinato tutto il loro talento, colpendo con Alice Coppola, Serena Coppolino e Daniela Balbi. Le nero-bordeaux hanno replicato in parte con Chiara Brero, vincitrice con il Ligorna dal Campionato Italiano Juniores nel 2016. E non da comparsa. Nella finale vinta per 3-1 con il Bologna, segnò infatti un magnifico gol e fornì un assist al bacio ad Afea Simosis. 

Un Moto G.P.  Fever-Tree "glaciale" e determinato, con una retroguardia d'acciaio, ha espugnato per 2-0 il campo del Vallescrivia.Le "tigrotte" non hanno certo demeritato, ma la loro manovra è andata a cozzare contro un muro invalicabile. 

Sempre nel 7° turno, l'Ediltecno Design Woman ha compiuto un importante passo verso la salvezza, superando per 3-1 il CFFSD Città di Cogoleto, unica formazione a non aver mai vinto. Le cogoletesi si sono impegnate a fondo, come al solito, ma hanno confermato certi problemi strutturali: scarsa concretezza in avanti (solo Elisabeth Casalinuovo ha trovato lo spiraglio giusto) e qualche errore di troppo dietro. Le "edili" hanno capitalizzato invece al meglio le loro azioni, sfondando con Valentina Villiva' ( che ha concesso il bis) e Michela Rizzardi.

Nella classifica cannonieri, Alessia Calcagno (Boglia Ma Che Gotti), con 16 centri, "doppia" le seconde, Katia Germani (Real Ovomaltina) e Sonia Carmarino (Campomorone S. Olcese), attestate a 8. Monica Fasce (Moto G.P. Fever-Tree) ha raggiunto a quota 6 Alice Coppola, compagna della Germani. Seguono a 5 Francesca Canale (Moto G.P. Fever-Tree) e Serena Coppolino (Real Ovomaltina). A 4 troviamo quindi Giada Traverso, del Patanegra.

A2 FEMMINILE - Che botta! L'US Valponte 1986, che sin'ora aveva compiuto un percorso netto, ha subito un tracollo contro la rivelazione Atletico Stark Erre.Bi, capace di trionfare con un severo 4-1. Sul loro sito, le "starkiane", alla vigilia del big match, avevano scritto che per reggere l'urto con le valpontine avrebbero dovuto: a) ingaggiare Ibrahimovic o b) pregare Holly e Benji. Non ce n'è stato bisogno. Le verde-blu hanno sciorinato un calcio spettacolare ed efficace, travolgendo ogni resistenza con le stupende doppiette delle incontenibili Luisa Lo Sordo e Micol Favoni (attaccante nata il 19 agosto 1995, in passato protagonista con la Polisportiva Cap C.F. di Fabio Ferretti e Laura Micali). Le stralunate avversarie, sorprese da tanta abilità e foga agonistica, hanno evitato il "cappotto" grazie ad una stoccata della brava Letizia Minetto. 

L'Atletico Stark Erre.Bi si trova ora al primo posto con 12 punti (e otto gare disputate), insieme all'Atletico Levante (7 partite). Ma occhio all'US Valponte 1986 terza ma con sole sei incontri giocati. Comunque sembra questo il terzetto destinato a guadagnare la massima categoria. 

Le levantine si sono sbarazzate con un fragoroso 7-1 del Gruppo Allloro, che ha salvato l'onore con uno spunto di Stefania Radici. Sul fronte opposto, show personale della scatenata Alice Nappi, che ha messo sul piatto un ricco poker d'assi. Hanno completato l'opera Sabina Beretta,  Sara Lusardi ed Elena Gaggero. 

Ad insidiare il trio delle favorite c'è una neofita di belle speranze come il San Lorenzo Della Costa, che ha battuto per 4-2 le veterane dei tornei uispini del Rayo Vallecano. E dire che il match era iniziato in maniera scioccante per le sammargheritesi, sotto di un gol dopo pochi secondi, senza aver mai toccato la palla ("al fin della licenza" aveva insaccato Federica Cardini). Ma le neroverdi formano un gruppo solido, affiatato e ben organizzato tatticamente. Hanno così risalito la china e ribaltato la situazione con una serie di accelerazioni devastanti, culminate nelle conclusioni precise di Beatrice Verdina, Sharon Picone e Alessandra Federico ( magnifico il suo uno-due). Per le "spagnole", che vedono allontanarsi sempre più la zona promozione, non è  servita neppure una seconda marcatura di Teresa Rocco. 

Il Panta The Shire ha ottenuto il primo punticino stagionale, pareggiando per 1-1 con il CUS Genova Willy Sport, altra compagine che naviga nelle retrovie (è penultima). Le cussine hanno gioito per un'invenzione di Giulia Nobili, mentre le panta hanno colto l'attimo con una trovata di Maria Vittoria Romagnoli. Giusto, tutto sommato, il verdetto di parità, visto che le contendenti si sono equivalse, nei pregi come nei difetti. 

Il Deportivo Nervi, che pare in crescita, ha avuto la meglio (7-5) sul MarXsiro dopo una sfida emozionante. Le verde-blu, come capita spesso, hanno alternato momenti di grande intensità ad altri di banale distrazione, vanificando così le belle doppiette di Monica Servetto e Valentina De Caroppo e una stilettata di Tiziana Senatore. Le nerviesi hanno messo la freccia con una doppia prodezza di Alice Giaretti e gli acuti singoli di Sara Perotto, Francesca Massa, Chiara Giordani, Giulia Sigona e Angela Lia.

Ha riposato lo Zena FC. 

Nella graduatoria marcatori, duellano Micol Favoni (Atletico Stark Erre.Bi) e Alice Nappi (Atletico Levante), che vantano rispettivamente 13 e 12 "timbri". Terza piazza per Beatrice Verdina (San Lorenzo Della Costa), che è a quota 10. Giulia Maggi (Gruppo Alloro) viaggia a 9, tallonata a 8 da Luisa Lo Sordo (Atletico Stark Erre.Bi), Federica Cardini (Rayo Vallecano), Roberta Maranini (US Valponte 1986) e Alice Giaretti (Deportivo Nervi). A 7 troviamo la valpontina Letizia Minetto, Sara Lusardi (Atletico Stark Erre.Bi) e la "starkiana" Francesca Bontà. 

Francesco Ferrando