Amatori a 6: gli All Scars Sc festeggiano il primo punto


L'All Scars S.C., presenza storica degli Amatori a sei, è una squadra "simpatica". Per forza, direte voi: chi perde sempre sta simpatico a tutti. Ma, dietro questo termine generico si nascondono significati più profondi.  

Simpatia sta per lealtà, correttezza, rispetto degli avversari, senso dell'onore, passione, sportività. E pure un pizzico,   che non guasta, di autoironia (come indica il nome). Il club gialloblù subisce sovente pesanti sconfitte, ma continua tenacemente a giocare, senza lasciarsi prendere dal nervosismo o dalla rabbia. Mai un calcione intenzionale o una protesta isterica. Mica facile mantenere un comportamento impeccabile quando ti bersagliano da tutte le parti.  

I numeri sono infatti impietosi. I "tutti scarsi" sono quasi sempre ultimi. Ma ci sono cose che le cifre non possono spiegare: l'aritmetica non può misurare la grandezza di un in cuore. O forse sì. Basta "contare al contrario". Come si fa nella Coppa Disciplina, dove s'impone chi ha meno punti (penalità). Non a caso, in questa speciale graduatoria, l'All Scars S.C. ha trionfato ben cinque volte: 2013, 2014, 2015, 2018 e 2019. 

Insomma, la società non guarda troppo ai risultati nudi e crudi. Contano più altri valori. Però, qualche risultato positivo fa sempre piacere. Così, il pareggio per 4-4 strappato nel 7° turno al Cibona C.B. è stato festeggiato come una vittoria, perché il primo punticino regala già un dolce sapore all'intera stagione. 

I "croati", sicuramente meno brillanti del previsto in questa prima fase del torneo, hanno confermato di non attraversare un periodo positivo. Ma restano comunque una compagine di buon livello, con qualche individualità di spicco, come, ad esempio, i marcatori di giornata: Umberto Galliano, Federico Ferrando, Simone Pasqualetto e Mirco Peghini. Perciò la divisione della posta ottenuta dall'All Scars S.C. si configura come una mezza impresa. Resa possibile dallo strenuo impegno collettivo (quello non manca mai) e dagli acuti di Simone Villaricca, Davide Cosso (che ha concesso il bis) e Christian Badano. 

Intanto, l'Edilteco Design AB Edilizia ha chiuso il 2019 a punteggio pieno, aggiudicandosi per 11-8 il derby "edile" con un'indomita Edilcleri. I sammargheritesi, tipica squadra a "conduzione famigliare"(un po' come la ditta di cui porta il nome), hanno ribadito di essere maggiormente competitivi che in passato, cogliendo l'attimo con una strepitosa quaterna di Niccolò La Biunda (una sentenza sotto porta), un tris dell'ottimo Davide Paquola e uno spunto di Fabrizio Ottonello. 

Ancora una volta, i grandi favoriti per lo "scudetto", hanno esibito un Simone Stornello in versione extraterrestre: solo un alieno poteva siglare dieci gol. Certo, non ha vinto la partita da solo, visto che è stata la manovra collettiva a metterlo nelle condizioni migliori per battere a rete; ma il centrocampista classe 1983, ex Stemma Sestrese, ci ha messo tanto del suo. Ha completato lo score una botta di Andrea Faletti. 

Alle spalle dei campioni in carica, troviamo il Resto Del Mondo (che affronterà il Real Ponente il 9 gennaio 2020, dopo la consueta pausa natalizia), Mambo FC e Manceres 2017, tutte a 10 punti. 

I "mambisti" hanno travolto per 13-5 il Bambocci Team, "fanalino di coda" insieme all'All Scars S.C. i "portuali" hanno potuto solo limitare in parte i danni, con gli uno-due di Giuseppe Esposito e Mario Tedone, più una  fiondata di Fabio Macri'. Per il resto, hanno patito la netta superiorità degli avversari, che li hanno trafitti ripetutamente con un poker dell'imprendibile Andrea Romani, le sontuose triplette di Fabrizio Parodi e Antonio Baldassarre e una bella doppietta di Luigi Nicoletti. 

Il Manceres 2017 ha superato, non senza qualche affanno (6-4), un valido G.A. Ponente. Il team di Alessio Arturi ha "graffiato" con Fabio Gargiulo, Ivan Sorbera, Alberto Arturi e Nelson Cannistra'. Gli uomini di Daniele Vacca hanno messo la testa avanti con le doppie prodezze di Tiziano Penna e Federico Fognani e le invenzioni di Alfredo Andrea Garofani e Samuele Murru. 

Tiratissima la sfida tra 16157 e Teplice, con un elettrizzante arrivo in volata che ha privilegiato i "cechi" (9-8). I praesi non hanno nulla da rimproverarsi. Hanno lottato con ardore, riuscendo anche a sfondare con l'hat trick di Stefano Pedemonte, il bis di Francesco Sanfilippo e le stoccate di Yuri Vito Asaro e Andrea Porrata. I celesti hanno capitalizzato la favolosa sestina dello scatenato Michael Padovan, un paio di affondi di Roberto Simonetti e una fucilata di Riccardo Bombara. 

Nella classifica marcatori, Fabrizio Parodi (Mambo FC) comanda con 24 centri, cinque in più di Niccolò La Biunda (Edilcleri). Roberto Simonetti (16157) e Federico Lettieri (Manceres 2017) sono a quota 15. Giuseppe Esposito (Bambocci Team) è a 14, tallonato a 13 da Attilio Biribo' (Ediltecno Design AB Edilizia). A 11 viaggiano Stefano Pedemonte (16157), Ivan Sorbera (G.A. Ponente), Davide Stuto (Ediltecno Design AB Edilizia), Giuseppe Patrone (Resto Del Mondo), Mattia Lolliri (Manceres 2017) e Fabio Macri' (Bambocci Team). 

Il campionato si fermerà dal 24 dicembre al 9 gennaio 2020. Buone feste a tutti!

Francesco Ferrando