Coppa UISP A 11: buona la prima!


Ci sentiamo, allo stesso tempo, timorosi e speranzosi, euforici e incerti, un po'  confusi e un po' allegri. Come chi si è  appena risvegliato da un incubo o è sopravvissuto ad una catastrofe. C'è voglia di fare, di vivere, ma siamo ancora tramortiti ed impauriti. Ma, alla fine, il desiderio di ricominciare la vince su tutto.

È con questo stato d'animo ambivalente che anche giocatori, arbitri, tecnici e dirigenti uispini hanno ripreso a calcare i campi genovesi (da Cornigliano a S. Eusebio, da Via Maritano a Quarto Alta), per la disputa del turno inaugurale della Coppa Uisp a 11, a cui partecipano dieci squadre suddivise in due gruppi da cinque.

Malgrado la lunga inattività, le quattro partite che si sono giocate nel fine settimana hanno offerto un buon livello agonistico, sono risultate interessanti, vivaci, ricche di spunti e di reti. Negli occhi di tutti brillava la gioia di ritrovarsi, di tornare finalmente a correre e divertirsi, anche se i muscoli erano ancora intorpiditi e il fiato, inevitabilmente, un po' corto.

Nel Girone A, l'Ansaldo Energia ha travolto con un eloquente 5-1 il San Gottardo, che ha evitato il "cappotto" grazie ad un guizzo estemporaneo di Enrico Schincaglia. Gli Ansaldini hanno concretizzando la loro superiorità con le pregevoli doppiette di Massimiliano Tedeschi e Matteo Bisaccia, più un'invenzione di Valerio Vigo.

Ben più equilibrato e combattuto il confronto tra Ospedale San Martino e New Old Boys, vinto di misura dagli ospedalieri per 4-3. I ragazzi del professor Sergio Barocci, guidati dal professor Ribizzi hanno messo infine la testa avanti dopo un tourbillon di emozioni, sfruttando il sontuoso uno-due di Sandro Caruso e le stoccate di Marco Rovere e Fabio Pescetelli. Gli indomiti rivali hanno replicato in parte con Simone Rossi, il "brasileiro" Gabriel Mello Bonfim e il solito Michele Longo, il loro bomber principe.

Ha riposato l'Ottica Gualducci 2 Settembre 1971. Nella seconda giornata, in programma il 4 e 5 giugno, il New Old Boys se la vedrà con l'Ansaldo Energia (venerdì sera, Via Maritano "A", ore 21,30) e l'Ottica Gualducci 2 Settembre 1971 affronterà l'Ospedale San Martino (sabato, Borzoli, ore 11). Riposerà il San Gottardo.  

Nel Girone B, un Golfo Paradiso PRCA già in palla e desideroso di primeggiare, ha steso con un perentorio 4-1 il pur volenteroso Saint Trappa, che ha dovuto accontentarsi di una bordata di Tommaso D'Amato. I rivieraschi, che dovrebbero lottare per la prima piazza con la Cattolica Bogliasco (a riposo nella prima tornata), hanno mostrato la consueta abilità di palleggio e un'invidiabile intesa; tali doti sono sfociate nelle marcature di Domenico Cacciapuoti, Tommaso Pucci,  Luca Corallo e Luca Laudisi, capocannoniere del Lavoratore A1 nelle ultime stagioni.

È invece terminata con un equo pareggio (1-1) l'intensa ed accanita sfida tra Phoenix 1995 Ottica Rattaro e AZ Football Club. La squadra della Fenice, storica realtà del calcio uispino, ha colpito con una conclusione al bacio di Luca Robba; sul fronte opposto, ha colto l'attimo giusto al momento giusto il bravo e sveglio Domenico Stramondino. 

Nella giornata numero due, l'ambiziosa e quotata Cattolica Bogliasco incrocerà i tacchetti col Phoenix 1995 Ottica Rattaro (venerdì, Bogliasco 3Campanili, ore 21,00), mentre, in contemporanea a Quarto Alta, l'AZ Football Club si batterà  con il Saint Trappa, in un match che promette scintille. 

Francesco Ferrando