Calcio a 8: si è alzato il sipario!


Si è alzato il sipario anche sulla Coppa Uisp a otto, che si svolge interamente nell'impianto di Villa Gavotti, il "tempio" di questa disciplina, che è divenuta una dei fiori all'occhiello dell'attività uispina genovese. 

Il Girone A è stato caratterizzato dalla squillante vittoria (5-1) dell'Armata Mosconi contro il KF Service Genova Galaxy. Ha stupito, soprattutto, l'entità dell'affermazione, con i "galattici" in continua soggezione, capaci di evitare il "cappotto" soltanto grazie a uno spunto di Giuseppe Patrone. I rivali hanno fatto il bello e il cattivo tempo, mostrando un gioco collettivo di primissima qualità, sfociato nell'irresistibile doppietta di Massimiliano Paparella e nelle cannonate di Michael Rossi, Marco Canevara e Eduardo Garcia. 

Grande lotta e diffuso equilibrio, invece, nel 3-2 con cui lo Still Gianni Gambino ha piegato, non senza affanno, un combattivo Spartan Hawks. I "falchi" hanno colpito col portentoso uno-due del "rapace" Andrea Rossi, ma hanno infine dovuto arrendersi ad un bordata di Lorenzo Mazzarini e allo scatenato Michele Longo, che ha esibito un paio di prodezze decisive. Del resto parliamo di un bomber estremamente prolifico, che sotto porta sa sempre farsi trovare pronto. 


Nel Girone B, il G. Siri, una delle favorite di questo torneo estivo, ha esordito con un risicato successo per 1-0 contro i validissimi Lucani. La sfida è stata palpitante, incerta, con l'attacco atomico dei "cardinalizi" ben controllato dalla retroguardia lucana. Del resto, le attente difese hanno prevalso sui tentativi offensivi, trasformando la gara in un estenuante braccio di ferro.

Ha risolto la questione una trovata dell'eccellente Victor Ossai Olodu, uno dei tanti stranieri che brillano nelle file viola. Non a caso, il G. Siri, al momento dello stop della stagione 2019-2020 per la pandemia, navigava nelle prime posizioni nel Lavoratore A1, malgrado fosse appena stato promosso dalla A2. 

Decisamente più agevole la prova della Gymnotecnica, una habitué del calciotto, che ha schiantato con un perentorio 4-1 la volonterosi ma fragile Dinamo Losca, che ha siglato il gol della bandiera col tenace Alessio Pronzato. I "ginnici" hanno concretizzato la superiorità della loro manovra con un doppio, ispiratissimo,  Marco Rovere e gli affondi singoli di Jeffrey Oliver Vergara Mitte e Manuel Ronchetto.

Francesco Ferrando