Coppa a 8: tutto pronto per la finale


Verdetti ribaltati, sentenze sorprendenti nelle semifinali della rassegna uispina che ha segnato la ripresa dell'attività dopo la pandemia. 

Le semifinali che non t'aspetti hanno qualificato per la finalissima del 15 luglio a Villa Gavotti (ore 20,30) I Lucani e lo Spartan Hawks, che arrivavano alla fase ad eliminazione diretta da sfavoriti. Ma, al dunque, quando le partite sono divenute decisive, tutte le certezze sono venute meno e lo scenario è radicalmente cambiato.

Stupefacente, in particolare, la metamorfosi de I Lucani, che sono passati dall'ultimo posto nel girone (con quattro K. O. consecutivi) alla finale . Contro la Gymnotecnica hanno sfoderato una prestazione maiuscola, imponendosi per 2-1, al termine di un confronto serrato ed emozionante. 

Hanno sfruttato con cinica sapienza la vena realizzativa dell'ispirato Emanuele Spagnolo e dell'intramontabile Roberto Schipani Mungari e si sono difesi senza troppi affanni, facendosi infilare in una sola circostanza ad opera del combattivo Oliver Jeffrey Mitte Vergara, il migliore dei suoi. 

Lo Spartan Hawks, dal canto suo, non ha concesso scampo ad una stranita e impotente Armata Mosconi, che ha subito un'inequivocabile sconfitta (1-5), riuscendo solo ad evitare il cappotto grazie ad uno spunto di Matteo Geraci.

 Per il resto, dominio assoluto degli scatenati spartani, che hanno colpito a ripetizione con Krjstjan Reci, Fatos Hasa (classe 1991), Ardjan Dodai e Arjan Bizgjoni (che ha vestito in passato le maglie di Marassi FC, Sushi-Si Genova e Lido Square F.B.C.). 

Nella classifica cannonieri generale, si dividono il primato Lorenzo Mazzarini (Still Gianni Gambino) e Marco Rovere (Gymnotecnica), autori di 7 reti. La coppia delle meraviglie dello Spartan Hawks, Fatos Hasa e Krjstjan Reci, è a quota 6. Seguono con 5 marcature Isacco De Benedictis (Movimento Rangersport), Massimiliano Paparella (Armata Mosconi) e Andrea Romani (KF Service Genova Galaxy). 

Francesco Ferrando